IV Biennale dell’Incisione Contemporanea

Bassano del Grappa si prepara ad ospitare una nuova Biennale dedicata al meglio dell’incisione contemporanea.

Una mostra diffusa sul territorio e più in particolare due musei, da una parte il Museo Civico che ospiterà i premiati dell’edizione 2013 con la mostra dal titolo Lo sguardo e il pensiero. Prove di grande equilibrio compositivo e raffinata tecnica esecutiva. Mentre nella nuova ala, l’artista Roger Benetti, ancora opere del 2013, con Contaminazioni onnivore.

Per quanto riguarda il nuovo bienno la sede sarà Palazzo Sturm.

Le sedi sono visitabili singolarmente oppure è possibile un biglietto cumulativo di 7 euro.

Orari Museo Civico:

 

Martedì – sabato: 9.00 – 19.00; domenica e festivi: 10.30 – 13.00 e 15.00 – 18.00. Chiuso i lunedì non festivi e la domenica di Pasqua.

Palazzo Sturm:

Da martedì a sabato 9:00 – 13:00 e 15:00 – 18.00
Domenica e festivi 10:30 – 13:00 e 15:00 – 18:00
Chiuso a Pasqua e i lunedì non festivi, aperto a Pasquetta

Intero € 5,00, ridotto € 3,50

IV-Biennale-dell-incisione-contemporanea_imagelargeoverlay

 

Annunci

Bassano e i suoi musei in notturno

L’estate è bello passeggiare per le strade delle nostre città di sera. La città potrebbe essere altrettanto animata, l’oscurità ci permette di vedere tutto sotto un’altra angolazione. Anche Bassano del Grappa, si prepara a farvi vivere questo con le iniziative nell’ambito Bassano sotto le stelle. I primi quattro mercoledì di quest’estate aprono anche i Musei Civici si presentano in veste notturna.

Due serate saranno dedicate alle mostre temporanee, mentre altre due alle collezioni permanenti, in cui sarà possibile partecipare ad una visita a pagamento a soli 4 euro, mentre è possibile visitare le sedi anche da soli e gratuitamente.

L’apertura straordinaria è prevista dalle ore 20 e fino alle 23.30 con ultimo ingresso alle ore 23.

Il tema sarà quello delle mostre temporanee, dal un lato troviamo Michelangelo. Capolavori grafici e poi Paesaggio urbano nella mappa dei Bassano.

 

musei bassano notte 2014

Musei illuminati dalle stelle

L’estate è bello passeggiare per le strade delle nostre città di sera. La città potrebbe essere altrettanto animata, l’oscurità ci permette di vedere tutto sotto un’altra angolazione. Anche Bassano del Grappa, si prepara a farvi vivere questo con le iniziative nell’ambito Bassano sotto le stelle. I primi quattro mercoledì di quest’estate aprono anche i Musei Civici si presentano in veste notturna.

Due serate saranno dedicate alle mostre temporanee, mentre altre due alle collezioni permanenti, in cui sarà possibile partecipare ad una visita a pagamento a soli 4 euro, mentre è possibile visitare le sedi anche da soli e gratuitamente.

L’apertura straordinaria è prevista dalle ore 20 e fino alle 23.30 con ultimo ingresso alle ore 23.

Il tema sarà quello delle collezioni permanenti da Guariento a Canova, capolavori in pinacoteca

musei bassano notte 2014

Musei di Bassano sotto le stelle

L’estate è bello passeggiare per le strade delle nostre città di sera. La città potrebbe essere altrettanto animata, l’oscurità ci permette di vedere tutto sotto un’altra angolazione. Anche Bassano del Grappa, si prepara a farvi vivere questo con le iniziative nell’ambito Bassano sotto le stelle. I primi quattro mercoledì di quest’estate aprono anche i Musei Civici si presentano in veste notturna.

Due serate saranno dedicate alle mostre temporanee, mentre altre due alle collezioni permanenti, in cui sarà possibile partecipare ad una visita a pagamento a soli 4 euro, mentre è possibile visitare le sedi anche da soli e gratuitamente.

L’apertura straordinaria è prevista dalle ore 20 e fino alle 23.30 con ultimo ingresso alle ore 23.

Il tema sarà quello delle collezioni permanenti. Da Guariento a Canova, capolavori in pinacoteca.

musei bassano notte 2014

Musei di Bassano By Night

L’estate è bello passeggiare per le strade delle nostre città di sera. La città potrebbe essere altrettanto animata, l’oscurità ci permette di vedere tutto sotto un’altra angolazione. Anche Bassano del Grappa, si prepara a farvi vivere questo con le iniziative nell’ambito Bassano sotto le stelle. I primi quattro mercoledì di quest’estate aprono anche i Musei Civici si presentano in veste notturna.

Due serate saranno dedicate alle mostre temporanee, mentre altre due alle collezioni permanenti, in cui sarà possibile partecipare ad una visita a pagamento a soli 4 euro, mentre è possibile visitare le sedi anche da soli e gratuitamente.

L’apertura straordinaria è prevista dalle ore 20 e fino alle 23.30 con ultimo ingresso alle ore 23.

Il tema sarà quello delle mostre temporanee, dal un lato troviamo Michelangelo. Capolavori grafici e poi Paesaggio urbano nella mappa dei Bassano.

musei bassano notte 2014

Alziamo il sipario 21 – 27 aprile

Anche la stagione del Teatro Remondini di Bassano del Grappa volge al termine.

L’ultimo appuntamento è per giovedì 24 aprile alle ore 21, con lo spettacolo Onorana Società – il Vajont dopo il Vajont di Francesco Niccolini con Patricia Zanco e la regia di Mattiuzzi e Zanco, Produzione di Fatebenesorelle Teatro.

Già visto a Vicenza al Teatro Astra, come spettacolo fuori rassegna,  ecco il mio link

Ultimo appuntamento della stagione. Biglietti da 14 euro ai 25 per info e prevendite Ufficio IAT aperto dal lunedì alla domenica dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Teatro

Alziamo il sipario 31 marzo – 6 aprile

Questa settimana vi ricordo di tre appuntamenti con il teatro.

Martedì 1 aprile, non sarete vittima del pesce giornaliero ma a Bassano del Grappa, Teatro Remondini abbiamo lo spettacolo Le ho mai raccontato del vento del nord di Daniel Glattauer con Paolo Valerio che cura anche la regia. Produzione della Fondazione Atlide Teatro Stabile Verona. Spettacolo in prima nazionale, si racconta la storia di due persone che si conoscono grazie all’indirizzo mail  sbagliato. Scatta la scintilla e dopo l’imbarazzo si instaura la complicità.

Prevendita biglietti presso l’Ufficio IAT di Largo Corona d’Italia. Biglietti dai 14 ai 25 euro.

Il primo appuntamento è previsto per venerdì 4 aprile al Teatro Astra con la compagnia no (dance firsdt.think later) con Treno fermo a- katzelmacher per l’ideazione di Dario Alita, le coreografie di Elena Gigliotti con Diletta Acquaviva, Emmanuele Aita, Giuseppe Aita, Giuseppe Amato, Lucio  De Francesco, Damien Escuolier, Marcello Favilla, Flavio Furno, Melania Genna, Elena Gigliotti, Giovanni Serratore,  costumi di Giovanni Stringa consulenza, realizzazione e scene di Paola Castrignano, consulenza tecnica audio/video Ludovico Bessegato.

La compagnia porta una terra straniera all’interna dell’Italia, fatta del resto di tante terre straniere. Il sud che pulsa con le lingie, i dialetti e che si consuma nell’indolenza, sogni semplici e immersi nel kitsch delle canzoni neomelodiche. Attraverso una società analizzata con una lente di ingrandimento, quando questa società trova la scusa, quando nel paese arriva lo straniero che non lo sprint per partire cosa può accadere???

Biglietto intero 13 ridotto 11, info e prevendite (diritto + 1,50) info@teatroastra.it 0444 323725

Sabato 5 aprile si torna a Vicenza per un appuntamento al Teatro Spazio Bixio con il collettivo Terzo Teatro che presenta Travolte da un insolito destino nell’azzurro Mar Egeo, una commedia comica in due atti, scritto e diretto da Mauro Fontanaini con Alessandra Zanutto, Antonella D’Alessandro, Laura Corbelli, Sara Moro e Marilisa Trevisan. Le amiche approfittano di un last – minute per andare in vacanza, sbarcano su un’isola deserta, ma presto i cinque caratteri e i cinque stili di vita diversi si fanno sentire e così cominceranno i problemi, il tutto ingigantito da un marinario greco!

Biglietto intero 10 ridotto 8. Per info e prenotazioni info@theama.it 0444 322525 lun-ven dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18. 345 7342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Teatro

Alziamo il sipario dal 10 al 16 marzo

La settimana ricca di teatro inizia presto, domani Martedì 11 Marzo alle ore 21 appuntamento a Bassano del Grappa con Gl’innamorati, testo di Carlo Goldoni con Isa Barzizza, Stefano Artissunch, Selvaggia Quattrini e con Laura Graziosi, Stefano De Bernardin, Stefano Toson e la regia di Stefano Artissunch. La storia è quella di un amore tormentato tra due ragazzi che si destreggiano tra corteggiamenti e seduzioni. Opere classiche e sempre attuali che ruotano attorno alle inquietudine dei protagonisti.

Biglietti dai 14 ai 25 euro (diritto di prevendita + 1,50) presso il Teatro Remondini di Bassano. Alle ore 18.30 presso il Cafè attiguo al teatro ci sarà l’incontro con gli attori, sempre secondo la disponibilità degli stessi.

Venerdì 14 marzo presso il Teatro Spazio Bixio alle ore 21 Omaggio ad Edgar Allan Poe attraverso letture, proiezioni, performance e musica dal vivo. Con Piergiorgio Piccoli, Aristide Genovese, Anna Zago, Ana Farinello  e Daniele Berardi, musiche dal vivo di Angiola Grolla. Interventi performativi di Alessandro Bevilacqua, proiezione di fumetti anni ’70. Edgar Allan Poe è uno dei massimi rappresentanti del racconto gotico anche se i suoi scritti sono posteriori a questo periodo. Giornalista, poeta, critico letterario, editore e molto altro. Come grande anticipatore di generi letterari come il racconto poliziesco e di fantascienza.

Biglietto 10 euro, 8 ridotto. Per info e prenotazioni info@theama.it oppure ai numeri 0444 322525(dal lun al ven dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18); 347 7342025 ( tutti i giorni dalle 10 alle 18);

Sabato 15 marzo o vi sdoppiate oppure vi toccherà scegliere: al Teatro Astra troviamo il premiato attore emergente (Premio Mariangela Melato), Tindaro Granata. Ritorna a Vicenza con lo spettacolo Invidiatemi come io ho invidiato voi con Tindaro Granata, Mariangela Granelli, Emiliana Masala, Bianca Pesce, Francesca Porrini, Giuseppina Lembo, Giorgia Senesi, Elena Arcuri. Assistenza alla regia Agostino Riola, scene e costumi Eliana Borgonovo, disegno luci Matteo Crespi. Elaborazioni musicali Marcello Gori. Lo spettacolo trae ispirazione da una storia di cronaca accaduta veramente, qualche anno fa in provincia di Perugia. Tocca un tema veramente complicato come quello della pedofilia. Una società che ama solo se stessa, uno spettacolo che si svolge come un processo senza una persona a cui attribuire la colpa ma cercando di capire dove questa si trovi.

Biglietto intero 13 euro, ridotto 11

La stessa sera al Teatro Spazio Bixio, la compagnia Locchi32 presenta Save the word di Silvia Capaccioli e Walter Cerotta. Scene e costumi di Ginevra Danielli, luci di Anna Merlo con Luisa Capaccioli, Walter Cerotta, Nicola Ciaffoni, Lorenza Fanton, Laura Serena. Il mondo è sull’orlo del baratro e Superman è in coma. Trovare un nuovo paladino sembra l’unica soluzione, ma come selezionarli? Naturalmente un provino è l’unica soluzione, in cui tutti dovranno dimostrare le loro doti migliori. Il progetto teatrale è nato da un gruppo di giovani allievi del Piccolo di Milano che portano in scena in maniera ironica il problema molto meno divertente del lavoro.

Biglietto intero 10, ridotto 8

Teatro

Alziamo il sipario 24 febbraio – 2 marzo

La settimana teatrale consta di tre appuntamenti: il primo spettacolo in programma al Teatro Remondini di Bassano del Grappa, dal titolo Pretty un motivo per essere carini il 26 febbraio alle ore 21 Di Neil LaBoute con Filippo Nigro, Fabrizia Sacchi, Forges Davanzati e Dajana Roncione, per la regia di Fabrizio Arcuri. La produzione de la compagnia Gli Ipocriti. Un cast effettivamente cinematografico per uno spettacolo composto da chiacchiere classiche e incomprensioni amorose ma che nascondono una riflessione sull’ossessione della bellezza nei rapporti personali, analizzando i falsi miti di oggi.

Secondo la disponibilità degli attori, alle ore 18,30 presso il Color Cafè di Bassano ci sarà un incontro con i protagonisti. Biglietti dai 14 ai 25 euro. Prevendite presso l’Ufficio IAT di Largo Corona d’Italia.

Il secondo appuntamento a Vicenza al Teatro Spazio Bixio  sabato 1 marzo alle ore 21 con la compagnia Nautilus Cantiere Teatrale, con La Presidentessa la commedia di Charles-Maurice Hennaquin e Pierre Veber. Con la riduzione di Piergiorgio Piccoli con Gianluca Beltrando, Manuel Bendoni, Wilma Berti, Carlo Bettinardi, Federico Calearo, Gianfranco Cardone, Enrico Colombara, Max Fazenda, Lorenzo Gennaro, Martina Marangon, Francesco Nicassio, Gilda Pegorato, Annalisa Sgorlon, Laura Sorrentino. Adattamento e regia di Daniele Berardi. Ambientato a Grey, piccolo borgo provinciale, si sveglia dalla monotonia grazie ad un’attrice di varietà che entra in casa del Presidente del Tribunale in compagnia del Ministro della Giustizia. Qui la comicità e le scene imbarazzanti portano scompiglio sulla scena. La scenografia è pensata per ricreare lo spirito da vaudeville con musica, belle époque etc…

Per info e prenotazioni info@theama.it 0444 322525 (lun- ven 10 – 13 e 14-18), 3457342025 (tutti i giorni dalle 10 alle 18). Biglietto intero 10 ridotto 8.

Terzo appuntamento al Kitchen Teatro Indipendente sabato 1 marzo alle ore 21 con la Compagnia Effetti Personali e lo spettacolo La singular istoria del cavalier Astolfo. La compagnia parte dalla figura di Orlando per immaginarlo quale giullare del verso, cercando di avvicinare pertanto un classico della letteratura in maniera più affine ad un pubblico eterogeneo.

Per info e prenotazion 335 56625286 info@kitchen.it

Teatro

Alziamo il sipario dal 17 al 23 febbraio

Già da questa sera il primo appuntamento teatrale. Prima tappa a Bassano del Grappa il 17 febbraio con Giuseppe Battiston ci aspetta con lo spettacolo dal titolo L’invenzione della solitudine di Paul Auster con la regia di Giorgio Gallione e con la produzione di Teatro dell’Archivolto. Un uomo si trova nella casa del padre scomparso da poco, una grande abitazione dove fino alla morte era rimasto isolato ed estraneo alla famiglia. Attraverso gli oggetti di questa casa, il figlio scopre finalmente un padre.

Biglietti dai 14 ai 25 euro, presso il Teatro Remondini di Bassano del Grappa, in prevendita presso l’Ufficio Iat di Largo Corona d’Italia. Come sempre, in base alla disponibilità degli attori, alle ore 18.30 incontro presso il Color Cafè. attiguo al teatro stesso.

Venerdì 21 febbraio si ritorna a Vicenza al Kitchen Teatro Indipendente con I segreti di Arlecchino di Enrico Bonavera. L’attore ed autore presenta il mondo della maschera in modo inconsueto. Scene ricavate direttamente dalla tradizione e alcune figure di storici attori ormai nel dimenticatoio. Da Zanni, Pantalone, Dottore, Capitano, Arlecchino. In uno spettacolo in cui troverete tutta la tradizione del passaparola.

Di e con Enrico Bonavera, maschere Amleto e Donato Sartori, Costumi Alessandro Osemont e Valeria Campo, luci Pietro Striano

Biglietto unico 10 euro, 13 euro biglietto + tessera ARCI

Per info e prenotazioni info@spaziokitchen.it 335 5625286 Via dell’Edilizia 72.

Sabato 22 febbraio ben due appuntamenti, comincio quindi con il Teatro Astra con lo spettacolo Mio figlio era come un padre per me di e con Marta Dalla Via e Diego Dalla Via, aiuto regia di Veronica Schiavone, partitura fisica di Annamaria Ferlini, scene di Diego Dalla Via e costumi di MArta Dalla Via. Lo spettacolo ha vinto il primo premop a Scenario 2013. Generazioni a confronti, scoprendo il futuro che ci aspetta. Una casa, quella di famiglia, che abbiamo sempre immaginato diventare un giorno nostra, ma anche finalmente padroni delle nostre vite.

Biglietto intero 13 euro, 11 ridotto per info e prenotazioni info@teatroastra.it

Sempre Sabato 22 febbraio alle ore 21 al Teatro Spazio Bixio, Nautilus Cantiere Teatrale presenta Il suono e il respiro, lettura scenica sulle contraddizioni artistiche e culturali di Wilhelm Furtwängler con Andriano Marcolini e gli attori di Nautilus Cantiere Teatrale. Furtwänglerè stato uno dei più grandi direttori d’orchestra, dirigendo la Gewandhaus di Leipzig, la Filamornica di Vienna e di Berlino. Dal 1924 al 1954 redige dei quaderni personali che costituiscono la base dello spettacolo della serata.

Biglietto intero 10 ridotto 8, per prenotazioni info@theama.it o al numero 0444 322525 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18; mentre al 345 7342025 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Teatro

ato quasi per caso, con la volontà di presentare la Maschera e la Commedia in un modo non consueto, accostando scene tradizionali strutturate a una affabulazione a braccio, si è trasformato a poco a poco in un affresco di alcune figure storiche della Commedia all’Improvviso, attori che, ormai dimenticati, sono però stati le grandi ‘star’ di quella gloriosa epopea del teatro.

La presentazione di brani classici dei personaggi di Zanni, Pantalone, Dottore, Capitano, Arlecchino, si alterna ad aneddoti, brevi sketches, a momenti di racconto, improvvisazione, e ‘svelamento’ di alcuni ‘segreti’ dell’arte dell’attore in maschera.

“I segreti di Arlecchino” ha, e continua ad avere, una circuitazione basata essenzialmente sul ‘passaparola’, e quindi trova vita nell ‘incontro e nell ‘autentico gradimento del pubblico, con il quale l’attore ha spesso un rapporto diretto in scena.

Con il solo ausilio di un baule e di una sedia come scenografia, e delle splendide maschere di Amleto e Donato Sartori, lo spettacolo può essere allestito in qualsiasi teatro con la massima agilità.

Ecco perché ha visitato il teatro più piccolo del mondo – il teatro Salvini di Pieve di Teco – come il Teatro Biondo di Palermo o il Teatro Carcano di Milano, ed ha trovato sede ideale in teatri storici come il Teatro Bibbiena a Mantova, il Teatro dello Scamozzi a Sabbioneta, il Cortile di Palazzo Rosso a Genova, o l’antico Teatro Sacco di Savona.

– See more at: http://www.spaziokitchen.it/1827/venerdi-21022014-enrico-bonaverai-segreti-di-arlecchino/#sthash.0RnDQFC6.dpuf

ato quasi per caso, con la volontà di presentare la Maschera e la Commedia in un modo non consueto, accostando scene tradizionali strutturate a una affabulazione a braccio, si è trasformato a poco a poco in un affresco di alcune figure storiche della Commedia all’Improvviso, attori che, ormai dimenticati, sono però stati le grandi ‘star’ di quella gloriosa epopea del teatro.

La presentazione di brani classici dei personaggi di Zanni, Pantalone, Dottore, Capitano, Arlecchino, si alterna ad aneddoti, brevi sketches, a momenti di racconto, improvvisazione, e ‘svelamento’ di alcuni ‘segreti’ dell’arte dell’attore in maschera.

“I segreti di Arlecchino” ha, e continua ad avere, una circuitazione basata essenzialmente sul ‘passaparola’, e quindi trova vita nell ‘incontro e nell ‘autentico gradimento del pubblico, con il quale l’attore ha spesso un rapporto diretto in scena.

Con il solo ausilio di un baule e di una sedia come scenografia, e delle splendide maschere di Amleto e Donato Sartori, lo spettacolo può essere allestito in qualsiasi teatro con la massima agilità.

Ecco perché ha visitato il teatro più piccolo del mondo – il teatro Salvini di Pieve di Teco – come il Teatro Biondo di Palermo o il Teatro Carcano di Milano, ed ha trovato sede ideale in teatri storici come il Teatro Bibbiena a Mantova, il Teatro dello Scamozzi a Sabbioneta, il Cortile di Palazzo Rosso a Genova, o l’antico Teatro Sacco di Savona.

– See more at: http://www.spaziokitchen.it/1827/venerdi-21022014-enrico-bonaverai-segreti-di-arlecchino/#sthash.0RnDQFC6.dpuf