Canova nell’obiettivo di Jodice

Grande opportunità ieri per me e per coloro che sabato mattina alle ore 11 hanno partecipato all’inaugurazione della mostra Jodice Canova, in programma al Museo Civico fino al 19 gennaio 2014.

Mimmo Jodice, famoso fotografo napoletano,  con il suo obiettivo ha varcato i territori nazionali, ed ha espresso in fotografia tutta la bellezza della scultura. Un’operazione estremamente difficile, perché attraverso quello che potrebbe essere un freddo oggetto meccanico, si avvicina ad una materia ugualmente fredda, il marmo, che lo scultore veneto manipolò con tanta abilità tanto da renderlo celebre e richiesto. I 47 scatti esposti, arricchiscono una sala altrimenti scarna e che si avvicina alla purezza architettonica che troviamo nei locali di Possagno. Un luogo che si anima di luce. Una campagna fotografica che potrebbe essere considerata datata, risalente a vent’anni fa, Jodice decide di intreprendere un viaggio alla ricerca di Canova e della luce trattenuta dai suoi marmi, la scelta del fondale giusto per far risaltare il bianco abbagliante delle sculture, vagando nei musei che conservano le sculture canoviane. Uno studio meticoloso della luce e dei punti di osservazione, scatti su scatti alla ricerca finalmente dell’angolazione giusta, con l’incertezza e il piacere dell’attesa. Accostandomi alle fotografie e agli ideali che animavano il mondo che Canova conosceva, mi soffermo a pensare al loro significato alla luce della società contemporanea. Le sculture trasmettono tutte l’ideale di bellezza, di eleganza, forza e di eterna giovinezza, e mi chiedo se quello che cerchiamo adesso siano le medesime cose. Non mi rimane che dire si, una società basata sempre di più sull’immagine, nell’apparire belli, giovani di successo, sempre pronti a essere sulla cresta dell’onda e apparire nel modo migliore. Se prendiamo anche solo in considerazione i nostri profili FB notiamo immagini perfette, o perfetta ai nostri occhi, come vorremmo essere visti. Altra particolarità l’assenza della didascalia che indichi il nome della scultura e il luogo di esposizione, un modo per calarci nel mondo non con occhio catalogatore ma emozionale.

La presentazione vede la necessaria presenza delle autorità, degli organizzatori, naturalmente anche del fotografo! Si parte dal Vice Sindaco Carlo Ferraro, si passa successivamente alla Dott.ssa Giuliana Ericani, direttrice del Museo bassanese la quale ci ricorda i lunghi tempi di gestazione della mostra, tre anni intensi per organizzarla, Maria Pia Morelli, nota imprenditrice e presidente dell’Istituto di Ricerca e Studi sul Canova, scrittrice  e collaboratrice di Marsilio editore, nel suo intervento un po’ turbolento, a causa di un pubblico un po’ indisciplinato, ricorda l’importanza di questa mostra in particolare ma di tutta la kermesse di Bassano Fotografia. Segue l’intervento di un rappresentante di Pro Bassano, che ci ricorda l’appuntamento successivo con il fotografo Daniele Pellegrini, e anche un breve intervento della Dott.ssa Mariani per la ditta Manfrotto, azienda leader nel campo degli accessori fotografici. Il catalogo è appunto edito da Marsilio, già nel lontano 1992 e il suo editore Cesare De Michelis, ci ricorda ancora una volta l’importanza di questo incontro, quello tra Canova e la fotografia, specie in b/n, che riesce a compiere una straordinaria lettura delle opere e dei personaggi che Canova crea.  Per ultimo finalmente l’artista, il maestro che non si definisce tale, Mimmo Jodice, che con molta umiltà e con straordinaria sintesi ci dice che le sue parole sono esposte sulle pareti, il suo contributo è quello di un lavoro basato sul rapporto con l’arte e gli artisti antichi e da un rapporto costante con la creatività.

Ora ci si gode la mostra, scoprendo anche il secondo piano e poi aspettando pazientemente le 12 per la seconda inaugurazione, quella della mostra di Daniele Pellegrini. A differenza di Jodice, l’artista è più impacciato nel parlare con il numeroso pubblico (compreso Jodice), con il risultato che se il fotografo napoletano è stato brevissimo, il fotografo originario di Crespano del Grappa (Treviso), non si fermava più! Per Pellegrini l’incontro con la fotografia non è stato un incontro, in quanto probabilmente l’apparecchio fotografico i suoi genitori glielo davano già per giocare! Si potrebbe definire un figlio d’arte, i genitori Lino ed Elena sono stati a loro volto fotoreporter, immortalati in una Domenica del Corriere, e Daniele compie il primo viaggio a vent’anni. Dal 1981 al 2002 inoltre è fotografo per il mensile Airone (Giorgio Mondadori Editore). Il taglio, i soggetti sono quindi diametralmente opposti a quello visto nelle sale prima! In cui dominano soprattutto i colori vivaci della vita e del mondo che palpita, gli scatti sono rappresentativi di quarant’anni di reportage che lo hanno portato a vedere i punti più estremi del mondo, sia come temperature che come stili di vita. La mia formazione mi porta soprattutto ad apprezzare quelle più artistiche, ma è impressionante l’esperienza di vita accumulata e i posti in cui ha avuto il privilegio di conoscere! Mi basterebbero metà mete! Inoltre se per il Canova visto da Jodice, è stato scelto un allestimento assolutamente muto, e poco invadente, per Pellegrini il discorso è diverso, le fotografie sono poste all’interno degli ex spazi conventuali di quella che un tempo era il convento di San Francesco e con la ricca quadreria seicentesca, così da creare un contrasto forte. Le fotografie sono anche racconti, in quanto le didascalie ci raccontano il contesto, il luogo e l’anno di realizzazione! La mostra è visibile fino al 10 novembre.

Almeno due buoni motivi per andare a Bassano, inoltre fino al 10 novembre sarà possibile vedere altre mostre in tutti i luoghi simboli di Bassano, perché non farci un salto?!

Vi lascio un po’ di foto

IMG_8976

IMG_8956

IMG_8957

IMG_8958ù IMG_8966

IMG_8967

IMG_8993

IMG_8997

IMG_8999

IMG_9003

IMG_9007

IMG_9009

Annunci

Ogni tanto qualche soddisfazione

20130321-133710.jpg

Oggi la poetessa Antonella Anedda ospite a Palazzo Leoni Montanari dopo ieri. Ho avuto l’onore di accompagnarla

Habemus poeta

IMG_1256

IMG_1257

Ecco tutti i poeti!
Ecco tutti i poeti!

Mentre in Città del Vaticano si assisteva alla fumata bianca, anche a Vicenza un romano (vero) vinceva una sfida importantissima lo Slam di poesia! Ma procediamo con ordine e vediamo come si è svolta la serata.

Appuntamento alle ore 18 nel loggiato inferiore della Basilica, al Bar Borsa, praticamente! La prima fase, la scelta della giuria attraverso una dose di fortuna! Ed ecco che si entra nel vivo della sfida, prima cosa trovare un posto a sedere e abbastanza riparato…un freddo abbastanza insopportabile! Per fortuna io e Petra ci scaldiamo  con la copertina di pile che troviamo sulla sedia e con un bicchiere di qualcosa che dovrebbe riscaldarci!

I concorrenti sono un po’ diversi da quelli che hanno reso inizialmente noto! Ma vabbè…che la prima manche abbia inizio! Il primo poeta ad esibirsi è il giornalista Stefano Ferrio, che decide di dedicare il suo verseggiare ai Maya, effettivamente materialmente non ci è scoppiata la terra sotto i piedi ma altri segni fanno pensare invece a dei cambiamenti epocali! La seconda è Sveva Folco, acclamata dal popolo degli sprizzati, segue Delia Fraccaro, che ci proposte due brevi poesie che evidenziano la sua straordinaria capacità di invenzione e di capacità verbali. Fabio Masetti, decide di cominciare facendomi saltare il cuore in gola, una poesia quella del poeta romano che non usa mezzi termini. La volta degli ultimi due aspiranti poeti…

Alla fine della seconda manche, un momento di poesia dedicata agli scartati, la prima è Ada Massignani, artist coach (!), che ci declama Trame antiche, dedicato ad un amore finito male….avendo osservato in varie occasioni il suo modo di approcciarsi…non mi stupisco, è troppo vulcanica! Anche Carlo Presotto lo ha potuto testare di persona!

Ma è giunto il momento di conoscere i protagonisti, che affronteranno la nuova manche: passa Sveva Folco, Delia Fraccaro, Fabio Masetti e Beatrice Pelagalli…

altre poesie per tutti i gusti fino ad arrivare, al termine della manche, con un’altra delle scartate, è il momento di Annamaria Ghirardello…ma la sfida continua e sono rimasti in due! Delia Fraccaro e Fabio Masetti… la vittoria va al poeta romano, che declama con tanto di ombrello, non si sa mai i furti!

Io ribadisco, e non me ne voglia nessuno! Potevate scegliere un mese diverso, non necessariamente giugno, anche aprile sarebbe andato bene, la gente c’era ma se facciamo un paragone con l’anno scorso, non tanta quanto quella sera, la pioggia, il freddo la corrente tra i portici e forse in generale poca verve che abbinata alle luci soffuse del Bar Borsa, non certo famoso per la luminosità, ha creato un clima un po’ sottotono…ma lo slam è sempre lo slam e sono certa che margini di miglioramento ce ne saranno, sperando sempre in una prossima edizione sia di Dire Poesie che del Poetry Slam!

Il pomeriggio delle donne

Ecco miei cari amici qualche immagine dello spettacolo di ieri pomeriggio nella cornice di Palazzo Leoni Montanari, ero in turno, quindi non ho potuto assistere bene e con calma a tutte le fasi del pomeriggio…però attraverso le immagini vi farete un’idea di quello che è successo!

IMG_1139 IMG_1144

 

Le foto qui sopra, testimoniano il momento iniziale del pomeriggio, con la performance teatrale a cure di Arti della rappresentazione, questo momento è dedicato alle ultime popolazioni ancestrali che nonostante la devastante modernità sopravvivono. E’ inoltre dedicato a tutte le donne che patiscono la follia del possesso!. Le attrici e danzatrici, guidate dalla regia di Giorgio Bordin, sono: Jolanda Bertuzzo, Anna Condorelli, Sonia Pernigotto, Caterina Romano, Manuel Bendoni.20130309-165527.jpg

 

L’attrice Stefania Carlesso legge alcuni brani tratti da “Angelina e la sua vita”, intervallata dai canti, provenienti da tutto il mondo , a cura del coro Cantagaia, l’ensemble persegue la ricerca dei canti tradizionali, provenienti per l’appunto da tutto il mondo, guidate da Catherine Robin

IMG_1146 Il coro Cantagaia è formato da: Gabriella Crugnola, Deborah De Toffoli, Geneviève Dinomais, Sandra Lavina, Antonella Marco, Paola Munaro, Sira Rodella.

Dire Poesia

Noi ragazze di Plm nel giorno della donna siamo già pronte per Dire Poesia

20130308-122617.jpg

Direttamente dalla Conferenza Stampa

20130307-121849.jpg

Comincia Dire Poesia!

8 appuntamenti alla scoperta della Poesia Contemporanea! Questa edizione, la quinta, sancisce la fine (e speriamo un nuovo inizio) di un percorso lungo 5 anni!

Il 2013, vede meno appuntamenti ma grandi nomi e come tiene a sottolineare l’Assessore alla cultura del Comune di Vicenza Francesca Lazzari, anche un modo per conoscere e vivere i Palazzi della città!

Elena Milan, di Intesa San Paolo, sottolinea l’intento del gruppo non va letto come semplice sostegno, ma una partmership attiva, con obiettivi, risorse e competenze.

Ma sono soprattutto le parole di Stefano Strazzabosco a fornirci la chiave di lettura dell’edizione che inizierà il 13 marzo con lo Slam vedi qui! La rassegna avrà dei temi principali che naturalmente saranno espressi dai protagonisti dell’edizione, come il doppio, l’origine e la fine, il corpo, del “buio della parola” (cit. Pierluigi Cappello). Ci racconta altresì della pubblicazione che nasce dagli appuntamenti di tutti questi anni, che raccoglierà inediti, rimasti tali e altri che sono diventati parte di una nuova raccolta, la pubblicazione presentata il 7 giugno alle ore 21 presso l’Officina Arte Contemporanea, in vendita ad un prezzo simbolico! Tante nuove esperienze liguistiche, tanti nuovi modi per scoprire un mondo diverso…seguite Dire Poesia.