A Treviso una luminosa creatura si aggira tra le sue vie…

… e anima le sue librerie.

Venerdì 17 ottobre nuova tappa per il collettivo Blanche che arriva a Treviso per partecipare al primo festival letterario della città. Il Festival Carta Carbone che coinvolge abitati, negozi e accoglie colore che sono pronti a scoprire la città.

Io sono arrivata di volata per partecipare all’apparizione di Blanche che assieme alle sue valigie piene di storie, cartoline, taccuini è pronta a far parlare di sé.

Il ritrovo è la Libreria Canova di Treviso, che dire già una libreria è un mondo unico fatto di storie di vite, vederla tanto affollata è una gioia, anche perché in piena crisi economica e della cultura la presenza di così tante persone è una speranza che il mondo non solo ha bisogno di bellezza ma anche di leggere!

Prendo posto e pronta a carpire e a volare con la fantasia, mi nutro dell’odore della carta stampata, che dovrebbe essere una fragranza venduta in profumeria. Ed ecco che tra le meraviglie anche uno strumento utile per immergerci ancora di più nel suo mondo, per conoscere, tappa dopo tappa, le varie vite di una donna apparentemente fragile come la carta e bianca come la carta ancora intatta.

Si comincia e la libreria si trasforma in una Biblioteca, in cui vivono e convivono gli ultimi utenti di una giornata autunnale, normale, uggiosa e piovosa. Da una parte l’homo cartaceus, interpretato da François Bruzzo, il quale talmente rapito dalle parole e dai suoi ragionamenti non si accorge dell’arrivo della turbolenta fanciulla che semina valigie, fogli, cartoline e cioccolata dappertutto! Blanche donna e viaggiatrice solitaria, non è mai veramente sola perché ha assieme a lei ci sono i libri, inseparabili amici che non temono tradimenti e gelosie. A differenza invece degli uomini, esseri capricciosi e dalle parole piene di mille speranze e illusioni. Così tra i mille luoghi che ha visitato e in cui ha vissuto si aggiunge anche Treviso la città con i suoi canali, le sue vie e le sue case dalle facciate traboccanti di fiori.

La biblioteca è un luogo anche d’incontro tra i silenzi della fanciulla e le letture colte di un uomo che allieva la sua stessa solitudine colmandola di altri amici, lontani, perduti e recuperati attraverso le pagine che hanno lasciato. Blanche si ferma cambia il suo abito indossando la città, diventando parte lei stessa del suo tessuto, ma il suo destino è quello di cambiare destinazione, fermarsi non è una possibilità e il viaggio a Treviso carica delle sue valigie finisce per approdare da qualche altra parte! Se volete anche voi seguire Blanche vi invito a visitare la sua pagina FB e cominciare a viaggiare con lei, verso nuovi luoghi.

Per l’occasione è stata stampata in edizione limitata la storia Treviso è una valigia un racconto di Silvia Seracini.

Doveroso un saluto a tutti i componenti del collettivo: Elvezia Allari la creatrice degli abiti scultura, Silvia Seracini la scrittrice del collettivo, Valentina Ferretto che anima l’abito calandosi in Blanche, Giovanni Todescato attore e voce dei video di Blanche, Patrizia Peruffo designer raffinata e produttrice di preziosi taccuini, François Bruzzo in questa occasione l’homo cartaceus ma normalmente docente di lingua, letteratura e civiltà francese a Milano, Federico Zugno che con la sua fisarmonica ha scandito la serata, Luigi De Frenza fotografo e Gian Pietro Cazzola che ha curato l’editing audio e fotografie per il collettivo.

IMG_9549

IMG_9550

IMG_9552

IMG_9554

IMG_9556

IMG_9562

IMG_9566

IMG_9578

IMG_9583

IMG_9585

IMG_9594

IMG_9599

Un mini – laboratorio per aiutare Blanche

Si scrive, si impara si migliora! La luminosa amica Blanche, prima di intraprendere un nuovo viaggio in giro per il mondo, si riposa sui colli vicentini, per riposarsi si ma anche per mettere in ordine le carte e gli appunti che ha collezionato nei lunghi mesi di viaggio!

Il 7 e l’8 setttembre, nella cornice della Casa Guest House “La Tramontana”, di Altavilla Vicentina, vi ospita per accompagnarvi in un viaggio con i taccuini. (sito alternativo)

Il mini – laboratorio è realizzato in collaborazione con Racconti di città, sabato 7 settembre dalle 15 alle 18.30 e domenica 8 settembre dalle 10 alle 13.30. Alla fine di entrambi due momenti conviviali con buffet/brunch.

I posti sono limitati, le iscrizioni sono aperte fino al 2 settembre, per iscrizioni contattate Silvia Seracini silviaseracini@yahoo.it; 339 2971384.

Il costo: laboratorio + buffet 30 euro, per entrambi i laboratori 50 euro.