Prime avvisaglie di una nuova stagione

Prima di riprendere la mia consueta rassegna sugli spettacoli nei teatri cittadini e non. Ecco le prime notizie sulla stagione che per alcuni inizia già a settembre.

Kitchen Teatro Indipendente di Via dell’Edilizia 72, inaugura con la Fabbrica Magica. Spettacolo che sarà possibile vedere sabato 20 settembre alle ore 21 e domenica 21 settembre alle ore 17.

Lo spettacolo è a cura della Compagnia Kitchen Project, per la drammaturgia di Franca Pretto, la regia di Franca Pretto e Gianni Gastaldon.

Queste due date costituiscono il debutto ufficiale del nuovo cast.

Biglietti: intero 8 euro (per i tesserati) o 11 euro (non tesserati); Ridotto per i ragazzi fino ai 14 anni 5 euro (tesserati) oppure per la stessa fascia d’età 8 (non tesserati).

Gradita la prenotazione a info@spaziokitchen.it oppure con un sms al 3355625286

la fabbrica magica

Ribalta del 9 maggio

Tra i teatri di cui ho finora ricordato le programmazioni settimana dopo settimana a cavallo tra il 2013 e il 2014, chiudiamo con Kitchen Teatro Indipendente che chiude venerdì 9 maggio alle ore 21 con Teatro Bresci e lo spettecolo Arbeit

La protagonista è una ragazza semplice, come tante, Nicoletta che ha capito subito era l’unica strada che rende libero l’uomo. Ma la libertà le è stata rubata e poi fatta a pezzi. Nella sala di aspetto di una clinica, Nicoletta ci parla, capendo insieme  che non è completamente vera la “Il lavoro rende liberi”.

Via dell’Edilizia 72 per info e prenotazioni info@spaziokitchen.it – 3355625286 oppure 0444 301167 il lunedì – mercoledì e venerdì dalle 17 alle 20. Biglietti 10 euro per i tesserati, 13 per i nuovi tesserati.

Alziamo il sipario 7 – 13 aprile

Cinque nuovi appuntamenti questa settimana, anche se per alcuni Teatri ormai siamo alla fine della stagione.

Ad esempio con il Teatro Super di Valdagno. Martedì 8 aprile alle ore 21 Fango e Cognac – La guerra in Altopiano di Giorgio Songati con Giacomo Rossetto. In scena la storia di uomini che credevano in quello  che facevano e hanno combattuto fino all’ultimo per raggiungere la pace. Una dura guerra di trincea, la dipendenza dall’alcool, dalla morte per fuoco nemico. La storia di un anno su un fronte dell’Altopiano di Asiago.

Biglietti dai 15 ai 19 euro, con diritto di prevendita + 1 euro. Biglietti in vendita presso la Libreria Buonastampa (C.so Italia 17 )a Valdagno.

Secondo appuntamento a Vicenza da Kitchen Teatro Indipendente. Venerdì 11 aprile alle ore 21 Cie Twain physical dance theatre, spettacolo di danza contemporanea Romanza – trittico dell’intimità con coreografia e regia di Loredana Parrella interpretato dai danzatori Camilla Zecca e Yoris Petrillo.  Un percorso che come un antidoto si scioglie nel nostro tempo miserabile per ridare vita alla pulsione sopita della passione, dove Amore e Sofferenza diventano emozioni che si esprimono attraverso le fragili leggi dei nostri corpi. Il lavoro è strutturato in tre quadri.

Per info e prenotazioni info@spaziokitchen.it 3355625286 oppure 0444301167 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 17 alle 20.

Sempre Venerdì 11 aprile alle ore 21, ultimo appuntamento della stagione per il Teatro Astra. Si chiude con Atir /Carmelo Rifici presentano Yerma con Mariangela Granelli, Maria Pilar Pérez Aspa e Francesco Villano, adattamento e regia di Carmelo Rifici, scene e costumi di Margherita Baldoni, musiche di Daniele D’Angelo, luci di Alessandro Verazzi e assistente alla regia di Agostino Riola. Yerma è la protagonista femminile dell’ultimo dramma di Federico Garcià Lorca. Lui sceglieva donne come protagoniste femminili perché più passionali e umane, un lavoro che nasce grazie allo studio dell’opera e della vita dello scrittore.

Biglietto intero 13 euro, ridotto 11 info@teatroastra.it, tel 0444 323725

Ancora Venerdì 11 aprile un nuovo appuntamento, al Teatro Spazio Bixio con la compagnia Teatro Club e lo spettacolo Amanti timidi o sia l’imbroglio dei due ritratti, da un testo di Carlo Goldoni. Con Ignazio Cortivo, Laura Favaretto, Andrea Ghedin, Flavia del Giudice, Marco De Cassan, Livio Corradori, Claudio Maistrello, Bruno Pietro Spolaore, Manuele Pesce, Lorenzo Dolfin e con la regia di Gabriele Ferrarese. Una tipica commedia goldoniana con situazioni che ruotano sulle figure di servitori dai caratteri diversi. Recuperando così un autore che seppur lontano a livello cronologico è ancora molto moderno. Gioco degli equivoci e farsa spiritosa.

Il quinto appuntamento, sempre al Teatro Spazio Bixio è per sabato 12 aprile alle ore 21, con l’ultimo appuntamento della rassegna Danse&Move. Thierry Parmentier con Verdi in rosso. La performance è ideata con musiche di Giuseppe Verdi e intervalli di Micheal Galasso. Pensato mentre stava ascoltando le ouverture delle opere, è stato composto come un puzzle e racconta tutti i sentimenti che si sono fusi nell’opera perdiana. Il rosso è peraltro inteso come passione, sangue, creatività e forza vitale.

Per le date dell’11 e del 12 aprile i biglietti hanno un costo di 10 euro o di 8. info@theama.it oppure la prenotazione via sms o telefono ai seguenti numeri 0444 322525 (lun ven 10 – 18); 345 7342025 (tutti i giorni dalle 10 alle 18).

Teatro

 

Alziamo il sipario dal 17 al 23 marzo

Questa settimana ben quattro spettacoli!

Si comincia a Valdagno al Teatro Super Mercoledì 19 marzo con il Don Giovanni di Moliére con Alberto Giusta, Antonio Zavatteri, Massimo Brizi, Ilaria Felini, Mariella Speranza e Roberto Serpi con la regia di Antonio Zavatteri. Si narrano le imprese di un gentiluomo perverso e libertino. Il nostro protagonista imperversa per le coste italiane e non solo, seducendo contadine e signore, spesso già promesse in matrimonio. Sulle strade della vita incontrerà numerose persone che lo vogliono riportare sulla retta via, ma alla fine sarà inghiottito dall’inferno e l’unico che gli è sempre stato vicino, il servitore, rimarrà anche senza il salario!

Biglietti dai 15 ai 19 euro. Inizio spettacoli ore 21 al Teatro Super di Valdagno. Per info e prenotazioni valgano@cinemotion.in Abbonamenti e biglietti anche presso la Libreria Buonastampa (corso Italia 17 a Valdagno).

Venerdì 21 marzo appuntamento al Teatro Astra con un lo spettacolo che sostituisce Parkin’son. Andrà quindi in scena Mario Perrotta in Un bés. Antonio Ligabue. Questo spettacolo costituisce il primo capitolo della nuova trilogia di Mario Perrotta dedicata ad Antonio Ligabue. Una figura complessa, enigmatica, quella del pittore Ligabue, caratterizzato dalla solitudine, il suo stare al margine e la fama di scemo del paese.

Biglietto intero 13 euro, ridotto 11. Per info e prenotazioni info@teatroastra.it

La stessa sera al Kitchen Teatro Indipendente Faceless di Nicola Perin ed Eleonora Fontana, il tema è molto attuale quello che gli autori portano sul palco, quello del cyberbullismo. In una società che fatica a confrontarsi sul piano del reale e si rifugia nel freddo schermo del computer esiste anche questa minaccia che non risparmia nessuno. La protagonista della loro storia è Eli, una ragazza che ancora frequenta la scuola e viene così presa di mira dall’uomo nero. Non ricevendo tra l’altro nessun tipo di solidarietà, le amiche le voltano le spalle e l’unica soluzione sembra quella di restare chiusa in casa e cercare di scomparire.

Biglietto 10 euro per i tesserati, 13 biglietto + tessera Arci. info@spaziokitchen.it

La settimana si conclude sabato 22 marzo al Teatro Spazio Bixio, con Tom Corradini e i suoi Supereroi, per uno spettacolo scritto, diretto e interpretato da Tom Corradini. I temi affrontati sono piuttosto impegnativi, l’abuso infantile, l’amore adulto e ci si chiede come sia stata la loro infanzia?! I supereroi che nonostante tutti i poteri che hanno a disposizione non hanno proprio l’amore!

Biglietto intero 10, ridotto 8 info@theama.it 0444 322525 lun – ven 10-13 e 14-18 oppure a 345 7342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Teatro

Alziamo il sipario 3 – 9 marzo

Anche questa settimana due appuntamenti con il teatro. Venerdì 7 marzo appuntamento al Kitchen Teatro Indipendente alle ore 21 con la compagnia Kitchen Project nello spettacolo Il diario di Eva, il testo di Mark Twain e Franca Pretto, la protagonista Eva ama raccontarsi su come è venuta a trovarsi al centro della costruzione di un tutto. Affascinata da tutto quello che la circonda…

Biglietto unico 10 euro o 13 (biglietto + tessera ARCI), info@spaziokitchen.it sms al 335 5625286

Il secondo appuntamento è per il giorno della donna, l‘8 marzo al Teatro Spazio Bixio con una serata di risate unisex in Diversamente pettinabili – cinquanta sfumature comiche di Gigi Mardegan, Roberto Cuppone, Mario Girotto con Gigi Mardegan e Mario Girotto, regia di Gigi Mardegan. I due protagonisti baruffano continuamente per ogni cosa, donne, cultura, sensibilità artistica. Per riuscire a far ridere combinano veramente di tutto, Ovviamente con una buona dose di dialetto veneto e con una comicità in via d’estinzione.

Per info e prenotazioni info@theama.it 0444 322525 (dal lun al ven dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18) oppure al 345 7342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

sms al 3355625286
sms al 3355625286

Alziamo il sipario 24 febbraio – 2 marzo

La settimana teatrale consta di tre appuntamenti: il primo spettacolo in programma al Teatro Remondini di Bassano del Grappa, dal titolo Pretty un motivo per essere carini il 26 febbraio alle ore 21 Di Neil LaBoute con Filippo Nigro, Fabrizia Sacchi, Forges Davanzati e Dajana Roncione, per la regia di Fabrizio Arcuri. La produzione de la compagnia Gli Ipocriti. Un cast effettivamente cinematografico per uno spettacolo composto da chiacchiere classiche e incomprensioni amorose ma che nascondono una riflessione sull’ossessione della bellezza nei rapporti personali, analizzando i falsi miti di oggi.

Secondo la disponibilità degli attori, alle ore 18,30 presso il Color Cafè di Bassano ci sarà un incontro con i protagonisti. Biglietti dai 14 ai 25 euro. Prevendite presso l’Ufficio IAT di Largo Corona d’Italia.

Il secondo appuntamento a Vicenza al Teatro Spazio Bixio  sabato 1 marzo alle ore 21 con la compagnia Nautilus Cantiere Teatrale, con La Presidentessa la commedia di Charles-Maurice Hennaquin e Pierre Veber. Con la riduzione di Piergiorgio Piccoli con Gianluca Beltrando, Manuel Bendoni, Wilma Berti, Carlo Bettinardi, Federico Calearo, Gianfranco Cardone, Enrico Colombara, Max Fazenda, Lorenzo Gennaro, Martina Marangon, Francesco Nicassio, Gilda Pegorato, Annalisa Sgorlon, Laura Sorrentino. Adattamento e regia di Daniele Berardi. Ambientato a Grey, piccolo borgo provinciale, si sveglia dalla monotonia grazie ad un’attrice di varietà che entra in casa del Presidente del Tribunale in compagnia del Ministro della Giustizia. Qui la comicità e le scene imbarazzanti portano scompiglio sulla scena. La scenografia è pensata per ricreare lo spirito da vaudeville con musica, belle époque etc…

Per info e prenotazioni info@theama.it 0444 322525 (lun- ven 10 – 13 e 14-18), 3457342025 (tutti i giorni dalle 10 alle 18). Biglietto intero 10 ridotto 8.

Terzo appuntamento al Kitchen Teatro Indipendente sabato 1 marzo alle ore 21 con la Compagnia Effetti Personali e lo spettacolo La singular istoria del cavalier Astolfo. La compagnia parte dalla figura di Orlando per immaginarlo quale giullare del verso, cercando di avvicinare pertanto un classico della letteratura in maniera più affine ad un pubblico eterogeneo.

Per info e prenotazion 335 56625286 info@kitchen.it

Teatro

Alziamo il sipario dal 17 al 23 febbraio

Già da questa sera il primo appuntamento teatrale. Prima tappa a Bassano del Grappa il 17 febbraio con Giuseppe Battiston ci aspetta con lo spettacolo dal titolo L’invenzione della solitudine di Paul Auster con la regia di Giorgio Gallione e con la produzione di Teatro dell’Archivolto. Un uomo si trova nella casa del padre scomparso da poco, una grande abitazione dove fino alla morte era rimasto isolato ed estraneo alla famiglia. Attraverso gli oggetti di questa casa, il figlio scopre finalmente un padre.

Biglietti dai 14 ai 25 euro, presso il Teatro Remondini di Bassano del Grappa, in prevendita presso l’Ufficio Iat di Largo Corona d’Italia. Come sempre, in base alla disponibilità degli attori, alle ore 18.30 incontro presso il Color Cafè. attiguo al teatro stesso.

Venerdì 21 febbraio si ritorna a Vicenza al Kitchen Teatro Indipendente con I segreti di Arlecchino di Enrico Bonavera. L’attore ed autore presenta il mondo della maschera in modo inconsueto. Scene ricavate direttamente dalla tradizione e alcune figure di storici attori ormai nel dimenticatoio. Da Zanni, Pantalone, Dottore, Capitano, Arlecchino. In uno spettacolo in cui troverete tutta la tradizione del passaparola.

Di e con Enrico Bonavera, maschere Amleto e Donato Sartori, Costumi Alessandro Osemont e Valeria Campo, luci Pietro Striano

Biglietto unico 10 euro, 13 euro biglietto + tessera ARCI

Per info e prenotazioni info@spaziokitchen.it 335 5625286 Via dell’Edilizia 72.

Sabato 22 febbraio ben due appuntamenti, comincio quindi con il Teatro Astra con lo spettacolo Mio figlio era come un padre per me di e con Marta Dalla Via e Diego Dalla Via, aiuto regia di Veronica Schiavone, partitura fisica di Annamaria Ferlini, scene di Diego Dalla Via e costumi di MArta Dalla Via. Lo spettacolo ha vinto il primo premop a Scenario 2013. Generazioni a confronti, scoprendo il futuro che ci aspetta. Una casa, quella di famiglia, che abbiamo sempre immaginato diventare un giorno nostra, ma anche finalmente padroni delle nostre vite.

Biglietto intero 13 euro, 11 ridotto per info e prenotazioni info@teatroastra.it

Sempre Sabato 22 febbraio alle ore 21 al Teatro Spazio Bixio, Nautilus Cantiere Teatrale presenta Il suono e il respiro, lettura scenica sulle contraddizioni artistiche e culturali di Wilhelm Furtwängler con Andriano Marcolini e gli attori di Nautilus Cantiere Teatrale. Furtwänglerè stato uno dei più grandi direttori d’orchestra, dirigendo la Gewandhaus di Leipzig, la Filamornica di Vienna e di Berlino. Dal 1924 al 1954 redige dei quaderni personali che costituiscono la base dello spettacolo della serata.

Biglietto intero 10 ridotto 8, per prenotazioni info@theama.it o al numero 0444 322525 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18; mentre al 345 7342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Teatro

ato quasi per caso, con la volontà di presentare la Maschera e la Commedia in un modo non consueto, accostando scene tradizionali strutturate a una affabulazione a braccio, si è trasformato a poco a poco in un affresco di alcune figure storiche della Commedia all’Improvviso, attori che, ormai dimenticati, sono però stati le grandi ‘star’ di quella gloriosa epopea del teatro.

La presentazione di brani classici dei personaggi di Zanni, Pantalone, Dottore, Capitano, Arlecchino, si alterna ad aneddoti, brevi sketches, a momenti di racconto, improvvisazione, e ‘svelamento’ di alcuni ‘segreti’ dell’arte dell’attore in maschera.

“I segreti di Arlecchino” ha, e continua ad avere, una circuitazione basata essenzialmente sul ‘passaparola’, e quindi trova vita nell ‘incontro e nell ‘autentico gradimento del pubblico, con il quale l’attore ha spesso un rapporto diretto in scena.

Con il solo ausilio di un baule e di una sedia come scenografia, e delle splendide maschere di Amleto e Donato Sartori, lo spettacolo può essere allestito in qualsiasi teatro con la massima agilità.

Ecco perché ha visitato il teatro più piccolo del mondo – il teatro Salvini di Pieve di Teco – come il Teatro Biondo di Palermo o il Teatro Carcano di Milano, ed ha trovato sede ideale in teatri storici come il Teatro Bibbiena a Mantova, il Teatro dello Scamozzi a Sabbioneta, il Cortile di Palazzo Rosso a Genova, o l’antico Teatro Sacco di Savona.

– See more at: http://www.spaziokitchen.it/1827/venerdi-21022014-enrico-bonaverai-segreti-di-arlecchino/#sthash.0RnDQFC6.dpuf

ato quasi per caso, con la volontà di presentare la Maschera e la Commedia in un modo non consueto, accostando scene tradizionali strutturate a una affabulazione a braccio, si è trasformato a poco a poco in un affresco di alcune figure storiche della Commedia all’Improvviso, attori che, ormai dimenticati, sono però stati le grandi ‘star’ di quella gloriosa epopea del teatro.

La presentazione di brani classici dei personaggi di Zanni, Pantalone, Dottore, Capitano, Arlecchino, si alterna ad aneddoti, brevi sketches, a momenti di racconto, improvvisazione, e ‘svelamento’ di alcuni ‘segreti’ dell’arte dell’attore in maschera.

“I segreti di Arlecchino” ha, e continua ad avere, una circuitazione basata essenzialmente sul ‘passaparola’, e quindi trova vita nell ‘incontro e nell ‘autentico gradimento del pubblico, con il quale l’attore ha spesso un rapporto diretto in scena.

Con il solo ausilio di un baule e di una sedia come scenografia, e delle splendide maschere di Amleto e Donato Sartori, lo spettacolo può essere allestito in qualsiasi teatro con la massima agilità.

Ecco perché ha visitato il teatro più piccolo del mondo – il teatro Salvini di Pieve di Teco – come il Teatro Biondo di Palermo o il Teatro Carcano di Milano, ed ha trovato sede ideale in teatri storici come il Teatro Bibbiena a Mantova, il Teatro dello Scamozzi a Sabbioneta, il Cortile di Palazzo Rosso a Genova, o l’antico Teatro Sacco di Savona.

– See more at: http://www.spaziokitchen.it/1827/venerdi-21022014-enrico-bonaverai-segreti-di-arlecchino/#sthash.0RnDQFC6.dpuf

Alziamo il sipario 3 – 9 febbraio

Una settimana estremamente ricca di appuntamenti, da una parte all’altra della provincia.

La nostra settimana comincia il 4 febbraio, di martedì alle ore 21 con Il prigioniero della II Strada, di Neil Simon con Tosca D’Aquino e Maurizio Casagrande, con la regia di Giovanni Anfuso e la produzione de La Contrada. Un classico della commedia per una storia di grande attualità! La storia di una coppia, in cui il marito è un uomo onesto, mentre la moglia sa volare alto, con la capacità tutta femmile. Cosa succederà???

Biglietti dai 14 ai 25 euro. Prevendita biglietti e carnet presso l’Ufficio IAT (Largo Corona d’Italia) dal lunedì alla domenica dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 o telefonando al 0424 524351.

Mercoledì 5 febbraio alle ore 21, al Teatro Super di Valdagno con lo spettacolo L’uomo, la bestia e la virtù di Luigi Pirandello con Enzo Vetrano e Stefano Randisi, Ester Cucinotti, Giovanni Moschella, Antonio Lo Presti, Margherita Smedile, Giuliano Brunazzi, Luca Fiorino. Con la regia di Enzo Vetrano e Stefano Randisi.

Il protagonista è un rispettabile professore privato, ma lindo solo all’apparenza. Nella sua altra vita è amante della signora Perella, moglie infelice del Capitano di Marina. Anche lui, del resto, ha un’altra famiglia. Il problema si pone quando la suddetta signora rimane incinta. Qui la comicità si stempera in poesia e in elementi surreali.

Biglietti dai 15 (poltrona), 19 (poltronissima). Abbonamenti e biglietti (diritto di prevendita +1 euro), presso la Libreria Buonastampa (Corso Italia 17 a Valdagno)

Venerdì 7 febbraio alle ore 21 con lo spettacolo di Kitchen Teatro Indipendente dal titolo Anagramma via Artom, di Gianni Stoppelli. Il protagonista, cresciuto in Via Artom e a quindici anni è stato arrestato con l’imputazione di omicidio volontario a scopo di rapina, successivamente la sua pena è diventata più pesante. Narra per mantenere memoria dei caduti, e mentre racconto mi alleno a boxe. Sicuramente un appuntamento di grande impatto.

Biglietto 10 euro (o 13 se dovete tesserarvi), infp@spaziokitchen.it – 3354 5625286 – 0444 301167 lunedì – mercoledì e venerdì dalle 17 alle 20.

Sempre venerdì 7 febbraio a Vicenza al Teatro Astra Fratto_X di Flavia Mastrella e Antonio Rezza con Antonio Rezza e con Ivan Bellavista (mai) scritto da Flavia Mastrella, habitat di Flavi Mastrella, assistente alla creazione Massimo Camilli, disegno luci Mattia Vigo, organizzazione generale Stefania Saltarelli. Una produzione RezzaMastrella – Fondazione Piemonte Europa – TSI La Fabbrica dell’Attore Teatrale Vascello. Premio hystrio Altre Muse 2013.

Due persone discorrono sull’esistenza, una delle due ha tempo di pensare. Un ideogramma… ma cosa sarà in realtà?

Intero 13 ridotto 11 info@teatroastra.it per indo e prevendite.

Sabato 8 febbraio alle ore 21 al Teatro Spazio Bixio Prova generale – spettacolo di improvvisazione teatrale. Con Andrea Masiero, Claudia Gafà, Francesco Fontanieri, Grazia Generali, Leonardo Ruvolo, Lucio Bustaffa, Giorgia Mazzuccato, Paolo Canuto, Paolo Facco.

Lo spettacolo porta in scena la storia di una compagnia teatrale in balìa di un regista fuori dalle righe. Modifiche improvvise, soluzioni divertenti ma il tutto non vedrà mai il debutto ma solo una prova generali.

Biglietti intero 10 e ridotto 8 info@theamateatro.it 0444 322525 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 o al 345 7342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Teatro

Sono cresciuto in Via Artom. A quindici anni sono stato arrestato con l’ imputazione di omicidio volontario a scopo di rapina. Dopo due anni e quattro mesi sono stato condannato in primo grado a ventotto anni. Il pubblico  ministero aveva chiesto l’ergastolo.

Non avevo parole e gesti per difendermi. Perché mi sentivo colpevole. Perché non sapevo esprimermi. Perché sentivo che  nessuno sarebbe stato disposto ad ascoltarmi. Ad ascoltare un assassino. Da  quando sono stato in grado di analizzare e interpretare la realtà, anche attraverso il teatro, ho voluto dare voce a quel ragazzo. Mi sono sentito addosso il ruolo e il compito del sopravvissuto, quindi dovevo narrare. La verità di un gesto non volontario. La verità di quei ragazzi morti in seguito per overdose di eroina, di aids, oppure ammazzati, suicidi, o vaganti ancora nelle galere del nostro paese.

Ho voluto narrare perché rimanga e sia resa memoria ai caduti. Tutti. I palazzi di via Artom possono anche essere abbattuti, ma il ricordo resta nei corpi di tutti coloro che vivono.

Come nel mio. Durante il mio racconto mi alleno alla boxe, così riesco ad espormi… i muscoli e disciplina riescono a fare uscire le parole dal corpo. Le storie di quelli più fragili. Tutto sommato, su 4000 abitanti, quei ragazzi, rappresentavano una minima parte. Così anche, vorrei fosse chiaro che non eravamo sempre e solo dediti a commettere reati, ma che c’era in ognuno di quei ragazzi una profonda sensibilità, in alcuni del talento, e in tutti la voglia di vivere.

Usando le parole della dott.ssa Marina Bertoncin, “…Mi sono concesso l’opportunità di riflettere sui modi attraverso i quali un territorio diventa attore: nello specifico sulle periferie urbane e sulla genesi “territoriale” dell’emarginazione, ovvero sui meccanismi della territorialità che favoriscono esiti sociali di esclusione e ghettizzazione”.
Una persona una volta mi disse:“Tu sei prigioniero del tuo incubo e hai sempre bisogno di celebrare l’omelia della tua tragedia per continuare a vivere… spettacolarizzando un incubo.” Anch’io in alcuni momenti ho pensato che mettere in scena il proprio omicidio, rappresentasse una bestemmia e un insulto per la vittima. Però il teatro non è un reality, non è fiction. Il teatro è un immersione. E’ un luogo che si raggiunge solo con l’anima, dove raccontare un incubo è già la cura.
Kantor intendeva l’arte come ricerca lucida e consapevole del rischio.

– See more at: http://www.spaziokitchen.it/1807/venerdi-07022014-gianni-stoppellianagramma-via-artom/#sthash.LN7oQh9X.dpuf

Alziamo il sipario dal 20 al 26 gennaio

Per il primo appuntamento della settimana ci trasferiamo a Bassano del Grappa, dove il 22 gennaio alle ore 21, andrà in scena Il berretto a sonagli di Luigi Pirandello con Anna Tringali, Giacomo Rossetto e con Renzo Pagliaroto, Massimiliano Mastroeni, Anna De Franceschi, Eleonora Panizzo, con la regia di Giorgio Sangati e la produzione Teatro Bresci. Una tragicommedia tra tradimenti e pazzia, riscivendo la storia liberandola dalla connotazione folcloristica di Pirandello per ambientarlo in un paese multietnico!

Biglietti dai 14 ai 25 euro, presso il Teatro Remondini. Prevendita presso l’ufficio IAT oppure allo 0424 524351. Prima dello spettacolo e secondo la disponinbilità degli attori, è possibile incontrare presso il Color Cafè gli artisti.

Il secondo appuntamento è previsto per il 24 gennaio presso il Kitchen Teatro Indipendente con A.R.E.M. Agenzia recupero Eventi Mancanti, con la compagnia Elena Vanni. Ideata e gestita da tre donne, queste si impegnano a far rivivere a “pazienti” ricordi del passato. Una sorta di catalogo di felicità, previa compilazione di un modulo. Noi le conosciamo mentre sono alle preve con gli ultimi preparativi prima dell’inaugurazione, come andrà questa avventura? Avranno clienti? Questo spettacolo i pone come una ripresa dei temi de à la recherche du temps perdu, alla ricerca del tempo dell’infanzia perduta e da riconquistare. Idea di Elena Vanni e raimondo Brandi, di e con Francesca Farcomeni, Noemi Parroni, Elena Vanni. Collaborazione artistica e drammaturgia di Raimondo Brandi, scene mobili di Silvio Motta, costumi di Alia Mirto Botticchio, foto Laura Stramacchia.

13 euro (biglietto + tessera), 10 euro biglietto. Per prenotazioni info@spaziokitchen.it sms al 3355625286 oppure 0444301167 il lun – me – ve dalle 17 alle 20. Via dell’Edilizia 72.

Sabato 25 gennaio invece due appuntamenti in città. Cominciamo dal Teatro Astra con lo spettacolo Nella Tempesta della compagnia Motus. Ideazione e regia di Enrico casagrande e Daniela Nicolò con Silvia Calderoni, Glenn Caçi, Ilenia Caleo, Fortunato Leccese, Paola Stella Minni. Drammaturgia di Daniela Nicolò, assistente alla regia Nerina Cocchi, suono e video Andrea Gallo, Alessio Spirli (Aqua Micans Group), disegno da Moltitudini Marzia Delfini. Prendendo spunto dal testo shakespeariano si parla della tempesta in cui ognuno di noi siamo coinvolti: tempesta socio politica, economica, etnica, conflitto tra pasri e figli, in tentativo di riappriopriazione. Dalla commedia originale scritta tra il 1610 e 1611 si narra ancora di Prospero, un mago che utilizza le sue doti magiche per riportare la figlia Miranda sul trono, che le spetta! L’intento è di mettere in scena un mondo che inizia.

La compagnia Motus, è tra i maggiori esponenti del teatro di ricerca italiano. Fondata nel 1991 a Rimini, dopo varie collaborazioni con numerose realtà marocchine, prosegue con percorsi ispirati a Beckett, Rilke, Cocteau, Pasolini etc…

Durante la serata si svolgerà la raccolta coperte! Esse costituisco il primo riparo dopo una tempesta, quindi arrivate a teatro con una coperta di qualsiasi materiale, vecchia o nuova, piccola o grande!

Biglietto intero 13 ridotto 11. Per info e prenotazioni info@teatroastra.it

Sempre sabato 25 gennaio alle ore 21, al Teatro Spazio Bixio …Mi lamento e basta.. -becero tour. Scritto, diretto e interpretato da Luca Maschera. Il nome dello spettacolo nasce da un gruppo nato su Facebook, che si caratterizza per i post tutti di lamentele. Le reali lamentele saranno portate sul palco dando vita a risate e siparietti esilaranti e in cui ogni argomento e aspetto della vita è indagato. C’è il richio che qualcuno si senta direttamente chiamato in causa!

Biglietto ridotto 8 e intero 10, info@theama.it 0444 322525 dal lun al ven dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, 3457342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Il giorno dopo il 26 gennaio, siamo alla vigilia del Giorno della Memoria, per questa importante celebrazione Theama Teatro e quindi Teatro Spazio Bixio, ci invita a teatro con un evento speciale dal titolo Un Eroe silenzioso, alle ore 17 con lettura scenica e accompagnamento musicale dal vivo, con Aristide Genovese e al violoncello Andrea Marcolini. Nel 2013 ricorreva il centenario dalla nascita di Elio Gallina, notaio trevigiano, che sfruttò la sua professione per aiutare gli ebrei perseguitati, nascondendoli e facendogli ottenere i documenti per l’espatrio. Nel 2007 è stato riconosciuto come Giusto tra le Nazioni. Attraverso la sua figura e le altre che hanno fatto la differenza si parlerà di uomini che hanno contribuito a far vivere ad altri la loro! Ingresso unico a 5 euro.

Teatro

Da un’idea di Elena Vanni e Raimondo Brandi
Di e con Francesca Farcomeni, Noemi Parroni, Elena Vanni
Collaborazione artistica e drammaturgica di Raimondo Brandi
Scene mobili Silvio Motta
Costumi Alia Mirto Botticchio
Foto Laura Stramacchia – See more at: http://www.spaziokitchen.it/1727/venerdi-24012014-compagnia-elena-vannia-r-e-m-agenzia-recupero-eventi-mancanti/#sthash.kZ4m2YVd.dpuf
Da un’idea di Elena Vanni e Raimondo Brandi
Di e con Francesca Farcomeni, Noemi Parroni, Elena Vanni
Collaborazione artistica e drammaturgica di Raimondo Brandi
Scene mobili Silvio Motta
Costumi Alia Mirto Botticchio
Foto Laura Stramacchia – See more at: http://www.spaziokitchen.it/1727/venerdi-24012014-compagnia-elena-vannia-r-e-m-agenzia-recupero-eventi-mancanti/#sthash.kZ4m2YVd.dpuf

Alziamo il sipario: settimana dal 2 all’8 dicembre

In questa settimana in cui sentiamo già l’aria di Natale, abbiamo ben quattro appuntamenti con il teatro.

Primo appuntamento a Valdagno, martedì 3 dicembre al Teatro Super (Viale Trento 28 a Valdagno), Natalino Balasso presenta Stand Up Balasso, il comico è anche autore dello spettacolo, presso del singolo spettacolo Intero 19, ridotto 15.

Al Teatro Spazio Bixio, venerdì 6 dicembre alle ore 21. L’Associazione Culturale Terracrea, presenta Pomo pero, dime ‘l vero. Liberamente tratto da Luigi Meneghello con Valerio Mazzuccato e Laura Cavinato. Regia di Giorgio Sangati. Luigi Meneghello è stato il narratore del popolo veneto, un viaggio popolare e coloratissimo. Il protagonista è un bambino di un paesino vicentino, Malo. Da più grande in quel paese riscopre le tappe della sua infanzia, la scoperta della sessualità e il potere repressivo della religione.

Il giorno dopo, sabato 7 dicembre ancora al Teatro Spazio Bixio con La bisbetica domata de L’archibugio Compagnia Teatrale, alle ore 21. Di William Shakespeare con Giuseppe Balduino, Gianluca Beltrando, Giovanni Florio, Alessandro Lazzari, Marco Mattiazzo, Maria Vittoria Martini, Claudia Schiavoi, Enrico Spezie e Leonardo Tosini. Adattamento e testi a cura di Maria Vittoria Martini e Giovanni Florio. Regia di Gianluca Beltrando. Lo spettacolo è ambientata nella Padova del XVI secolo, a casa del mercante Battista Minola, assediata dai pretendenti della figlia Bianca. Ma il corteggiamento non sarà affatto semplice, come Shakespeare vi farà vedere…

Biglietto intero 10 euro, ridotto 8, Via Mameli 4, info@theamateatro.it 0444 322525 (lun – ven 10/13 e 14/18) 3457342025 (tutti i giorni dalle 10 alle 18).

Cambiamo teatro e passiamo allo Spazio Kitchen alle ore 21 iLinx Teatro presenta Ashes of Hell – un fottuto requiem per Mahagonny. Lo spettacolo è il sequel originale dell’opera di Brecht Ascesa e caduta della città di Mohogonny. Progetto e regia di Nicolas Ceruti, drammaturgia di Nicola Castelli, creazione di Nicolas Ceruti, Nicola Castelli, Laura Benetti, Maria Rosa Criniti, Stefano Pietro Detassis, Luca Marchiori, Chiara Radaelli, Beatrice Uber. Con Laura Benetti, Maria Rosa Criniti, Stefano Pietro Detassis, Luca Marchiori, Chiara Redaelli, Beatrice Uber. Scene e luci di Nicolas Ceruti. Produzione Etré Fondazione Cariplo, ilinx in residenza ilinxarium, Residenza Torrerotonda, Spazio Off. Mohogonny è bruciata a causa di un misterioso incendio. I sopravvissuto sono sei i quali si trovano a fare i conti con la collettiva incapacità di fare gruppo. Prenderanno il sopravvento le qualità più grette.

Ingresso 10/13 euro (in caso si debba sottoscrivere la tessera), prenotazione a info@spaziokitchen.it, sms al 3355625286.

Il quarto appuntamento con il teatro è invece al Teatro Mattarello di Arzignano. L’8 dicembre alle ore 21.15 Be normal, con Teatro Sotterraneo. Ancora una volta il teatro si fa specchio delle problematiche della società contemporanea. Partono dalla domanda cosa fai per vivere? Insomma un argomento complesso! La performance che seguirà sarà a cura di Acconciatura Note di Claudio Nieddu e Valdes Noris.

Ingresso  10 euro, per prenotazioni sms al numero 34795055 Teatro Mattarello, Corso Mazzini, 22 Arzignano.

IMG_0540

ilinx
in residenza Ilinxarium, Residenza Torrerotonda, Spazio Off – See more at: http://www.spaziokitchen.it/1693/sabato-07122013-ilinx-teatroashes-of-hell-un-fottuto-requiem-per-mahagonny/#sthash.D1gr4dgf.dpuf
ilinx
in residenza Ilinxarium, Residenza Torrerotonda, Spazio Off – See more at: http://www.spaziokitchen.it/1693/sabato-07122013-ilinx-teatroashes-of-hell-un-fottuto-requiem-per-mahagonny/#sthash.D1gr4dgf.dpuf