Gigantesca paura

Nell’ultimo spettacolo in programma sul palco del teatro Astra, I giganti della montagna, opera incompiuta di Luigi Pirandello.

Il dramma diviso ed ideato in tre atti, fu completato solo nei primi due, alla morte del drammaturgo il figlio tenta una ricostruzione del testo, in quanto il padre gliene avrebbe suggerita la struttura.

La vicenda narra di una compagnia teatrale chiamata de La Contessa composta per lo più da disadattati. Arrivano in una villa buia e sinistra chiamata La Scalogna ed abitata dal Mago Cotrone.

Nella versione proposta da Roberto Latini questi ci conduce in un mondo dominato dalla paura, non faccio del resto fatica a crederlo. Guardandomi intorno mi compaiono due sentimenti in particolare, proprio la paura, dalla quale mi sento dominata spesso e volentieri! Dall’altra l’essere terrestre, e sappiamo bene quanto sia dominato anche da un altro terrificante sentimento…il risentimento nei confonti del prossimo.

Il palco è modulato dalle ombre e la fisicità dell’unico artista esplode prepotente. L’abilità nel calarsi in numerosi personaggi la forza del fisico che occupa il palco e la mia voglia di salire per provare a capire la consistenza del grano sotto il palmo della mano. Oppure osservare il temporale che diventa l’unica fonte di illuminazione della stanza e il ricco candelabro, antiche vestigia del passato, dondola come presenza inquietante all’interno di questo salone.

Il primo atto si compie nella paura, che sensazione viva in me! Ad un aumentare la poca conoscenza del luogo in un tempo  che è sfuggente. Uno spettacolo che mi ha tenuta imbrigliata per cercare le ragioni della paura. Le mie le conosco abbastanza e non ho trovato ancora il medtodo giusto per catturarle e renderle meno paurose.

giganti_lunga

Annunci

La banalità del male

Per non dimenticare laGiornata mondiale della Memoria, l’Associazione Culturale Spritz Letterario, organizza presso il Caffè Moresco una conferenza dal titolo La banalità del male che prende spunto dall’opera di Hannah Arendt

Alle ore 18.30 presso lo storico caffè di Campo Marzo vi aspetta il prof. Vittorio Pontello.

L’ingresso è libero

spritz

Andiamo al di là!

Il Giorno della Memoria 2015 bella iniziativa nella Sala degli Stucchi di Palazzo Trissino per scoprire come un’esperienza incancellabile sia stata da spunto per creare qualcosa di bello.

L’arte viene ospitata nelle sale più prestigiose della città, per mostrare gli acquerelli che il novantenne Enzo Ronchetti ha realizzato! La serie chiamata Al di là del reticolato è composta da 34 acquarelli raccolti in un volume. L’artista con la propria sensibilità ha così tracciato la sua esperienza nei campi di concentramento nazisti, da cui per fortuna è sopravvissuto per darne testimonianza.

Il volume sarà presentato martedì 27 gennaio alle ore 18 con la presenza di Antonio di Lorenzo e del Sindaco Achille Variati.

Incontro a ingresso libero.

reticolato