Festival Green – Officinagreen

Nuovo Festival Green alle porte della città! A Villa Caldogno nuovo appuntamento  con Officinegreen Festival dal 4 al 6 luglio.

Mostra aperta anche in caso di maltempo e tutto completamente gratuito.

Vediamo giorno per giorno il programma del Festival che vede tantissime attività, dalla musica, all’arte, laboratori, conferenze e l’immancabile mercatino!

Venerdì 4 luglio

Apertura alle ore 18 del Festival con la Mostra e le autorità della curatrice e della giuria del Contest.  Alle ore 19 parte la prima tavola rotonda dal titolo Coltivare idee: dalla startup all’impresa, la green economy che cresce. L’evento è realizzato in collaborazione con Corriere Innovazione, il moderatore Cristiano Seganfreddo, direttore scientifico di Corriere Innovazione. Alle ore 21 primo appuntamento con la musica con Patrizia Laquidara accompagnata da Peo Alfonsi alla chitarra. Nella serata di venerdì la cantante propone un vasto repertorio che varca i confini nazionali per toccare le canzoni del repertorio popolare e regionale. Sarà anche l’occasione per scoprire il suo ultimo progetto.

Sabato 5 luglio

Il sabato di Villa Caldogno inizia alle ore 15 con la tavola rotonda Tutti pazzi per le case dell’acqua, perchè? con Ivano Meneguzzo Assessore al Comune di Caldogno, Lorenzo Alitissimo Direttore del Centro Odrico di Novoledo e Diego Bettanin di Doch Srl. Alle 16.30 si terrà la conferenza dal titolo Biologico si, ma con attenzione! Con l’ospite Giusy D’Addio consulente e cuoca di alimentazione naturale e macrobiotica, Food Trainer. Alle 18 la seconda c0nferenza della gionata dal titolo Stare bene davvero con il Dott. Filippo Ongaro autore del Best Seller Mangia che ti passa. Alle ore 19.30 Les Manouches Bohemiens duo Gipsy Swing. Mentre alle ore 21 per la serie Musica e Parole una performance teatrale con Davide Dolores e Davide Peron. Alle ore 22 la serata si conclude sulle note di Fabio Cardullo che si inserisce nel duo precedente creando così una performance teatrale e musicale.

Domenica 6 luglio

In Villa già dalle ore 10 con Transition Talk un momento di confronto per capire il vero significato della parola transizione e conoscere persone desiderose di far nascere questo processo nel proprio paese. Alle ore 11.30 la prima conferenza dal titolo Generazione Decrescente con il giornalista de ilfattoquotidiano.it e portavoce del Movimento per la Decrescita Felice, Andrea Bertaglio. Alle ore 16 la seconda conferenza della giornata dal titolo La mia casa pulita con Marta Albè blogger e collaboratrice di Greenme.it. La terza conferenza della giornata si terrà alle ore 17.30 dal titolo Fare necessità virtù se ne parlerà con Stefania Rossini blogger, mamma e coltivatrice. Alle ore 18.15 si svolge la premiazione dell’Art Contest. Mentre la chiusura del festival si svolgerà dalle 18.30 con il concerto degli Idraulici del Suono.

Per quanto riguarda l’Art Contest riporto di seguito i nomi degli artisti selezionati: Nicola Bertoglio, Matteo Bortolin, Gabriele Brucceri, Giovanni Canova, Gianluca Capozzi, Lara Carbone, Simone Dal Pizzol, Ivana Galli, Francesca Gasparotto, Monica Gattari, Minchang Gong, Fatma Ibrahim, Zahopeng Li, Rocca Maffia, Giulia Martini, Luna Miscuglio, Roberta Orlando, Lorenzo Palombini, Alba Pedrina, Alessandro Perini, Marco Ronga, Francesca Rugiero, Andrea Silva, Giulia Zappa ed Emiliano Zucchini.

officinegreen

 

Spiritelli del bosco…

Un libro tipico dell’infanzia è Il Giardino Segreto scritto nel 1910 dalla scrittrice inglese Frances Hodgson Burnett e parla della Mary Lennox che rimasta orfana deve lasciare l’India e ritornare in Inghilterra dall’unico parente rimasto un zio! Questo zio ha un figlio della stessa età e Mary dovrà faticare un pochino per riuscire ad adeguarsi al clima della vecchia Inghilterra. Ma dopo molte peripezia riesce a trovare un posto speciale, un giardino così diverso dalla sterminata brughiera. Un recinto alto ma soprattutto una porta chiusa a chiave ma appena riuscirà ad entrare lì scoprirà una nuova vita. Io dal pollice nero e con tanto di teschio non posso che sorprendermi e rimanere affascinata del Parco Storico di Villa Rossi a Santorso, in cui fino all’altra sera si è svolto il Festival Alto Vicentino dedicato ai corti d’autore. A questi si uniscono e arricchiscono la manifestazione una mostra d’arte contemporanea collettiva che vende gli artisti selezionali cimentarsi con il bel parco e tutte le specialità arboree ivi presenti. Gli artisti seminano la loro arte come tanti spiritelli del bosco che lasciano la loro magia fatta arte per tutto il Parco.

Questo evento è anche un modo per avventurarsi per Santorso, paesino sulle pendici del monte  Summano ed è come isolarsi dai tumulti del mondo e conoscere nel suo luogo naturale la figura di un uomo che oltre che politico ed industriale era un vero mecenate delle arti.  Costruire per sé e la sua famiglia un complesso ampio e grandioso, avvolto dalla naturale ed inevitabile decadenza che forse le sue troppe opere hanno subito … e subiranno ancora. Percorrendo in macchina via Alessandro Rossi, una via stretta che ci porta nella parte alta del paese, subito l’edificio principale ci cattura come una cattedrale nel deserto. A piedi invece lo sguardo ci conduce a valle la meraviglia è  grande quando di scorge la vasca con le ninfee e il parco che scende.

Il parco storico e la villa sono apparentemente divisi dalla strada quando poi in realtà una galleria li unisce al di sotto, comincio la visione della rassegna esattamente dal contrario. I miei piedi vogliono percorrere ogni sentiero, passare ogni ponte, sedersi su ogni sedile e immortalare ogni rivolo d’acqua. Sentendomi proprio come Mary, quando per la prima volta entra nel parco e sento nelle mani la chiave di quel posto speciale.

Gli spiritelli del bosco lasciano tra quelle testimoniante della ricerca del tempo le loro creature, che già alla luce del bosco fanno pensare ad un posto magico. Cominciano dalla fine conosco Pisces di Silvia Ciracò la quale applica nella sua professione l’arte all’arredamento. In questo caso la decorazione è pensata per il rivestimento di un bagno in cui le curve sinuose arrivano a formare per l’appunto il pesce, che quasi diventa il simbolo dell’infinito ma anche un abitante ideale per ambienti umidi. La prossima artista che incontro è Elisabetta Roan con un’istallazione in tecnica mista dal titolo Danza di luce. Avvolta nell’oscurità e abbagliata da una luce quasi mistica una donna, si muove in questo ambiente seguendo la luce e turbata dal vento che quasi la libra in alto. La resa della luce e l’effetto che dona all’opera è una delle ricerche maggiori che l’artista compie in ogni epoca, attira la donna come una falena. Dopo incontriamo Mary Roan, la quale porta nel parco la sua passione evidente per Venezia e le sue tradizioni, come il Carnevale di Venezia ed espone due istallazioni. Ed entrambe si ispirano alla terra legame imprescindibile e che ognuno di noi trattiene. Da un lato troviamo Alchimia in cui la matrice veneziana è straordinariamente evidente, con una scultura a grandezza naturale, sulla gonna a balze del vestito ci sono numerosi simboli che rimandano alla pratica alchemica, pericolosa ma sicuramente affascinante. Oltre ad Alchimia anche Radice Madre, ma io ho avuto più difficoltà a coglierlo pienamente.. ah ecco perché! effettivamente manca dove sarà l’abito? Forse rubato da uno spiritello del bosco? Divertenti e impegnativi da realizzare gli siate di Annaviola Faresin con P, M, L, S la quale dimostra un’abilità straordinaria. Incidere il legno non morbido dell’oggetto e applicare un disegno, con animali orientali, anzi equatoriali non certo tipici del nord Italia. Per realizzarlo non solo viene utilizzata la tecnica silografica che certo non viene usata per poi stamparla su carta, e poi altre tecniche di stampa e inchiostri. Da ogni punto  del parco vediamo altre istallazioni e altri particolari e così ci avviciniamo alle istallazioni di Elvezia Allari, amica e collaboratrice quindi si! Sono un po’ di parte per buona pace di tutti! La mia cara Elvezia propone due opere che sono fissate agli alberi e arricchiscono la di fascino e magia il parco, la Danseuse realizzata in maglia metallica si lascia condurre dalla danza del vento, il ritmo lo decide l’albero e la musica la fornisce direttamente la ballerina con il corpetto prezioso coperta di cristalli. L’affianca Medusina, una delle poche meduse dalla quali non ho assolutamente paura di essere punta, formata da un vero e proprio ricamo di silicone in cui il movimento si crea in maniera autonoma e gioiosa. Credo però che la luce del giorno per il momento non renda giustizia alle creazioni, non resta che aspettare la notte. Lascio Elvezia per incontrare uno dei due uomini che come folletti e spiritelli sempre buoni e produttivi pone nelle vicinanze del laghetto una grande istallazione, come spiegavo nel post dedicato alla presentazione della collettiva, Marco Zanrosso in questa istallazione riassume tutte le sue precedenti esperienze. Hydrogea è composto da materiale piuttosto flessibile e da forme circolari che si sposano con il paesaggio e con l’essenza dell’acqua, le sue bolle e le sue particelle. Tra ruderi e una folta vegetazione spunta l’opera di Miha Pěcar con l’opera Gigantisflora realizzato con una tecnica mista. Il grande fiore è quasi mimetizzato tra la vegetazione e le rovine artistiche la forma avvolgente, impressionanti i pistilli ma del resto è tutto gigante! Si arriva al tempio che nasconde però un acquario e al cui interno troviamo un’altra amica Ivana Galli che usa le quattro finestre, in cui i pesci vivono languidi, come delle cornici in cui esplorare il mondo delle stagioni! La scoppiettante Ivana ha posizionato di persona le foto calandosi come un vero sub! Le quattro stagioni… effetto incredibile, con quella poca luce che illumina l’acqua e rende quasi iridescente e le quattro figure vivono in questo regno sottomarino come delle sirene alle quali hanno tolto la madreperlacea coda. Ancora un luogo vissuto dalle fate dunque… Vicinissima ad Ivana Iam (Miriam Elettra Vaccari) che ripropone un fiore simbolo dell’effimero, Ànemos… il mito vuole che il fiore sia nato dal sangue del giovane Adone, giovane innamorato di Venere per una freccia scagliata male! Il giovane però viene ucciso da un cinghiale e appunto dal suo sangue nasce questo fiore fragile  e che ha vita breve, il suo nome significa vento. Come gran parte delle simbologie classiche anche l’Anemone viene donato di un significato cristiano! Realizzati con una tecnica mista, l’artista attraverso quest’opera vuole rendere omaggio al tempo sospeso che vive il Parco Storico di Villa Rossi, al tempo stesso luogo fragile e immutato. Laura Meneguzzo ricerca attraverso la sua opera intitolata Permeabilità, anche questa artista sceglie di legare la sua opera all’acqua e alla terra, del resto due elementi fondamentali e complementari nel Parco. La struttura è composta da scheletri di ombrelli composti a formare un volume ovoidale che lambisce una riva dello stagno! Quegli oggetti che sono generalmente impermeabili si svuotano e parlano da soli mostrando la fragilità della loro struttura!

 

Il mio pomeriggio a Villa Rossi non finisce qui, pertanto vi invito a seguirmi nel prossimo post che arriverà a breve… intanto le foto!

 

La Cappella pertinente a Villa Rossi
La Cappella pertinente a Villa Rossi
Primo approccio con la Villa...
Primo approccio con la Villa…
Cosa succede quando si guarda verso valle?
Cosa succede quando si guarda verso valle?

 

Villa Rossi
Villa Rossi

IMG_6550

 

Silvia Cicarò - Pisces
Silvia Cicarò – Pisces

IMG_6554

Elisabetta Roan - Danza con la luce
Elisabetta Roan – Danza con la luce
Elisabetta Roan - Danza con luce
Elisabetta Roan – Danza con luce

IMG_6561

IMG_6562

Come resistere a non fare un pochino la scema!
Come resistere a non fare un pochino la scema!

IMG_6567

IMG_6568

IMG_6569

Mary Roan - Alchimia
Mary Roan – Alchimia
Annaviola Faresin - P, M, L, S
Annaviola Faresin – P, M, L, S
Annaviola Faresin _ P, M
Annaviola Faresin _ P, M

IMG_6580

IMG_6581

IMG_6582

Elvezia Allari - Medusina
Elvezia Allari – Medusina
Elvezia Allari - Danseuse
Elvezia Allari – Danseuse
Marco Zanrosso - Hydrangea
Marco Zanrosso – Hydrangea

IMG_6590

Miha Pečar - Gigantiflora
Miha Pečar – Gigantiflora
Ivana Galli - Le quattro stagioni
Ivana Galli – Le quattro stagioni

IMG_6596

Ivana Galli - Le quattro stagioni
Ivana Galli – Le quattro stagioni

IMG_6598

Ivana Galli - Candore
Ivana Galli – Candore
Ivana Galli - Apoteosi
Ivana Galli – Apoteosi
Ivana Galli - Estasi
Ivana Galli – Estasi
Ivana Galli - Consapevolezza
Ivana Galli – Consapevolezza
Iam (Miriam Elettra Vaccari) - Ànemos
Iam (Miriam Elettra Vaccari) – Ànemos
Iam - Ànemos
Iam – Ànemos

IMG_6618

Marco Zanrosso - Hydrangea
Marco Zanrosso – Hydrangea

IMG_6629

IMG_6635

Laura Meneguzzo - Permeabilità
Laura Meneguzzo – Permeabilità

 

Voglio essere … INTROSPETTIVA

Per tutti gli amici di Schio domani e fino a domenica 25 full immersion di arte! Infatti venerdì inaugura a Palazzo Toaldi Capra la mostra collettiva Introspettiva Art Exhibition che vedrà protagonisti durante il week end gli artisti Erica Dal Maso, Ivana Galli e Marco Greselin.

Per visitare la mostra l’orario stabilito è dalle 16 alle 21! Quindi a Palazzo Toaldi Capra in Via Pasubio 52.

introspettiva

Una, nessuna, centomila donne

Come avevo accennato nel precedente post, il mio tardo pomeriggio scledense non finisce con lo Shed!

Sapevo che a Schio era in corso per tre giornate anche un’altra mostra, ma pensavo di non farcela, già allo Shed sono arrivata alle 18.45, ma la fortuna ha voluto di incontrare proprio lì una delle artiste e avere la possibilità di vedere la mostra!

Direzione Palazzo Toaldi Capra, a pochi metri da dove sono! Qui l’esposizione vede donne che parlano di donne, tutte con linguaggi diversi. E dopo un uomo che vede le donne, anche della sua vita, in maniera maschile, ecco che l’altra metà del cielo viene analizzata nuovamente da donne.

Mi trovo davanti per prima cosa, una scultura, opera di Ivana Galli, che analizza La gabbia dell’essere, il mestiere più difficile che possa esistere!  La scultura è composta da un busto di donna, con tanto di serratura, inserito e al cui bacino è avvinto dalle stecche che ricordano da un lato le ingombranti strutture che torturano le donne fino alla metà dell’800 per dare volume ai vestiti, dall’altro sembra una struttura quasi stellare, per i molti centri di influenza della donna e tante chiavi. Un invito a cercare la giusta chiave per aprire il cuore di una donna. Anche un’altra artista ha utilizzato questa importante struttura per parlare di una condizione femminile, Jana Sterbak con l’opera Remote Control II del 1989.

La gabbia dell'essere
La gabbia dell’essere
La gabbia dell'essere
La gabbia dell’essere

Attorno ruotano le fotografie, e quindi continuiamo proprio con Ivana e il suo omaggio a Frida Kahlo, una delle mie pittrici preferite è incarnata da una amica artista Elvezia Allari, dai tratti naturalmente sudamericani è perfetta per riportare in vita  questa stupenda donna, che ha sofferto moltissimo ma ha anche attratto tanto grazie alla sua sensualità! Fotografie stampate su plexiglass che si arricchisce di elementi vegetali.

Foto di Ivana Galli
Foto di Ivana Galli
Omaggio a Frida Kahlo
Omaggio a Frida Kahlo

IMG_1505

IMG_1506Il mio giro in sala continua con le fotografie dal mondo, anzi precisamente dalla Palestina, di Odilla Dal Santo, immortalando il mondo vissuto dalle donne, in quella terra lontana, svolta prevalentemente nell’ambito della famiglia.

Donne in Palestina
Donne in Palestina

Ancora il mondo e le sue diverse e bellissime donne, sono al centro del reportage di Anna Dionisi, spesso immortalate con gli abiti tradizionali, un attaccamento alle tradizioni e un riconoscimento della propria identità all’interno della comunità.

Anna Dionisi e le sue donne
Anna Dionisi e le sue donne

Continuando il mio giro incontro Bessie Secor, che porta la donna nella natura. Del resto in qualsiasi religione politeista sono donne le dee che sono associate alla natura, alla creazione e quindi alla fertilità. Le donne di Bessie riflettono una natura senza tempo, entrando in contatto con i molti elementi che fanno parte del creato.

Bessie Secor, natura senza tempo
Bessie Secor, natura senza tempo

Natura senza tempo

Ultima tappa del mio viaggio in queste molteplici donne, sono le fotografie di Elena Zuccollo, la quale ci porta nel mondo femminile dei luna park. Un lavoro spesso nomade e assolutamente faticoso. Ma qualche volta da questo lavoro possono nascere delle stelle, coma la tv ci insegna!

Pink Moon by Elena Zuccollo
Pink Moon by Elena Zuccollo

IMG_1520

IMG_1521

Per vederla avete ancora tempo fino ad oggi, apertura dalle 16 alle 19!

 

Ritratti di donne in mostra a Schio

A Schio in mostra i ritratti di donne. Venerdì 22 novembre alle ore 18.30 Ritratti di donne si inaugura la mostra collettiva fatta di donne e che parlano di donne.

Presso Palazzo Toaldi Capra a Schio ed esporranno le artiste:

Anna Dionisi, colti al volo nelle strade dei diversi continenti; Bessie Secor ritratti femminili colti nella natura atemporale; Elena Zuccollo con le sue Pink Moon, donne legate al mondo delle giostre; Odilla Dal Santo che propone il suo reportage in Medio Oriente e Ivana Galli che attraverso la frase l’altra parte di te t’avvolge nell’essere un tutt’uno, omaggia Frida Kahlo.

Aperta fino a lunedì 25 novembre con i seguenti orari:

venerdì 22 ore 18.30 – 20.30
sabato 23 ore 9.30 – 13.00 e 16.00 – 22.00
domenica 24 ore 9.30 – 13.00 e 16.00 – 19.00
lunedì 25ore 16.00 – 19.00

La mostra fa parte del ciclo di eventi Corpo Vs Corpus

mostra ritratti di donne