Alziamo il sipario 21 – 27 aprile

Anche la stagione del Teatro Remondini di Bassano del Grappa volge al termine.

L’ultimo appuntamento è per giovedì 24 aprile alle ore 21, con lo spettacolo Onorana Società – il Vajont dopo il Vajont di Francesco Niccolini con Patricia Zanco e la regia di Mattiuzzi e Zanco, Produzione di Fatebenesorelle Teatro.

Già visto a Vicenza al Teatro Astra, come spettacolo fuori rassegna,  ecco il mio link

Ultimo appuntamento della stagione. Biglietti da 14 euro ai 25 per info e prevendite Ufficio IAT aperto dal lunedì alla domenica dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Teatro

Annunci

Alziamo il sipario dal 10 al 16 marzo

La settimana ricca di teatro inizia presto, domani Martedì 11 Marzo alle ore 21 appuntamento a Bassano del Grappa con Gl’innamorati, testo di Carlo Goldoni con Isa Barzizza, Stefano Artissunch, Selvaggia Quattrini e con Laura Graziosi, Stefano De Bernardin, Stefano Toson e la regia di Stefano Artissunch. La storia è quella di un amore tormentato tra due ragazzi che si destreggiano tra corteggiamenti e seduzioni. Opere classiche e sempre attuali che ruotano attorno alle inquietudine dei protagonisti.

Biglietti dai 14 ai 25 euro (diritto di prevendita + 1,50) presso il Teatro Remondini di Bassano. Alle ore 18.30 presso il Cafè attiguo al teatro ci sarà l’incontro con gli attori, sempre secondo la disponibilità degli stessi.

Venerdì 14 marzo presso il Teatro Spazio Bixio alle ore 21 Omaggio ad Edgar Allan Poe attraverso letture, proiezioni, performance e musica dal vivo. Con Piergiorgio Piccoli, Aristide Genovese, Anna Zago, Ana Farinello  e Daniele Berardi, musiche dal vivo di Angiola Grolla. Interventi performativi di Alessandro Bevilacqua, proiezione di fumetti anni ’70. Edgar Allan Poe è uno dei massimi rappresentanti del racconto gotico anche se i suoi scritti sono posteriori a questo periodo. Giornalista, poeta, critico letterario, editore e molto altro. Come grande anticipatore di generi letterari come il racconto poliziesco e di fantascienza.

Biglietto 10 euro, 8 ridotto. Per info e prenotazioni info@theama.it oppure ai numeri 0444 322525(dal lun al ven dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18); 347 7342025 ( tutti i giorni dalle 10 alle 18);

Sabato 15 marzo o vi sdoppiate oppure vi toccherà scegliere: al Teatro Astra troviamo il premiato attore emergente (Premio Mariangela Melato), Tindaro Granata. Ritorna a Vicenza con lo spettacolo Invidiatemi come io ho invidiato voi con Tindaro Granata, Mariangela Granelli, Emiliana Masala, Bianca Pesce, Francesca Porrini, Giuseppina Lembo, Giorgia Senesi, Elena Arcuri. Assistenza alla regia Agostino Riola, scene e costumi Eliana Borgonovo, disegno luci Matteo Crespi. Elaborazioni musicali Marcello Gori. Lo spettacolo trae ispirazione da una storia di cronaca accaduta veramente, qualche anno fa in provincia di Perugia. Tocca un tema veramente complicato come quello della pedofilia. Una società che ama solo se stessa, uno spettacolo che si svolge come un processo senza una persona a cui attribuire la colpa ma cercando di capire dove questa si trovi.

Biglietto intero 13 euro, ridotto 11

La stessa sera al Teatro Spazio Bixio, la compagnia Locchi32 presenta Save the word di Silvia Capaccioli e Walter Cerotta. Scene e costumi di Ginevra Danielli, luci di Anna Merlo con Luisa Capaccioli, Walter Cerotta, Nicola Ciaffoni, Lorenza Fanton, Laura Serena. Il mondo è sull’orlo del baratro e Superman è in coma. Trovare un nuovo paladino sembra l’unica soluzione, ma come selezionarli? Naturalmente un provino è l’unica soluzione, in cui tutti dovranno dimostrare le loro doti migliori. Il progetto teatrale è nato da un gruppo di giovani allievi del Piccolo di Milano che portano in scena in maniera ironica il problema molto meno divertente del lavoro.

Biglietto intero 10, ridotto 8

Teatro

Alziamo il sipario 24 febbraio – 2 marzo

La settimana teatrale consta di tre appuntamenti: il primo spettacolo in programma al Teatro Remondini di Bassano del Grappa, dal titolo Pretty un motivo per essere carini il 26 febbraio alle ore 21 Di Neil LaBoute con Filippo Nigro, Fabrizia Sacchi, Forges Davanzati e Dajana Roncione, per la regia di Fabrizio Arcuri. La produzione de la compagnia Gli Ipocriti. Un cast effettivamente cinematografico per uno spettacolo composto da chiacchiere classiche e incomprensioni amorose ma che nascondono una riflessione sull’ossessione della bellezza nei rapporti personali, analizzando i falsi miti di oggi.

Secondo la disponibilità degli attori, alle ore 18,30 presso il Color Cafè di Bassano ci sarà un incontro con i protagonisti. Biglietti dai 14 ai 25 euro. Prevendite presso l’Ufficio IAT di Largo Corona d’Italia.

Il secondo appuntamento a Vicenza al Teatro Spazio Bixio  sabato 1 marzo alle ore 21 con la compagnia Nautilus Cantiere Teatrale, con La Presidentessa la commedia di Charles-Maurice Hennaquin e Pierre Veber. Con la riduzione di Piergiorgio Piccoli con Gianluca Beltrando, Manuel Bendoni, Wilma Berti, Carlo Bettinardi, Federico Calearo, Gianfranco Cardone, Enrico Colombara, Max Fazenda, Lorenzo Gennaro, Martina Marangon, Francesco Nicassio, Gilda Pegorato, Annalisa Sgorlon, Laura Sorrentino. Adattamento e regia di Daniele Berardi. Ambientato a Grey, piccolo borgo provinciale, si sveglia dalla monotonia grazie ad un’attrice di varietà che entra in casa del Presidente del Tribunale in compagnia del Ministro della Giustizia. Qui la comicità e le scene imbarazzanti portano scompiglio sulla scena. La scenografia è pensata per ricreare lo spirito da vaudeville con musica, belle époque etc…

Per info e prenotazioni info@theama.it 0444 322525 (lun- ven 10 – 13 e 14-18), 3457342025 (tutti i giorni dalle 10 alle 18). Biglietto intero 10 ridotto 8.

Terzo appuntamento al Kitchen Teatro Indipendente sabato 1 marzo alle ore 21 con la Compagnia Effetti Personali e lo spettacolo La singular istoria del cavalier Astolfo. La compagnia parte dalla figura di Orlando per immaginarlo quale giullare del verso, cercando di avvicinare pertanto un classico della letteratura in maniera più affine ad un pubblico eterogeneo.

Per info e prenotazion 335 56625286 info@kitchen.it

Teatro

Alziamo il sipario dal 17 al 23 febbraio

Già da questa sera il primo appuntamento teatrale. Prima tappa a Bassano del Grappa il 17 febbraio con Giuseppe Battiston ci aspetta con lo spettacolo dal titolo L’invenzione della solitudine di Paul Auster con la regia di Giorgio Gallione e con la produzione di Teatro dell’Archivolto. Un uomo si trova nella casa del padre scomparso da poco, una grande abitazione dove fino alla morte era rimasto isolato ed estraneo alla famiglia. Attraverso gli oggetti di questa casa, il figlio scopre finalmente un padre.

Biglietti dai 14 ai 25 euro, presso il Teatro Remondini di Bassano del Grappa, in prevendita presso l’Ufficio Iat di Largo Corona d’Italia. Come sempre, in base alla disponibilità degli attori, alle ore 18.30 incontro presso il Color Cafè. attiguo al teatro stesso.

Venerdì 21 febbraio si ritorna a Vicenza al Kitchen Teatro Indipendente con I segreti di Arlecchino di Enrico Bonavera. L’attore ed autore presenta il mondo della maschera in modo inconsueto. Scene ricavate direttamente dalla tradizione e alcune figure di storici attori ormai nel dimenticatoio. Da Zanni, Pantalone, Dottore, Capitano, Arlecchino. In uno spettacolo in cui troverete tutta la tradizione del passaparola.

Di e con Enrico Bonavera, maschere Amleto e Donato Sartori, Costumi Alessandro Osemont e Valeria Campo, luci Pietro Striano

Biglietto unico 10 euro, 13 euro biglietto + tessera ARCI

Per info e prenotazioni info@spaziokitchen.it 335 5625286 Via dell’Edilizia 72.

Sabato 22 febbraio ben due appuntamenti, comincio quindi con il Teatro Astra con lo spettacolo Mio figlio era come un padre per me di e con Marta Dalla Via e Diego Dalla Via, aiuto regia di Veronica Schiavone, partitura fisica di Annamaria Ferlini, scene di Diego Dalla Via e costumi di MArta Dalla Via. Lo spettacolo ha vinto il primo premop a Scenario 2013. Generazioni a confronti, scoprendo il futuro che ci aspetta. Una casa, quella di famiglia, che abbiamo sempre immaginato diventare un giorno nostra, ma anche finalmente padroni delle nostre vite.

Biglietto intero 13 euro, 11 ridotto per info e prenotazioni info@teatroastra.it

Sempre Sabato 22 febbraio alle ore 21 al Teatro Spazio Bixio, Nautilus Cantiere Teatrale presenta Il suono e il respiro, lettura scenica sulle contraddizioni artistiche e culturali di Wilhelm Furtwängler con Andriano Marcolini e gli attori di Nautilus Cantiere Teatrale. Furtwänglerè stato uno dei più grandi direttori d’orchestra, dirigendo la Gewandhaus di Leipzig, la Filamornica di Vienna e di Berlino. Dal 1924 al 1954 redige dei quaderni personali che costituiscono la base dello spettacolo della serata.

Biglietto intero 10 ridotto 8, per prenotazioni info@theama.it o al numero 0444 322525 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18; mentre al 345 7342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Teatro

ato quasi per caso, con la volontà di presentare la Maschera e la Commedia in un modo non consueto, accostando scene tradizionali strutturate a una affabulazione a braccio, si è trasformato a poco a poco in un affresco di alcune figure storiche della Commedia all’Improvviso, attori che, ormai dimenticati, sono però stati le grandi ‘star’ di quella gloriosa epopea del teatro.

La presentazione di brani classici dei personaggi di Zanni, Pantalone, Dottore, Capitano, Arlecchino, si alterna ad aneddoti, brevi sketches, a momenti di racconto, improvvisazione, e ‘svelamento’ di alcuni ‘segreti’ dell’arte dell’attore in maschera.

“I segreti di Arlecchino” ha, e continua ad avere, una circuitazione basata essenzialmente sul ‘passaparola’, e quindi trova vita nell ‘incontro e nell ‘autentico gradimento del pubblico, con il quale l’attore ha spesso un rapporto diretto in scena.

Con il solo ausilio di un baule e di una sedia come scenografia, e delle splendide maschere di Amleto e Donato Sartori, lo spettacolo può essere allestito in qualsiasi teatro con la massima agilità.

Ecco perché ha visitato il teatro più piccolo del mondo – il teatro Salvini di Pieve di Teco – come il Teatro Biondo di Palermo o il Teatro Carcano di Milano, ed ha trovato sede ideale in teatri storici come il Teatro Bibbiena a Mantova, il Teatro dello Scamozzi a Sabbioneta, il Cortile di Palazzo Rosso a Genova, o l’antico Teatro Sacco di Savona.

– See more at: http://www.spaziokitchen.it/1827/venerdi-21022014-enrico-bonaverai-segreti-di-arlecchino/#sthash.0RnDQFC6.dpuf

ato quasi per caso, con la volontà di presentare la Maschera e la Commedia in un modo non consueto, accostando scene tradizionali strutturate a una affabulazione a braccio, si è trasformato a poco a poco in un affresco di alcune figure storiche della Commedia all’Improvviso, attori che, ormai dimenticati, sono però stati le grandi ‘star’ di quella gloriosa epopea del teatro.

La presentazione di brani classici dei personaggi di Zanni, Pantalone, Dottore, Capitano, Arlecchino, si alterna ad aneddoti, brevi sketches, a momenti di racconto, improvvisazione, e ‘svelamento’ di alcuni ‘segreti’ dell’arte dell’attore in maschera.

“I segreti di Arlecchino” ha, e continua ad avere, una circuitazione basata essenzialmente sul ‘passaparola’, e quindi trova vita nell ‘incontro e nell ‘autentico gradimento del pubblico, con il quale l’attore ha spesso un rapporto diretto in scena.

Con il solo ausilio di un baule e di una sedia come scenografia, e delle splendide maschere di Amleto e Donato Sartori, lo spettacolo può essere allestito in qualsiasi teatro con la massima agilità.

Ecco perché ha visitato il teatro più piccolo del mondo – il teatro Salvini di Pieve di Teco – come il Teatro Biondo di Palermo o il Teatro Carcano di Milano, ed ha trovato sede ideale in teatri storici come il Teatro Bibbiena a Mantova, il Teatro dello Scamozzi a Sabbioneta, il Cortile di Palazzo Rosso a Genova, o l’antico Teatro Sacco di Savona.

– See more at: http://www.spaziokitchen.it/1827/venerdi-21022014-enrico-bonaverai-segreti-di-arlecchino/#sthash.0RnDQFC6.dpuf

Alziamo il sipario 3 – 9 febbraio

Una settimana estremamente ricca di appuntamenti, da una parte all’altra della provincia.

La nostra settimana comincia il 4 febbraio, di martedì alle ore 21 con Il prigioniero della II Strada, di Neil Simon con Tosca D’Aquino e Maurizio Casagrande, con la regia di Giovanni Anfuso e la produzione de La Contrada. Un classico della commedia per una storia di grande attualità! La storia di una coppia, in cui il marito è un uomo onesto, mentre la moglia sa volare alto, con la capacità tutta femmile. Cosa succederà???

Biglietti dai 14 ai 25 euro. Prevendita biglietti e carnet presso l’Ufficio IAT (Largo Corona d’Italia) dal lunedì alla domenica dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 o telefonando al 0424 524351.

Mercoledì 5 febbraio alle ore 21, al Teatro Super di Valdagno con lo spettacolo L’uomo, la bestia e la virtù di Luigi Pirandello con Enzo Vetrano e Stefano Randisi, Ester Cucinotti, Giovanni Moschella, Antonio Lo Presti, Margherita Smedile, Giuliano Brunazzi, Luca Fiorino. Con la regia di Enzo Vetrano e Stefano Randisi.

Il protagonista è un rispettabile professore privato, ma lindo solo all’apparenza. Nella sua altra vita è amante della signora Perella, moglie infelice del Capitano di Marina. Anche lui, del resto, ha un’altra famiglia. Il problema si pone quando la suddetta signora rimane incinta. Qui la comicità si stempera in poesia e in elementi surreali.

Biglietti dai 15 (poltrona), 19 (poltronissima). Abbonamenti e biglietti (diritto di prevendita +1 euro), presso la Libreria Buonastampa (Corso Italia 17 a Valdagno)

Venerdì 7 febbraio alle ore 21 con lo spettacolo di Kitchen Teatro Indipendente dal titolo Anagramma via Artom, di Gianni Stoppelli. Il protagonista, cresciuto in Via Artom e a quindici anni è stato arrestato con l’imputazione di omicidio volontario a scopo di rapina, successivamente la sua pena è diventata più pesante. Narra per mantenere memoria dei caduti, e mentre racconto mi alleno a boxe. Sicuramente un appuntamento di grande impatto.

Biglietto 10 euro (o 13 se dovete tesserarvi), infp@spaziokitchen.it – 3354 5625286 – 0444 301167 lunedì – mercoledì e venerdì dalle 17 alle 20.

Sempre venerdì 7 febbraio a Vicenza al Teatro Astra Fratto_X di Flavia Mastrella e Antonio Rezza con Antonio Rezza e con Ivan Bellavista (mai) scritto da Flavia Mastrella, habitat di Flavi Mastrella, assistente alla creazione Massimo Camilli, disegno luci Mattia Vigo, organizzazione generale Stefania Saltarelli. Una produzione RezzaMastrella – Fondazione Piemonte Europa – TSI La Fabbrica dell’Attore Teatrale Vascello. Premio hystrio Altre Muse 2013.

Due persone discorrono sull’esistenza, una delle due ha tempo di pensare. Un ideogramma… ma cosa sarà in realtà?

Intero 13 ridotto 11 info@teatroastra.it per indo e prevendite.

Sabato 8 febbraio alle ore 21 al Teatro Spazio Bixio Prova generale – spettacolo di improvvisazione teatrale. Con Andrea Masiero, Claudia Gafà, Francesco Fontanieri, Grazia Generali, Leonardo Ruvolo, Lucio Bustaffa, Giorgia Mazzuccato, Paolo Canuto, Paolo Facco.

Lo spettacolo porta in scena la storia di una compagnia teatrale in balìa di un regista fuori dalle righe. Modifiche improvvise, soluzioni divertenti ma il tutto non vedrà mai il debutto ma solo una prova generali.

Biglietti intero 10 e ridotto 8 info@theamateatro.it 0444 322525 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 o al 345 7342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Teatro

Sono cresciuto in Via Artom. A quindici anni sono stato arrestato con l’ imputazione di omicidio volontario a scopo di rapina. Dopo due anni e quattro mesi sono stato condannato in primo grado a ventotto anni. Il pubblico  ministero aveva chiesto l’ergastolo.

Non avevo parole e gesti per difendermi. Perché mi sentivo colpevole. Perché non sapevo esprimermi. Perché sentivo che  nessuno sarebbe stato disposto ad ascoltarmi. Ad ascoltare un assassino. Da  quando sono stato in grado di analizzare e interpretare la realtà, anche attraverso il teatro, ho voluto dare voce a quel ragazzo. Mi sono sentito addosso il ruolo e il compito del sopravvissuto, quindi dovevo narrare. La verità di un gesto non volontario. La verità di quei ragazzi morti in seguito per overdose di eroina, di aids, oppure ammazzati, suicidi, o vaganti ancora nelle galere del nostro paese.

Ho voluto narrare perché rimanga e sia resa memoria ai caduti. Tutti. I palazzi di via Artom possono anche essere abbattuti, ma il ricordo resta nei corpi di tutti coloro che vivono.

Come nel mio. Durante il mio racconto mi alleno alla boxe, così riesco ad espormi… i muscoli e disciplina riescono a fare uscire le parole dal corpo. Le storie di quelli più fragili. Tutto sommato, su 4000 abitanti, quei ragazzi, rappresentavano una minima parte. Così anche, vorrei fosse chiaro che non eravamo sempre e solo dediti a commettere reati, ma che c’era in ognuno di quei ragazzi una profonda sensibilità, in alcuni del talento, e in tutti la voglia di vivere.

Usando le parole della dott.ssa Marina Bertoncin, “…Mi sono concesso l’opportunità di riflettere sui modi attraverso i quali un territorio diventa attore: nello specifico sulle periferie urbane e sulla genesi “territoriale” dell’emarginazione, ovvero sui meccanismi della territorialità che favoriscono esiti sociali di esclusione e ghettizzazione”.
Una persona una volta mi disse:“Tu sei prigioniero del tuo incubo e hai sempre bisogno di celebrare l’omelia della tua tragedia per continuare a vivere… spettacolarizzando un incubo.” Anch’io in alcuni momenti ho pensato che mettere in scena il proprio omicidio, rappresentasse una bestemmia e un insulto per la vittima. Però il teatro non è un reality, non è fiction. Il teatro è un immersione. E’ un luogo che si raggiunge solo con l’anima, dove raccontare un incubo è già la cura.
Kantor intendeva l’arte come ricerca lucida e consapevole del rischio.

– See more at: http://www.spaziokitchen.it/1807/venerdi-07022014-gianni-stoppellianagramma-via-artom/#sthash.LN7oQh9X.dpuf

Alziamo il sipario dal 20 al 26 gennaio

Per il primo appuntamento della settimana ci trasferiamo a Bassano del Grappa, dove il 22 gennaio alle ore 21, andrà in scena Il berretto a sonagli di Luigi Pirandello con Anna Tringali, Giacomo Rossetto e con Renzo Pagliaroto, Massimiliano Mastroeni, Anna De Franceschi, Eleonora Panizzo, con la regia di Giorgio Sangati e la produzione Teatro Bresci. Una tragicommedia tra tradimenti e pazzia, riscivendo la storia liberandola dalla connotazione folcloristica di Pirandello per ambientarlo in un paese multietnico!

Biglietti dai 14 ai 25 euro, presso il Teatro Remondini. Prevendita presso l’ufficio IAT oppure allo 0424 524351. Prima dello spettacolo e secondo la disponinbilità degli attori, è possibile incontrare presso il Color Cafè gli artisti.

Il secondo appuntamento è previsto per il 24 gennaio presso il Kitchen Teatro Indipendente con A.R.E.M. Agenzia recupero Eventi Mancanti, con la compagnia Elena Vanni. Ideata e gestita da tre donne, queste si impegnano a far rivivere a “pazienti” ricordi del passato. Una sorta di catalogo di felicità, previa compilazione di un modulo. Noi le conosciamo mentre sono alle preve con gli ultimi preparativi prima dell’inaugurazione, come andrà questa avventura? Avranno clienti? Questo spettacolo i pone come una ripresa dei temi de à la recherche du temps perdu, alla ricerca del tempo dell’infanzia perduta e da riconquistare. Idea di Elena Vanni e raimondo Brandi, di e con Francesca Farcomeni, Noemi Parroni, Elena Vanni. Collaborazione artistica e drammaturgia di Raimondo Brandi, scene mobili di Silvio Motta, costumi di Alia Mirto Botticchio, foto Laura Stramacchia.

13 euro (biglietto + tessera), 10 euro biglietto. Per prenotazioni info@spaziokitchen.it sms al 3355625286 oppure 0444301167 il lun – me – ve dalle 17 alle 20. Via dell’Edilizia 72.

Sabato 25 gennaio invece due appuntamenti in città. Cominciamo dal Teatro Astra con lo spettacolo Nella Tempesta della compagnia Motus. Ideazione e regia di Enrico casagrande e Daniela Nicolò con Silvia Calderoni, Glenn Caçi, Ilenia Caleo, Fortunato Leccese, Paola Stella Minni. Drammaturgia di Daniela Nicolò, assistente alla regia Nerina Cocchi, suono e video Andrea Gallo, Alessio Spirli (Aqua Micans Group), disegno da Moltitudini Marzia Delfini. Prendendo spunto dal testo shakespeariano si parla della tempesta in cui ognuno di noi siamo coinvolti: tempesta socio politica, economica, etnica, conflitto tra pasri e figli, in tentativo di riappriopriazione. Dalla commedia originale scritta tra il 1610 e 1611 si narra ancora di Prospero, un mago che utilizza le sue doti magiche per riportare la figlia Miranda sul trono, che le spetta! L’intento è di mettere in scena un mondo che inizia.

La compagnia Motus, è tra i maggiori esponenti del teatro di ricerca italiano. Fondata nel 1991 a Rimini, dopo varie collaborazioni con numerose realtà marocchine, prosegue con percorsi ispirati a Beckett, Rilke, Cocteau, Pasolini etc…

Durante la serata si svolgerà la raccolta coperte! Esse costituisco il primo riparo dopo una tempesta, quindi arrivate a teatro con una coperta di qualsiasi materiale, vecchia o nuova, piccola o grande!

Biglietto intero 13 ridotto 11. Per info e prenotazioni info@teatroastra.it

Sempre sabato 25 gennaio alle ore 21, al Teatro Spazio Bixio …Mi lamento e basta.. -becero tour. Scritto, diretto e interpretato da Luca Maschera. Il nome dello spettacolo nasce da un gruppo nato su Facebook, che si caratterizza per i post tutti di lamentele. Le reali lamentele saranno portate sul palco dando vita a risate e siparietti esilaranti e in cui ogni argomento e aspetto della vita è indagato. C’è il richio che qualcuno si senta direttamente chiamato in causa!

Biglietto ridotto 8 e intero 10, info@theama.it 0444 322525 dal lun al ven dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, 3457342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Il giorno dopo il 26 gennaio, siamo alla vigilia del Giorno della Memoria, per questa importante celebrazione Theama Teatro e quindi Teatro Spazio Bixio, ci invita a teatro con un evento speciale dal titolo Un Eroe silenzioso, alle ore 17 con lettura scenica e accompagnamento musicale dal vivo, con Aristide Genovese e al violoncello Andrea Marcolini. Nel 2013 ricorreva il centenario dalla nascita di Elio Gallina, notaio trevigiano, che sfruttò la sua professione per aiutare gli ebrei perseguitati, nascondendoli e facendogli ottenere i documenti per l’espatrio. Nel 2007 è stato riconosciuto come Giusto tra le Nazioni. Attraverso la sua figura e le altre che hanno fatto la differenza si parlerà di uomini che hanno contribuito a far vivere ad altri la loro! Ingresso unico a 5 euro.

Teatro

Da un’idea di Elena Vanni e Raimondo Brandi
Di e con Francesca Farcomeni, Noemi Parroni, Elena Vanni
Collaborazione artistica e drammaturgica di Raimondo Brandi
Scene mobili Silvio Motta
Costumi Alia Mirto Botticchio
Foto Laura Stramacchia – See more at: http://www.spaziokitchen.it/1727/venerdi-24012014-compagnia-elena-vannia-r-e-m-agenzia-recupero-eventi-mancanti/#sthash.kZ4m2YVd.dpuf
Da un’idea di Elena Vanni e Raimondo Brandi
Di e con Francesca Farcomeni, Noemi Parroni, Elena Vanni
Collaborazione artistica e drammaturgica di Raimondo Brandi
Scene mobili Silvio Motta
Costumi Alia Mirto Botticchio
Foto Laura Stramacchia – See more at: http://www.spaziokitchen.it/1727/venerdi-24012014-compagnia-elena-vannia-r-e-m-agenzia-recupero-eventi-mancanti/#sthash.kZ4m2YVd.dpuf

Alziamo il sipario: dal 6 al 12 gennaio 2014

Prima settimana di ripresa della stagione teatrale.

L’anno nuovo potrebbe cominciare a Bassano del Grappa al Teatro Remondini, mercoledì 8 gennaio 2014, con Giuliana Musso  La fabbrica dei preti, di e con Giuliana Mussi, collaborazione all’allestimento Massimo Somaglino. Video a cura di Giovanni Panozzo e Gigi Zilli. Produzione La Corte Ospitale. Giuliana Musso ci porta nei seminari che tra gli anni ’50 e ’60 hanno formato una generazione di preti, che adesso si trova a fare i bilanci di una vita.

Biglietti dai 14 ai 25 euro, info e prenotzioni al num 0424 524214

Venerdì 10 due appuntamenti in città, al Kitchen Teatro Indipendente, Grosse risate lacrime magre, alle ore 21, della compagnia Bluscint. Il nome della compagnia deriva dal dialetto piemontese, quello dei contadini e significa il cielo è terso. La compagnia nasce nel 2004 dall’incontro tra Paolo Feroni e Massimo Canepa, entrambi ospiti di un centro di salute mentale, ad un certo punto decidono di sostituire i farmaci con il teatro.

Per info e prenotazioni info@spaziokitchen.it o sms al 334 5625286. 10 euro per i tesserati, 13 biglietto + tessera. Via dell’Edilizia 72, 36100 Vicenza.

Sempre alle 21 di venerdì 10 gennaio, altro teatro stessa città! Al Teatro Spazio Bixio Ishà – La forza delle donne di Nuove frequenze. Un concerto tematico con Davide Dellai (voce e chitarra), Johnny Fina (voce, armonica e fiati), Stefano Toldo (basso), Paolo Costa (chitarra), Andrea Dal Bianco (piano e tastiere).
Ishà è la donna, la sua essenza, un modo di essere. Interventi con pensieri in un concerto composto da una ventina di canzoni suonate dal vivo.

Sabato 11 gennaio, sempre al Bixio e sempre alle ore 21, lo spettacolo Ogni possibile inutile resistenza di Soledarte. Di Giulia Tomelleri, diretto e interpretato da Giulia Tomelleri. Più sei affiatato ad una persona, maggiormente difficile dire quello che si pensa. Non diciamo molte cose per non far stare male le persone. La cifra interpretativa è l’interruzione.

Biglietto intero 10, ridotto 8 info@theama.it 0444-322525 (dal lun al ven 10-13  e dalle 14 – 18); 3457342025 (tutti i giorni dalle 10 alle 18).

IMG_0540

Intrecci d’arte con brindisi

Ottavo incontro con Pagina piegata, con tanto di atmosfera natalizia.

Alle ore 20.45 presso il Ridotto del Teatro Remondini di Bassano del Grappa, si scoprirà una nuova realtà del panorama bassanese, l’Associazione Culturale Sconfusion. Claudio Brunello, parlerà con gli ideatori, Michele Meneghetti, Mauro Spigarolo, Dario Vanin, Stefano Moro, Thomas Eagle.

La seconda parte della serata sarà invece all’insegna della musica per scoprire un musicista, in un senso straordinariamente ampio del termine. Plurifautista, pluristrumentista e compositore Giuseppe Dal Bianco, in particolare si parla del suo ultimissimo progetto l’Hypnosis Duo. La serata, della durata di 80 minuti circa, si concluderà con una bicchierata.

Ingresso libero.

Alziamo il sipario: dal 9 al 15 dicembre

Il primo appuntamento in questa settimana è previsto per giovedì 12 dicembre alle ore 21. La location è il Teatro Remondini di Bassano con lo spettacolo Taking Care of Baby di Dennis Kelly con Isabella Ragonese e con Matteo Angius, Francesco Bonomo, Pieraldo Girotto, Francesca Mazza, Sandra Soncini con la regia di Fabrizio Arcuri e la produzione di Accademia degli Artefatti. Il dramma è ambientato nei nostri giorni, mescolando il linguaggio televisivo e quello teatrale. Prende spunto da due storie vere, quello di Sally Clark e Angela Cannings che corrispondono al caso italiano di Cogne.

Biglietti dai 14 ai 25 euro. Per info e prenotazioni 0424 52414

Il secondo appuntamento è invece previsto per il 13 dicembre alle ore 21,  con Discorso Giallo di Fanny & Alecxander, ideazione di Luigi De Angelis e Chiara Lagani. Drammaturgia di Chiara Lagani. Progetto sonoro The Mad Stork e regia di Luigi De Angelis. Lo spettacolo parte dalla frase di Sandra Milo Ma tu da grande cos’è che puoi fare? Ma è decisamente una frase che sentiamo spesso da piccoli mea in realtà me la faccio anche adesso. Lo spettacolo in rassegna rimanda al mondo della tv italiana, dal recupero dell’analfabetismo, il palcoscenico dei buoni sentimenti, fino ai talent anni Duemila. La protagonista è una scolaretta vintage, incarnazione di una società adulta incapace di crescere. E il giallo cosa rappresenterà?

Biglietto intero 13, ridotto 11 per info e prenotazioni info@teatroastra.it 0444 323725, ufficio in stradella Barche 5

Sabato 14 dicembre appuntamento al Teatro Spazio Bixio alle ore 21 con Civediamoaldìperdì della compagnia Teatro Campestre. Di Elisabetta Granara, Chiara Valdambrini, Roberta Testino con Elisabetta Granara, Elisa Occhini, Sara Allevi. Regia di Elisabetta Granara. Il dì per dì da un giorno all’altro ha cambiato colore e nome. Tre ragazze precarie in cerca di soluzioni alimentari ecologiche, etiche e sane. L’interno della cucina diventa il luogo della memoria in cui si riproducono i suoni dei ricordi come quello della mamma che grattugia il pane.

Intero 10 e ridotto 8, info@theamateatro.it 0444 322525 dal lunedì al venerdì dALLE 10 ALLE 13 e dalle 14 alle 18, oppure al 3457342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Infine domenica 15 dicembre alle ore 21.15 si va ad Arzignano al Teatro Matterello, in un luogo da definire, lo spettacolo Made in Italy di Babilonia Teatri. Affronta in modo ironico le contraddizioni del nostro tempo, procedendo per accumulo. Le scene continuamente interrotte, gli attori non recitano, ma la musica è sempre presente.

Segue la performance di Risonanze Concentriche.

Biglietto unico 10 euro. Per prenotazioni sms al 347 9505506 o info@trendeventi.it

IMG_0540

Alziamo il sipario: settimana dal 18 al 24 novembre

In questa nuova settimana due nuovi appuntamenti, tra la città e la provincia.

Da questa settimana il mio rapporto sulle esperienze teatrali che potrete fare in città e in provincia, si arricchisce di altri teatri. Come il Teatro Remondini che proprio questa sera inaugura la sua stagione “Il teatro siamo noi”. Oggi 18 novembre alle ore 21 End of the Rainbow di Peter Quilter con Monica Guerritore come attrice protagonista, musiche dal vivo. Per la regia di Juan Diego Puerta Lopez e con la produzione di F. Bellomo. Monica Guerritore porta sul palco la triste storia di Judy Garlan in un musical ispirato alla sua vita. Canterà otto tra le più belle canzoni della diva americana e dopo i palcoscenici d’oltreoceano arriva per la prima volta in Italia.

Nell’ambito di Bassano Teatro d’autore i biglietti vanno dai 14 ai 25 euro.

Il 22 novembre, di venerdì alle ore 21, appuntamento al Teatro Spazio Bixio con Nautilus Cantiere Teatrale, presentano Donne di venerdì, commedia brillante di Antonio Zanetti con Clarissa Battaglino, Daniela Calvene, Valentina Ferrara, Arianna Guglielmi, Federica Omenetto, Daniela Padovan, Daniele Berardi, Gianfranco Cardone. Per la regia di Anna Zago e Piergiorgio Piccoli.

Tre ragazze conondividono l’appartamento, alle quali si aggiungono altre tre dividono la loro vita tra telefonate anonime, mariti birichini e amici maldestri. Ma le sei donne di dedicano un giorno alla settimana, il venerdì. In questa sacra serata qualcuno turba il loro gineceo, dando vita a episodi cominci che scaturiscono dai caratteri delle protagoniste.

Intero 10 euro ridotto 8 info@theama.it 0444322525 (dal lun al venerdì 10-13 e 14-18), 3457342025 (tutti i giorni dalle 10 alle 18).

Domenica 24 novembre invece, se volete, potete fare un salto ad Arzignano. Alle ore 21.15 con Exvuoto Teatro, presentano “Fedra“, vista quest’estate in versione inscatolata in Piazza Matteotti. Quindi la versione teatrale incentrato sulle dinamiche della coppia. Seguirà la performance di Michela Dal Maso.

Ingresso 10 euro per info e prenotazioni sms al 3479505506 info@trendeventi.it

 

IMG_0540