1 Agosto mio caro non ti conosco

Comincia il mese per eccellenza delle vacanze ma sono tanti gli appuntamenti che ci accompagneranno a settembre. Giusto una pausa per festeggiare ferragosto!
Il mese si apre quindi con tre appuntamenti tutti di sera. Alle 20 si inizia dalle Gallerie d’Italia di Palazzo Leoni Montanari apre le danze con la visita guidata alle collezioni permanenti (prenotazione consigliata al numero verde 800 559875) al costo di 5 euro. Alle 21 invece concerto di fiati con l’Elkom Ensemble. Anche il concerto al costo di 5 euro con consumazione (per la prenotazione consigliata ma non obbligatoria al numero già segnalato).

A Campo Marzo alle 21 si parte con Itinerari Letterari con quello dedicato a Neri Pozza. Il percorso parte per l’appunto da Campo Marzo per arrivare a Ponte San Michele. Vi accompagneranno Giulia Basso e Stefania Carlesso. Percorso con contributo libero.

Sempre alle 21 e sempre a Campo Marzo si può passare la serata in musica con un nuovo appuntamento il concerto dei Söndörgö i quali proporranno il loro Balkan World. La proposta musicale è sempre nell’ambito del World Music Live Festival. Ingresso libero.

estate a vicenza

Scegli tra Itinerari e Musica!

Venerdì 25 luglio tre appuntamenti nella notte vicentina!

Un Itinerario letterario, a cura dell’omonima associazione, dedicato a Neri Pozza e dal titolo Da Campo marzo verso Ponte San Michele. Con Giulia Basso e Stefania Carlesso. Ingresso a contributo libero e alle ore 21 con ritrovo a Campo Marzo.

Venrdì è in programma un altro Openights, sempre nella cornice di Palazzo Leoni Montanari, alle ore 20 visita guidata al palazzo al costo di 5 euro, mentre alle 21 Passo a due per Arpa e marimba con Eleonora Volpato all’arpa e Nicolò Valente con la marimba. Ingresso solo al concerto 5 euro ingresso gratuito per i ragazzi fino ai 14 anni ed è compresa una consumazione.

Anche nel giardino del Teatro Astra alle ore 21 si parla di musica. Phil Cody & Band, Musica Intus in collaborazione con La Piccionaia Teatro Stabile di Innovazione. Ingresso 20 euro.

estate a vicenza

Vicenza in sogno

Domenica 13 luglio un altro appassionante appuntamento per scoprire una Vicenza diversa. Per i principianti di Itinerari Letterari, una buona occasione di vedere la città con altri occhi! Le parole che riecheggiano nelle nostre orecchie saranno i passi dei brani più famosi e significativi dei poeti e scrittori che hanno immortalato Vicenza.

Il percorso inizia alle ore 18 dal titolo Vicenza appare in sogno… da Campo Marzo verso Piazza Duomo. Con Giulia Basso e Stefania Carlesso.

Ingresso a contributo libero.

estate a vicenza

Gonfiate le ruote: si parte

Vogluia di aria fresca e immersione nella natura? Magari abbiniamo anche letture e cibo. Il 27 aprile Itinerari letterari vi invita sui colli Berici per una scampagnata fuori dal centro storico ,a dentro a bellezze naturalistiche del territorio. ma si tratta comunque di un appuntamento con la letteratura e quindi oltre che il verde dei Colli, pagine bianche e nere d’inchiostro. Due guide naturalistiche in bicicletta sui Colli Berici per scoprire e riscoprire i luoghi raccontati da Goffredo “Edo” Parise  con guida letteraria e attrice.

Il percorso che partirà da Campo Marzo sarà alla portata di tutti. Avrà una durata complessiva di quattro ore e due soste di mezz’ora ciascuna con pic-nic al sacco composto da prodotti tipici del territorio proposti da Fuori di Zucca.

Il costo è di 18 euro e comprende le guide, gli interventi teatrali e letterari più il paranzo al sacco.

L’itinerario partirà al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti (30 persone) e sarà rinviato in caso di maltempo. In caso non siate provvisti di una bici idonea, con un costo aggiuntivo di 10 euro potrete prenotare una bici da trekking, anche biciclette elettriche con una spesa di 12 euro in più e disponibilità limitata.

Prenotazione obbligatoria entro e non oltre il 23 aprile e per effetturare la prenotazione bisognerà scrivere al guide@biophera.com numero di cellulare 3471300994 oppure a itinerariletterari@gmail.com o al numero di cellulare 3491662358.

itinerari letterari

Vicenza da sogno

La primavera ci fa venire voglia di uscire e scoprire la città! Possiamo farlo in compagnia di Itinerari Letterari che inizia la stagione con le passeggiate in centro storico che ci fanno aguzzare la vista e arricchire di curiosità sulle strade che percorriamo spesso!

In occasione del ventesimo anno di iscrizione di Vicenza al Wordl Heritage List verrà riproposto un itinerario molto apprezzato: Domenica 30 marzo alle ore 16.30 Vicenza appare in sogno, in cui ci immergiamo da un lato, nella parte sognate e metallici della città, fatta dei palazzi fra Piazza Duomo e Via Santa Maria Nuova. Le letture sono state tratte da autori quali Virgilio Scapin e Mario Rigori Stern.

Il contributo di itinerari letterari è importante per cogliere i cambiamenti e le testimonianze sopravvissute, aiutandoci ad apprezzare la città in cui viviamo e vederla con gli occhi da sogno!

Partenza da Piazza delle Erbe alle 16.30 con ritrovo 10 minuti prima. Appuntamento a ingresso libero e con contributo responsabile. In caso di maltempo l’itinerario verrà rimandato. 

itinerari letterari

Ponti di pietra e di parole

Ed eccoci al primo appuntamento autunnale di Itinerari Letterari, con un incontro corale e a più mani.

Il 29 settembre alle ore 20.45 appuntameto a Ponte San Michele per un dialogo interculturale tra le due sponde del Retrone.

Molte le suggestioni: le immagini poetiche di Ivo Andrić e di Mak Dizdar, la declamazione di buona letteratura che richiamo il ponte, come luogo di incontro tra civiltà e generazioni. Da non dimenticare che per i vicentini, il ponte, quel ponte è sinonimo di Neri Pozza. Tutte da scoprire in un incontro che richiede un contributo responsabile e libero.

A cura di Agata Keran e Gulia Basso con Stefania Carlesso, Emiliano Gregori e Federica Cacciavillani.

Per info tel al numero 3737394088 o trovate Itinerari Letterari sia su fb che tra i mei blogroll!

Unesco ancora…ma sempre per passeggiare

Ecco il secondo appuntamento con gli Itineri letterari organizzati dall’Associazione omonima e dall’Assessorato alla Cultura di Vicenza!

Le date proposte sono per il 25 e il 26 maggio…per digerire non solo i pasti ma anche il voto che i cittadini saranno invitati ad esprimere!

Il tema di queste giornate sarà…Vicenza appare in sogno, con un focus sul lato sognante e metafisico della città, lo sguardo sarà puntato sui palazzi che incontrerete tra il Duomo e Santa Maria Nuova, con letture tratte da Mario Rigoni Stern, Goffredo Parise, Guido Piovene e altri ancora.

La partenza fissata per le 16.30 da Piazza delle Erbe, 15 minuti prima è l’ora di ritrovo. Ingresso gratuito

Un altro modo per vedere la città Unesco!

Una città Unesco da vivere passeggiando!

Ce ne rendiamo conto che viviamo in una città inserita nel Patrimonio Unesco!? Ve lo ricordo io…che ci sto a fare?! Vediamo le iniziative promosse dal Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza e da Itinerari letterari, che in questi mesi (quasi un anno in realtà), abbiamo conosciuto e apprezzato. Tanto per cominciare una bella passeggiata in centro strorico per digerire il pranzo e per far venire voglia di cenare…ma le passeggiate sapete benissimo che sono letterarie, attraverso non solo le piazze i monumenti e i palazzo ma anche attraverso le pagine degli autori che hanno scritto di tutto questo.

Le prime date proposte sono quelle del 4 e 5 maggio, quindi sabato e domenica con l’itinerario dal titolo Palladio Street ovvero Contrà Porti a guidarci Stefania Carlesso e Pino Costalunga oltre che Giulia Basso e l’Associazione Bàilam Teatro. Il percorso di 1 ora e 45 minuti terminerà con un brindisi offerto da Cioccolato. Ingresso libero, la partenza fissata per le 16.30 è fissata per Piazza delle Erbe e si consiglia di arrivare 15 minuti prima per assicurarsi un posto.

Una giornata primaverica

È con le parole tratte da Piccolo mondo moderno di Fogazzaro che comincio il mio racconto del pomeriggio letterario! Finalmente gli orari lavorativi mi hanno permesso di partecipare e per fortuna il protagonista della passeggiata è stato Fogazzaro, una lettura recente e molto apprezzata! Il ritrovo è alle 16.15 davanti al Museo Naturalistico e già si intuisce che l’adesione sarà massiccia. Ad accoglierci oltre che le organizzatrici, Giulia Basso, Elena Cappellaro, Stefania Carlesso, ma anche un’opera del pittore Claudio Gaspari che dedica proprio a Fogazzaro un doppio ritratto, da scapigliato giovinetto a uomo maturo!

Prima tappa con il nostro ospite è proprio il Museo Naturalistico, che Fogazzaro ha vissuto di prima persona, infatti le aule che si sviluppano intorno al chiostro, erano le aule del Liceo Classico cittadino, con professori del calibro di Zanella! Naturalmente per coloro che non conoscevano a fondo la ricca e avvincente biografia di cui l’Italia tutta, conosce le opere letterarie, si passa alla lettura dei brani più significativi del temperamento e della levatura morale e culturale dello scrittore.

Seconda tappa, ci spostiamo lungo Contrà Santa Corona e ci avvicianiamo al Tempio che da il nome alla via, ed ecco due brani, letti da Stefania Carlesso, i testi sono desunti da Piccolo mondo moderno, parlando del Tempio e dell’impressione che dava ai forestieri e un po’ di disgusto per l’odore scaturito dalla Chiesa stessa.

Terza tappa, per qualche momento ci allontaniamo dal centro storico, strettamente considerato per passare al di là del fiume. Attraversato il Ponte di Ferro, che in origine era l’accesso privato per l’imponente villa Piovene, alla ricerca di quello che il nuovo stile liberty, poteva “accaparrare” in una città strettamente ancorata alle sue tradizioni, anche a livello architettonico. Davanti all’Asilo Fogazzaro, Elena Cappellaro ci parla del clima culturale in cui lo stesso autore era immerso, i rapporti con i fratelli Boito, Giacosa e librettisti e letterati proprio del periodo scapigliato! Ci spostiamo verso la villa, Villa Piovene Salviati, che conoscevo parzialmente anche in base ai tenebrosi racconti che hanno per protagonista lo stesso proprietario, medico anatomo patologo…ecco… morto in quella villa in circostranze ancora poco chiare! Quindi il brano adatto sono sicuramente quelli tratti da Malombra! Una villa che devo dire attira il mio gusto a volte un po’ gothic.

La quarta tappa è la Corte dei Roda, un posto a me totalmente sconosciuto, indubbiamente la sua attuale vocazione residenziale, nonché la lontananza dai luoghi che frequento, non mi hanno permesso di conoscerla prima, un luogo molto evocativo, sembrava risuonare tra le finestre dei lussuosi appartamenti che oggi vi si affacciano, i suoni di un tempo. I conciari, i battitori della lana che essendo sulla sponda del fiume azionavano facilmente molti macchinari. Qui si evoca ancora Malombra e dei brani tratti dal diario del viaggio che Fogazzaro fece in Svizzera, che sancì la nascita del turismo moderno. Viene anche proposto un testo critico di Guido Piovene che commenta in particolare il rapporto e i dettagli che Fogazzaro dedica al paesaggio. Ma anche da qui è tempo d’andare via…si ritorna nel centro vivo e pulsante dell’architettura palladiana, Contrà Porti.

Quinta tappa: Contrà Porti, altezza di Palazzo Porto Breganze…dopo i dettagliati cenni storici, sempre a cura della nostra guida. Ecco che riprende la lettura di testi collegati anche alla figura di Fogazzaro, questa volta è la “voce” di Guido Gozzano, in particolare una poesia in cui ironizza sulla retorica dell’amore in Fogazzaro, effettivamente dopo un’attenta analisi dell’intera produzione non possiamo non notare che sono amori impossibili, per varie cause contingenti o per scelte del protagonista.

Sesta e ultima tappa: Piazza dei Signori, in particolare sotto la Torre Bissara, quindi di fronte al Monte di pietà: come Elena Cappellaro ci spiega, qui nella PIAZZA della città, confluiscono molte delle tematiche trattate da Fogazzaro stesso: La resistenza e la conseguente liberazione dalla dominazione austriaca, il padre Mariano, si è molto adoperato per questo; la stessa festa di unità nazionale, il Veneto è stato libero dal 1866; e il liberty…eh si! Il Palazzo del Monte di Pietà, seppur di impianto antico, nel 1907 ha subito da parte del perugino Bruschi la ridipintura della facciata, che era già rovinata (anche dopo questo intervento si sono ripresentate le stesse condizioni). Il pittore a parte le scene bibliche ha aggiunto in puro stile liberty ghirlande e donne nude, che scatenarono nei partiti cittadini grosso scandalo, addirittura da interdire l’accesso in piazza! Si trovò la soluzione come nella Cappella Sistina, coprendo le parti più intime con dei drappi…a questo punto Stefania Carlesso ci regala un altro brano tratto da Piccolo Mondo Moderno, in cui Fogazzaro descrive la piazza e non solo.

L’itinerario finisce qui, dando spunto per tante riflessioni, la gente intervenuta in questo pomeriggio era davvero tanta, una strana brigata che si aggirava come un lungo serpente tra il centro centro e il centro un po’ decentrato, scatenando nel buon vicentino doc, non poche perplessità…saranno dei turisti...la frase più usata, ma il bello lo si è raggiunto in Contrà Porti, focalizzate la strada, da una parte una folla di gente, dall’altra tre/quattro persone che armate di microfono e amplificatore declamano ad alta voce brani che necessariamente hanno lo stile del primo Novecento…al massimo! Il mezzo libero per il passaggio dei pedoni e delle poche macchine, i due gli atteggiamenti più usati, indifferenza e talvolta arroganza…anche loro si sono fumati qualcosa…oppure timore di interrompere una frase…viva la curiosità che fa uscire la gente dalle vite passate esclusivamente a non pensare e soprattutto a non alzare mai il capo più sopra di una vetrina, scoprendo i palazzi, i fregi, le targhe, le vetrate. L’abitudine è tremenda ed io lo so bene, mi ricordo ancora che arrivata a Padova, mi stupivo di ogni minima cosa e anche dell’abitudine all’averlo..fermiamoci qualche minuto, avviciniamo i nostri occhi al bello e anche le nostre orecchie, magari in compagnia delle nostre ciceroni!

Un nuovo itinerario alla scoperta di…

Domani festa! E allora perché il pomeriggio non passarlo a leggere con gli occhi, assieme alle pagine di Antonio Fogazzaro? Una città che attraverso questo itinerario si tuffa alla scoperta dell’architettura liberty e della letteratura scapigliata, con delle guide d’eccezione.

Giulia Basso, Elena Cappellaro e Stefania Carlesso.

La partenza è alle 16.30, con ritrovo 15 minuti prima all’ingresso del Museo Naturalistico di Contrà Santa Corona, l’ingresso è offerta libera e fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Itinerate anche voi!

Per informazioni l’Associazione ha un profilo fb o attraverso la mail itinerariletterari@gmail.com