Un Veronese che si divide in cinque

Un Veronese per cinque mostre!

Verona, Vicenza, Padova, Castelfranco Veneto e Bassano del Grappa da questo mese e fino a gennaio 2015 si apprestano a celebrare un importante pittore veneto, che grazie al suo acceso cromatismo ha creato una caratteristica che lo fa riconoscere in tutto il mondo! Soprattutto per il rosso. Accennando alle città ho così anticipato che nel corso di questi mesi ci sarà un vero e proprio itinerario volto a scoprire un pittore ma anche gli artisti contemporanei.

Le mostre saranno cinque e acquistando un biglietto sarà possibile avere la riduzione negli altri posti. Le prime mostre in ordine di data sono quelle di Verona e Vicenza.

A Verona con Paolo Veronese. L’illusione della realtà in programma al Palazzo della Gran Guardia da 5 luglio al 5 ottobre.

A Vicenza invece, sempre nello stesso periodo, al Palladio Museum la mostra dal titolo Quattro Veronese venuti da lontano. Le allegorie ritrovate.

Le vicende della mostra sono affascinanti, è stata una giovane laureanda dell’Università di Milano, Cristina Moro che mentre stava svolgendo riceerche sulla collezione d’arte conservata nella Villa San Remiglio a Verbania Pallanza, a scrutare con maggiore attenzione le tele!

L’autenticità e l’attribuzione è stata accertata dalla prof.ssa Vittoria Romani dell’Università di Padova. Sono due allegorie, che si presenteranno fresche di restauro, il quale ha restituito le qualità coloristiche del dipinto. A Vicenza saranno affiancate dalle gemelle americane, provenienti dal Country Museum of Art di Los Angeles. Il ciclo, finalmente ricomposto sarà visibile per la prima volta, ma ancora è avvolta nel mistero la sede alla quale era destinata. La mostra al Palladio Museum è significativo nell’intento di affiancare nuovamente i due artisti, Palladio e Veronese che lavorarono in stretto contatto sia a Villa Porto ma soprattutto a Villa Maser. Anche se la leggenda vuole che l’architetto si sia un po’ risentito delle architetture dipinte dal pittore nella grande villa!

La mostra apre anche un nuovo capitolo sulla storia del collezionismo e saranno esposti due tele di Umberto Boccioni dal titolo Paesaggi, dipinte dalla terrazza di Villa San Remigio nel 1916.

La mostra sarà anche ricca di materiali in uso nei cantieri rinascimentali, e libri risalenti alla metà del ‘500 ma anche materiale fotografico di inizio Novecento che ritraggono i proprietari della Villa e la loro collezione di arte antica e moderna.

Apertura dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso 17.30), ingresso con il biglietto del museo 5 intero, ridotto 4 e con ViCard.

palladio museum

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...