I ponti di Sarajevo

Appuntamento al cinema con un altro punto da aggiungere alla grande storia! Quella della Grande Guerra e non solo!

Alle ore 20.30 al Monosala Araceli, di martedì 2 dicembre 2014 sarà proiettato il film I ponti di Sarajevo, una coproduzione internazionale che ha visto alternarsi alla cinepresa tredici registi di diverse generazioni, ma anche di diversa cultura e provenienza! Quindi diversi, tredici, punti di vista differenti. La Grande Guerra è l’inizio di un racconto che porta i registi a raccontarci le guerre dei Balcani ben dopo la Guerra che avrebbe cambiato il volto dell’Europa.

I registi sono: Aida Begić, Leonardo Di Costanzo, Jean-Luc Godard, Kamen Kalev, Isild Le Besco, Sergej Loznitsa, Vincenzo Marra, Ursula Meier, Vladimir Perišić, Cristi Puiu, Marc Recha e Teresa Villaverde.

Prima della proiezione ci sarà un momento di dibattico a cura dell’Associazione Culturale Hinné – Arte per il sociale con Agata Keran, Marina Cenzon, con un contributo di Marina Grulović.

L’evento è realizzato in collaborazione con in collaborazione con l’Istituto storico della resistenza e dell’età contemporanea “E. Gallo” di Vicenza e il Patrocinio del Comune.

sarajevo

Mille e mille deserti

Nella giornata di domani, quindi sabato 8 giugno, presso il Palazzo delle Opere Sociali di Vicenza in P.zza Duomo tra fotografie e quello che è risultato dal laboratorio teatrale che è stato organizzato dall’Associazione culturale Hinné – arte per il sociale e CasaLorca.

Alle ore 18.30 si inaugurerà una mostra fotografica dal titolo Sguardi altrove. Quotidianità e sogni di un’interazione difficile di Leonardo Ometti Muda, Anna Chemello e Geneviève Dinomais. La mostra in programma fino all’11 giugno dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30.

Il Gioco teatrale dal titolo Perché Agar?Un viaggio nell’anima.  E Quelle come me. Dialogo letterario con la poetessa Paula Bloom ideato da Antonio Santini e Agata Keran. Alle ore 20.30 invece Mille deserti di Agar – storie di popoli in viaggio.

Ricerca storica, letterario e iconografica di Agata Keran; con il contributo di Anna Chemello, Natascia Galzignano e Bade Salja. Gioco scenico a cura di Emiliano Gregori e Thierry Di Vietri e costumi di Geneviève Dinomais. Immagini fotografiche di Leonardo Ometti Muda, Anna Chemello e Geneviève Dinomais. Contributo video di Morena Sarzo e apporto tecnico di Michele Rutigliano. 

 Realizzato in collaborazione dell’Assessorato alla Comunità e alle Famiglie del Comune di Vicenza

4_LABORATORIO TEATRALE (2)

Profili 2013: al centro Proserpina

Sempre nell’ambito di Profili 2013, sabato 23 novembre in tre orari alle 17 alle 17.30 e alle 18, un’incontro con Agata Keran dal titolo Per qualche chicco di melograno.

Un percorso plurisensoriale alla ri-scoperta di un archetipo, l’antico mito di Proserpina, il suo destino riaffiora nella quotidianità e nei rapporti umani e di genere.

profili

Ponti di pietra e di parole

Ed eccoci al primo appuntamento autunnale di Itinerari Letterari, con un incontro corale e a più mani.

Il 29 settembre alle ore 20.45 appuntameto a Ponte San Michele per un dialogo interculturale tra le due sponde del Retrone.

Molte le suggestioni: le immagini poetiche di Ivo Andrić e di Mak Dizdar, la declamazione di buona letteratura che richiamo il ponte, come luogo di incontro tra civiltà e generazioni. Da non dimenticare che per i vicentini, il ponte, quel ponte è sinonimo di Neri Pozza. Tutte da scoprire in un incontro che richiede un contributo responsabile e libero.

A cura di Agata Keran e Gulia Basso con Stefania Carlesso, Emiliano Gregori e Federica Cacciavillani.

Per info tel al numero 3737394088 o trovate Itinerari Letterari sia su fb che tra i mei blogroll!

Chiamati in Borgo

Un’occasione per vivere un antico borgo di Vicenza! Ora deturpada dal tribumostro e dagli altri scempi commerciali e viari. Come già l’anno scorso l’ultimo week end di settembre e il primo pienamente autunnale sarà dedicato alla vita, ai suoi abitanti e alle attività che resistono, come le testimonianze storiche.

Due giornate il 28 e il 29 ricche di iniziative, vediamole nel dettaglio.

28 settembre:

Alle ore 16 due appuntamenti, in Via X Martiri, l’inaugurazione dell’area verde ristrutturata, mentre sul sagrato della Chiesa di Santa Caterina, inizia la visita guidata La via dei conventi, un’ora e mezza di percorso con la guida volontaria Chiara Bombardini,  a cura dell’Archivio di Stato di Vicenza.

Alle ore 21, in Via X Martiri l’istallazione multimediale e performance I martiri allora, la strada oggi! Per ricordare i fatti del ’44 Wohin, dove, ovvero la performance di teatro danza dedicata alla storia dei 10 martiri. Appuntamento allo spiazzo monumentale in Via X Martiri. Con la regia di Giorgio Bordin, performer Jolanda Bertozzo, interventi visivi di Leonardo. A cura di Arti della rappresentazione. Illuminazione offerta da L&L

29 settembre

La mattina di domenica comincia presto! Ore 9.30 pronti ad affrontare la salita delle scalette di Monte Berico, guidati da Agata Keran che vi accompagnerà fino al Santuario Mariano per visitare la mostra Ricordati di Monte Berico.

Dalle 15.30 Borgo Berga sarà chiuso al traffico,per la commemorazione civile e religiosa delle vittime della strada. Con la partecipazione di Ferdinando Laverda, Presidente dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della strada e don Albino Bizzotto Beati.

Dalle 16 alle 19 Borgo Berga rimarrà chiuso al traffico veicolare con la mostra di autoproduzioni artistiche e con le seguenti iniziative:

  • Era la strada degli umiliati … esposizione del materiale della mostra curata dall’Archivio di Stato di Vicenza.
  • Le Sgrexende, musica popolare, canti di protesta politica, sociale, ballate epiche di origine trovadorica, canti di lavoro, struggenti serenate al chiaro di luna e sboccate provocatorie e crudeli, canzoni da osteria.
  • Leggere le scalette, con i donatori di voce. Un gioco letterario salendo le scalette di Monte Berico.
  • IKTOME, istallazione di Elland performed by Radici Aeree. Iktome è il ragno, tessendo idealmente la sua ragnatela nel cerchio. Con la collaborazione del pubblico che produrrà frequenze con i cristalli.
  • Oblio Aureo, performance artistica di Francesco Rugiero Sgorbia. Realizzazione di un mandala, raffigurante l’arco delle scalette di Monte Berico. Il pubblico verrà invitato a lasciare la propria impronta.
  • I Balzi del Mulo. Poesia in musica, incastro fra musica e poesia, si differenzia dal classico reading musico – letterario in quanto le musiche inedite e scritte dalla band non svolgono una semplice funzione di accompagnamento di versi.

Dalle 16 alle 17.30 invece la visita guidata a cura della guida volontaria Chiara Bombardini e del parroco don Gino Bassan, uno dei borghi antichi della città, sede del porto, dei magazzini del sale, di un’ospedale a dire una chiesa che custodisce preziosi tesori.

Visita guidata organizzata grazie all’Archivio di Stato e al Corpo Forestale dello Stato.

Alle ore 17.30 appuntamento all’Arco delle Scalette per il Silent Play, Geometrie Palladiane, un’opportunità per scoprire gustose curiosità su luoghi che magari conosciamo da sempre, clic per scoprire la mia esperienza.

Alle ore 18.30 da Spazio Nadir, Annamaria Ghirardello presenta la sua raccolta di poesie Il marketing degli animali. Le poesie contengono: logica, matematica ma anche di spensieratezza e levità.

Due grandi giornate per BORGO BERGA

Ricordi di devozione

Anche la devozione e Monte Berico si mostrano, in un’occasione espositiva in programma dal 6 settembre al 6 ottobre!

La mostra, attinge da tutto il materiale di devozione, da fotografie, cartoline, disegni, stampe, prevalentemente inediti e custoditi presso la Biblioteca Berica e l’Archivio del Convento di Monte Berico, di interesse storico – culturale e datati tra il XVII e il XX secolo. Parte ingrante della mostra saranno gli ex voto, che fanno parte del Museo di Monte Berico, ma anche altri oggetti e documenti provenienti dai musei e dalla Biblioteca Civica Bertoliana, con il contributo del collezionista Antonio Rossato, che ha già contribuito con la mostra dedicata alle cartoline, organizzata in Comune.

L’esposizione è patrocinata dal Comune di Vicenza, è stata curata da padre Giorgio M. Vasina, dei Servi di Maria e da Agata Keran, studiosa. I due curatori si sono avvalsi della collaborazione di Federico bauce, dell’Archivio del Convento e di Francesca Gaiarino della Biblioteca Berica del Santuario.

Inaugurazione il 6 settembre alle ore 18!

L’esposizione è a ingresso libero e sarà visibile nei giorni di sabato, domenica e nei festivi dalle 8.30 – 12.30 e dalle 15 – 19.

Possibilità di visite guidate su prenotazione per gruppi, per informazioni e prenotazioni tel. 0444.559445 (biblioteca); 0444.559411  oppure il numeroportineria del Santuario); mail: bibliomonteberico@gmail.com .