Danilo Memoli Trio

Nel periodo più speciale dell’anno, il Bar Borsa, decorato a festa, ci invita per un altro appuntamento  a suon di jazz.

Martedì 10 dicembre alle ore 21.30 vi aspetta Danilo Memoli Trio, composto ovviamente da Danilo Memoli al piano, Marco Privato al contrabasso e Remo Straforini alla batteria.

Si forma con Marcello Tonolo e Luigi Bonafede, per poi seguire dei seminari intensivi di jazz per quattro anni. La sua formazione musicale si arricchisce di anche all’estero, oltre a dirigere il proprio trio, dal 1998 suona nel quartetto del sassofonista Steve Grossman. Nel corso della sua carriera ha collaborato con Jesse Davis, Vincent Harring, Kurt Weiss, solo per citare alcuni, per tour in Italia e all’estero.

Il concerto è a ingresso libero 

Per info e prenotazioni 0444 544583 info@barborsa.com, P.zza dei Signori 26.

borsa_bar

Il Risorgimento a Vicenza

Tempo di celebrazioni e di riscoperte per i vicentini, recuperare un passato che vi ha (io ufficialmente ero sotto i Borboni) reso liberi dal gioco austriaco per essere sotto quello italiano.

Una visita guidata per conoscere i luoghi del Risorgimento vicentino, nell’anniversario della concessione della prima medaglia d’oro al Valor Militare alla bandiera della città (nel novembre 1966). Tra le tappe di questo viaggio il Museo del Risorgimento, che proprio nei giorni scorsi è stato restituito a studiosi, appassionati e cittadini, con una nuova “faccia”.

L’appuntamento è per domenica 17 novembre alle ore 9,30 con partenza da Piazza dei Signori per arrivare a Monte Berico e al Museo. Obbligatoria la prenotazione al numero 333 5988806 o attraverso la mail agtavicenza@gmail.com, al costo di 5 euro (che comprende la visita guidata e l’ingresso al Museo del Risorgimento). Ritrovo alle colonne della Piazza.

Per scoprire una pagina di storia importante prenotate!!!

Vicenza meets: Odifreddi, Faes, Dorn

Ultima serata all’ombra della Basilica per Vicenza Incontra che il 26 luglio alle ore 21.

Un incontro tra matematica e musica con tre protagonisti ed esperti del settore. Da una lato il matematico Piergiorgio Odifreddi, i suoi libri come i suoi interessi non possono essere rinchiusi nel campo della matematica, ha infatti scritto di storia della scienza, filosofia, politica, religione, esegesi, filologia ecc eccc.

Filippo Faes, pianista e direttore è considerato tra i più originali interpreti della sua generazione. Oltre che solista pratica la musica da camera. Autore televisivo di programmi musicali.

Ai due umini si affiancherà la pianista Babette Dorn per scoprire quello che matematica e musica hanno in comune, contribuendo a tracciare una mappa umanistica della storia.

Vicenza Meets: Luca Tarantelli

Martedì 23 luglio alle ore 21, nuovo appuntamento in Piazza per Vicenza Incontra.

Il protagonista del secondo appuntamento è Luca Tarantelli che presenta il libro edito da Rizzoli dal titolo Il sogno che uccise mio padre. Storia di Ezio Tarantelli che voleva un lavoro per tutti.

La storia è quella dell’economista Ezio Tarantelli, ucciso nel 1985 dalle Brigate Rosse. Luca, all’epoca 13 anni, fa di questo libro una ricostruzione alla ricerca di un padre che non ha più, nei violenti anni di piombo e una riflessione politico – sociale dell’Italia tra gli anni Settanta e Ottanta.

Dopo la presentazione del libro sarà la volta della proiezione di un documentario, dal titolo La forza delle idee, realizzato nel 2010, da vivere come strumento in più per capire la realtà dell’epoca.

Vicenza meets: Antonio Stella

Con l’estate ritornano anche gli incontri con autori, giornalisti. In tutto tre nello scenario di Piazza dei Signori che dalle ore 21 chiacchiererà con il moderatore e naturalmente con il pubblico presente!

Il primo appuntamento è per giovedì 18 luglio con il giornalista vicentino Gian Antonio Stella, giornalista del Corriere della Sera, presenterà il suo libro La deriva. Perchè L’Italia rischia il naufragio.

Parlerà di una Penisola stretta nella morsa della burocrazia, amplia lo sguardo alle caste, non solo quella politica…

Ingresso libero, P.zza dei Signori, ore 21!