Concerto dell’Epifania

Epifania tutte le feste porta via! Secondo me solo quelle natalizie, ultima scorpacciata di caramelle e cioccolate e magari anche di carbone di zucchero per poi rituffarsi nei dolci fritti di carnevale!

Ma eccoci qui, visto che con il corpo un po’ appesantito da dalciumi vari non possiamo elevarci, siamo pronti ad elevare almeno il nostro spirito con la soave musica! L‘Accademia degli Antichi in collaborazione con il Comue di Orgiani ci invitano domenica 5 gennaio 2014 alle ore 20.30 presso la chiesa di S.M. Assunta di Orgiano (VI – Via IV Novembre 1),  con brani natalizi del XVII e XVIII secolo. Brani di G. Frescobaldi, M. Cazzati, C. Cossonio, J.S.Bach, G. F. Handel, G. Tartini.
Alessandra Borin, Soprano, Luca Ranzato, Violino Barocco e Alessandra Bicego, Clavicembalo e Organo.

Ingresso libero!

Comu dissero gli antichi #4

Ultimo appuntamento per questa edizione del Festival delle Tradizioni.

Domenica 17 novembre si cambia con una diversa location e ora. Alle ore 18 presso la Biblioteca  Internazionale “La Vigna” con i SonansaBorda in Barcarola.

Anche quest’incontro è a ingresso libero e ancora una volta le sonorità saranno tipicamente del Sud del Salento.

1086977_198887626908338_1351795683_n

Comu dissero gli antichi #3

Terzo giorno in compagnia della musica nuova ma che abbraccia le tradizioni.

Sabato 16 novembre alle ore 21 sempre nella cornice del Palazzo delle Opere Sociali, le Faraualla  con Ogni male fore.

Il quartetto vocale nasce nel 1995, poiché le quattro cantanti hanno creduto nella voce come vero e proprio strumento. Tra le sonorità presenti quella pugliese, all’origine stessa del trio di formazione barese.

Appuntamento a ingresso libero ore 21!

1086977_198887626908338_1351795683_n

Comu disseru gli antichi #2

Il secondo appuntamento con il Festival delle Tradizioni è per il 15 novembre alle ore 21 al Palazzo delle Opere Sociali.

Vi aspettano Amine & Hamza, due fratelli tunisini che suonano rispettivamente l’Oud e il Kanoun, due dei principali strumenti della musica classica araba. La base costituita da tale musica si è arricchita di nuove sonorità occidentali, sperimento il jazz il flamenco e la musica indiana. L’appuntamento della serata dal titolo Perpetual motion – moto perpetuo è realizzato in collaborazione con FramEvolution.

Anche questo incontro è a ingresso libero..buona tradizione a tutti

1086977_198887626908338_1351795683_n

Comu disseru gli antichi #1

Da domani appuntamento con la seconda edizione dei quattro giorni alla riscoperta degli antichi suoni e melodia.

L’Associazione Culturale l’Accademia degli Antichi propone al pubblico un nuovo Festival delle Tradizioni.

Primo appuntamento il 14 novembre alle ore 21 presso il Palazzo delle Opere Sociali (P.zza Duomo 2), con i Domo Emigrantes Kolymbetra.

Il gruppo nasce nel 2009, dall’incontro di tre ragazzi con la passione per le sonorità del Sud Italia per poi allargare i propri orizzonti. Il repertorio comprende musica folcloristica della Puglia, Calabria, Sicilia e Campania.

Se non volete perderli l’appuntamento a ingresso libero per giovedì 14 novembre!

1086977_198887626908338_1351795683_n

Musica dalla Spagna con gli antichi

L’Associazione l’Accademia degli Antichi, vi invita a scoprire la musica spagnola del ‘500. L’appuntamento Cantaer

Venerdì 20 settembre alle ore 21, a Villa Morosini ad Altavilla Vicentina (Via Marconi 103). L’esecuzione musicale si alternerà alla lettura di brani tratti dal Don Chisciotte.

Ad eseguire le musiche ci saranno, Alessandra Borin Soprano, Raffaella Bortolini Flauti e Bombarda, Alessandro Parise Viella e Percussioni, Massimiliano Varusio Viola da gamba, Ilaria Fantin Liuto e Chitarra battente, Alessandra Bicego Clavicembal. La voce narrante di Marco Zoppello.

Ingresso gratuito!