L’arte è buona come il pane

Il pane! Uno degli alimenti che più amo e di cui non resisto. Alimento semplice e ricco dall’inconfondibile profumo portatore di inconfondibili ricordi. Da piccola infatti abitavo di fronte ad una panetterie e spesso nell’uscire di casa venivo investita da quell’odore fragrante e genuino. Grano dorato da cui ricavare la farina bianca e vellutata, lievito il simbolo della vita, lasciando poi stare altri tipi di implicazioni.

Molto significativa appare la scelta di ospitare una collettiva di artisti in un mulino dismesso, chiuso alla produzione dalla fine dagli anni ’90, dal grano farina bianca e farina per la polenta, un imponente edificio che campeggia ancora in un punto strategico per il paese e che dava lavoro a moltissime persone.

Un posto affascinante quanto pericoloso per i non avvezzi a frequentare fabbriche attive e non, scalette sulle quale arrampicarsi, fori dai quali si può sbirciare l’intera altezza dell’edificio. Ma per l’arte si può anche correre un po’ di pericolo anche piccante … vestiti e vestitini svolazzanti e gambe finalmente libere da stivali e da pantaloni pesanti con addetto a cadute imbarazzanti, pronto a raccogliere le dame e i nuovi cavalieri dotati di 600 cavalli almeno! Ma l’occhio ci guadagna tutto! L’importante che tutto sia in piega!

Saggiamente in scarpe sportive, personalmente mi diverto di più che al Luna Park, scoprendo un luogo insolito nel suo affascinante abbandono e ancora si percepiscono ombre di un lavoro vorticoso! Tra gli artisti che da sabato e fino al 22 giugno vivono lo spazio, anche il Collettivo Jennifer rosa con D’istante, che mi emozionano come sempre! Eteree, belle, delicate,  istanti di generazioni si uniscono tra ricordi e luoghi in cui la poesia non era ingrediente da macinare. Sole e insieme unite in una danza che smette di essere solo corporea, si distaccano per unirsi  dal corpo come ombre bianche e pure!

Poi gli artisti tanti e diversi in uno spazio che diventa luogo d’arte ma anche luogo della parola, quella affidata a Luciano Battaglin e le sue Poesie Da Tasca, riflessioni brevi sugli affanni  del quotidiano e poche parole di guerriglia.

Il crudele Maurizio Bonato con il “Lamento” per un naufragio (dell’eredità industriale italiana), rosso sangue che si scioglie sulla tela e donne che si offrono spudoratamente al pubblico. L’artista uso un argomento simbolico per il luogo geografico che è stato per decenni il fulcro della cultura industriale italiana.

Giovanni Canova propone un’istallazione composta da molti elementi, se da un lato troviamo specchi, un po’ alla Pistoletto, che oltre a restituirci la nostra immagine, ci immergono nelle sagome di bovini e suini con le relative parti che il macellaio taglia quotidianamente, in un’altra parete invece si contrappongo gigantografie di piatti con cibi a base di pesce. L’artista affronta quindi uno dei tempi più scottanti della nostra epoca, il cibo e il nostro rapporto con esso, sulle scelte etiche che ognuno di noi compie anche semplicemente facendo la spesa. Nello stesso spazio un sparabolle che ci mostra l’effimero e la caducità delle cose.

Alessandro Lucca al nostro arrivo condivido lo spazio con Claudio Brunello, quest’ultimo nella veste di un nuovo messia. Lucca in questo spazio propone Germinale I° e II° in cui mette a confronto e in dialogo l’uomo e la donna nella differenza più eclatante che li caratterizza, nelle parti genitali! I corpi che sembrano quelli di sculture ma di cui percepiamo le peculiarità del fisico. Le parti più sensibili sono nascoste da germi di cereali che nidificano e cominciano a espandersi con le loro radici.

Affrontando scalette, che con le mie doti ginniche ho superato con estrema facilità, si esplorano delle zone interessanti e particolari, alla scoperta della storia del mulino e artisti, coma l’acquerellista Jane Minter, che da buona inglese ama molto questa tecnica donandole nuova linfa e nuova popolarità e con un tratto che trova l’anima e la poesia anche di oggetti che si crede non ne posseggano!

Tra gli artisti che seguo assiduamente, Enrico Mitrovich, con la speranza un giorno di poter avere almeno un suo quadro appeso a casa, tra le opere che ha proposto mi sono innamorata a prima vista di A child meets one “Friendly Floatees” ed è attraverso il suo sito che scopriamo questa storia: questi Friendly Floatess sono giocattoli protagonisti di uno strano destino, infatti un’imbarcazione di cui era carina naufraga e anche il suo carico, ovvero le paperelle gialle di plastica. Enrico quindi ci regala questa storia di un tenero incontro tra un bambino e la paperella, un puntino giallo sulla tela! Le paperelle e la storia, quasi fantastica è al centro anche di Una piccola papera. Immense campiture di blu su lastra sulla quale sono praticate piccole bruciature e lì gongolante e imperterrita la paperella!

Rossella Pavan è in veste di doppia artista, in quanto parte del collettivo Jennifer rosa. L’apprezzata artista si studia nei due pannelli realizzati in cui l’istallazione fotografica, in cui è alle prese con il suo autoritratto. Da sempre nella storia dell’arte tematica affrontata e che in ogni suoi tassello e trasposizione mantiene il suo fascino come segno dello studio di sé da parte dell’artista! Un mettersi a confronto con la propria stessa arte e poetica, nonché con le persone! Non cancello quello che ho scritto ma lo modifico in corsa… grazie alla precisazione della autrice delle foto assieme a Rossella Pavan dell’opera esposta al Molino. Caterina Romano fotografa e performer che ha ritratto l’artista come filtro dell’opera stessa fino a narrarla! A questo punto gli altri ritratti realizzati negli altri riquadri sono si di Rossella e l’acetato conserva una traccia sempre più labile dell’immagine.

Il percorso mi conduce anche all’ultimo piano, quando il grano ancora verde esce e invade il posto una volta riservato ai tubi che portano nel giro vorticoso le granaglie! Ma oltre ai fori di erba, altri da tener sott’occhio prima di finirci dentro altri, due, contenevano video!

Qui nei piani alti ritrovo Alessandro Lucca con il video A la plage, in cui la protagonista viene spiata mentre è nel momento di relax di una giornata al mare, rinfrescata dalle onde. Dato il caldo abbiamo penso guardato con estrema invidia la protagonista e cercato quantomeno di illuderci di essere nella stessa situazione. Nello stesso spazio le sculture di ferro recuperato di Maurizio Maltauro, creature fantastiche, grilli medievali o uscite dalla tele di artisti fiamminghi con la passione con questi assemblaggi, alla fine creature che vorrebbero essere più feroci di quelle che sono.

Scendendo non posso che non soffermarmi sulle tele in tecnica mista dell’artista Roberta Bassetto, la quale si trova anche nella situazione di presentare la collettiva! Ci porta attraverso le sue tele verso Luoghi, metaforici e reali alla ricerca dell’aria che nonostante gli interventi materici sulla tela mi fanno librare in un cielo ma in cui scorgiamo terre lontane e affascinanti!

Scoprite loro e gli altri, eccoli tutti citati: Luciano Battaglin, Maurizio Bonato, Claudio Brunello, Giovanni Canova, Diego Dall’Osto, Alessandro Lucca, Maurizio Maltauro, Jane Minter, Enrico Mitrovich, Paolo Pasetto, Rossella Pavan, Roberta Rossetto, Joseph Rossi, Ludovico Sartor

Ovviamente come ogni mio pomeriggio post lavorativo il tutto è sempre condito da estrema fretta per impegni che si accavallano e mi resta solo il sapore amaro del lievito a dover scappare presto e non avere nemmeno un’altra opportunità per tornarci! La mostra prima del finissage nella sede di TERMA, come vedremo, è aperta il sabato e la domenica dalle 10 alle 18 (14 e 15 e 21 e 22 giugno). Ecco alcune foto del pomeriggio…frettoloso ma importante in mulino.

Il Molino Benedetti dall'esterno
Il Molino Benedetti dall’esterno
Roberta Bassetta durante la presentazione
Roberta Rossetto durante la presentazione

IMG_6267 IMG_6268 IMG_6238 IMG_6313

Roberta Bassetto Luoghi
Roberta Rossetto – Luoghi
Alessandro Lucca Germinale I° e II°
Alessandro Lucca – Germinale I° e II°
Jane Minter
Jane Minter

IMG_6254 IMG_6266

Giovanni Canova - Rifelssi - oni
Giovanni Canova – Rifelssi – oni

IMG_6270

Enrico Mitrovich - A child meets one "Friendly Foatesees"
Enrico Mitrovich – A child meets one “Friendly Foatesees”
Roberta Pavan
Roberta Pavan

IMG_6310

Claudio Canova
Claudio Brunello

IMG_6258

Maurizio Bonato "Lamento"  per un naufragio (dell'eredità industriale italiana)
Maurizio Bonato “Lamento” per un naufragio (dell’eredità industriale italiana)
Maurizio Maltauro - Memorie fantasticanti: figure di animali curiose, amabili e redente
Maurizio Maltauro – Memorie fantasticanti: figure di animali curiose, amabili e redente

IMG_6322

Alessandro Lucca - A la plage
Alessandro Lucca – A la plage

IMG_6355

Luciano Battaglin
Luciano Battaglin
Poesia di Luciano Battaglin con opera di Enrico Mitrovich dal titolo Pulcini
Poesia di Luciano Battaglin con opera di Enrico Mitrovich dal titolo Pulcini
Il collettivo Jennifer rosa durante D'istante
Il collettivo Jennifer rosa durante D’istante

IMG_6280 IMG_6281 IMG_6286 IMG_6291 IMG_6292 IMG_6293 IMG_6295 IMG_6335 IMG_6336 IMG_6337 IMG_6338 IMG_6339 IMG_6340 IMG_6341 IMG_6342 IMG_6343 IMG_6344 IMG_6345 IMG_6346 IMG_6347 IMG_6348 IMG_6349 IMG_6350 IMG_6351 IMG_6352 IMG_6353 IMG_6354

 

Annunci

4 pensieri su “L’arte è buona come il pane

  1. Ciao Teresa,sono contenta che tu sia riuscita a venire alla vernice sabato al Molino.L ‘ installazione di Rossella Pavan prevede una parte dove e’ presente questa nostra collaborazione dove il linguaggio della fotografia si mescola alla pittura..La striscia degli 8 riquadri sono foto di Caterina Romano che trovo giusto citare,visto che e’una parte integrante dell’installazione .Seguirà presto una specifica anche nel catalogo.Mi spiace che ti sia sfuggito questo importante dettaglio..

  2. Claudio Brunello ha condiviso un link.
    3 ore fa
    Recensione interessante ma inesatta in alcuni punti e molto incompleta in altri, aver ignorato completamente, nel commento, molti degli artisti presenti e troppo spazio ad altri, denota forse una preferenza verso artisti conosciuti e/o amici, comunque grazie meglio parlarne così che non parlarne. Claudio Brunello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...