Poesia a Vicenza

Dopo almeno un anno di assenza tornano a Vicenza gli appuntamenti con la poesia.

Ma questa nuova rassegna cambia un poco e sarà sotto la direzione artistica di Marco Fazzini, già direttore artistico di The Arts Box sempre a Vicenza che cerca un legame tra poesia ed arti visive e ricercatore presso il Dipartimento di studi linguistici e culturali a Ca’ Foscari.

Il programma prevede incontri con i poeti in tre luoghi principali, le Gallerie d’Italia di Palazzo Leoni Montanari, Palazzo Chiericati e la sede di The Arts Box in Contrà San Paolo, 23

Tutti  gli incontri saranno a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Eventi “normali” ed eventi speciali ci accompagneranno in questo nuovo bagno di poeticità! La caratteristica inoltre sarà la presenza costante della musica che legherà ancora di più gli stili proposti durante gli appuntamenti.

Il primo evento si svolgerà in occasione della Giornata Mondiale della Poesia, il 21 marzo!

Alle ore 18.30 presso Theartsbox appuntamento che coniuga l’arte della poesia con l’arte. Lettura di testi poetici e inaugurazione della mostra Evensongs di Naomi Tydeman. Voce recitante di Michele Silvestrin, le chitarre di Pierantonio Tanzola e Stefano Bassato 

Appuntamento a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

poetryinvicenza

Fiori violenti

Atipografia continua a stupirci con nuovi interessanti progetti.

Sabato 21 marzo ci invita pertanto a scoprire l’opera di Mattia Bosco, con l’opera dal titolo Fiori Violenti.

La forma e la materia sono i protagonisti di questa mostra  e ancora sarà il legno ad entrare nei luoghi dell’ex tipografia. Istallazioni site specific che andrà a ricreare delle ossa vegetali o come le intende lo stesso artista gli ultimi fiori che nascono da un gesto violento, spezzati ed esposti nel loro intimo.

Mattia Bosco “Gli alberi seguono una legge precisa secondo la quale si sviluppano in infiniti modi, ma tutti sono ancorati al suolo, non si può dare un albero senza radici, l’albero è sviluppo verticale a partire da un punto, non può muoversi da lì se non ramificandosi, bilanciando i rami che cercano la luce con quelli che sono nel buio della terra“.

Un fenomeno ben descritto dalla scienza e catalogato nel Fototropismo.

Durante l’inaugurazione la curatrice Elena Dal Molin ha invitato quattro giovani voci di spicco del panorama letterario italiano a parlare proprio dell’opera di Bosco, Benedetta Tobagi, giornalista, scrittrice e membro del CdA Rai, Orazio Labbate, autore di Lo Scuru,candidato al Premio Campiello 2015, Maurizio Torchio, autore del romanzo Cattivi, e Alcide Pierantozzi, già autore di Uno in diviso.

La mostra aperta fino al 23 maggio, 

Orari di apertura: da mercoledì a domenica – dalle 15 alle 20
lunedì e martedì su appuntamento. Ingresso con tessera associativa con validità annuale al costo 5 euro.

18107_802176943169362_2464265876024149347_n