Segni tra Oriente e Occidente

Il mondo delle immagini è percorso da segni diversi che ogni artista decodifica. Ovviamente tutte le arti si sono interessate e lasciate sedurre dalle diverse culture e così anche il meraviglioso Oriente segreto e magico è stato svelato attraverso alcuni segni!

L’Occidente ragiona su un’Oriente lontano, ma che si avvicina attraverso saggi e letture che vogliono renderlo più tangibile. Attraverso il titolo dell’opera del saggista francese Roland Barthes. Il testo scritto nel 1970 è una nota di viaggio in cui lo studioso non vuole necessariamente darci un’opinione, ma annotazioni attraverso aspetti che invece per altri risulterebbero poco interessanti.

Lo Studio60 risplendeva di una luce preziosa, attraverso opere artistiche uniche e il delicato ed efficace allestimento, incuriositi da tutti gli elementi giusti! Ad accompagnarci nel mondo tortuoso delle parole e dei segni François Bruzzo che ha catturato le molte persone presenti con una vera e propria lezione universitaria, ne riporto i concetti fondamentali con l’utile video girato durante l’inaugurazione…

…un Giappone che diventa un Oriente estremo che non bisogna riconoscere in un punto geografico preciso, ma un Giappone che deve mettere in moto qualcosa, attraverso la provocazione appunto del saggio che da nome alla mostra stessa! Per Barthes rappresenta una riserva di tratti e l’idea di un sistema simbolico. Grazie a François noi affrontiamo una riflessione culturale, su quello che piace agli orientali della nostra cultura e cosa invece noi cerchiamo nella loro un Giappone non più diffuso ma silente e  che non ha bisogno di commenti come le opere che possiamo vedere entrando in questo luogo. Cose, che deriva dal giapponese mono, come ricettacoli grafici, ovvero cose che mettono in moto il segno. Dai Taccuini di Patrizia Peruffo, parte dalla necessità di annotare qualcosa, dalla necessità di usare il supporto per scrivere qualcosa di importante. Il supporto che nella nostra tradizione arriva nell’800 e nell’opera di Patrizia non è più un oggetto dimenticato, parlandoci attraverso onde, vento, haiku su onde e vento! Il taccuino è onda e vento, può essere tutto! Il vaso che ci fa pensare all’ikebana, non solo rami ma anche foglie per coltivare la parte del cielo della terra e dell’uomo, la cui forma di base è il triangolo scaleno. Distante dalla simmetria di pensiero greco! Vasi fluttuanti che arrivano dalla tradizione dell’Ukiyo – e che vuol dire rappresentazione del mondo fluttuante, ciò che passa che non consiste e non compare! Le collane di Angela Simone realizzate con la tecnica del Suminagashi tecnica che affonda nella cultura cinese e che arriva in Giappone tra il 1000 e il 1100 usando la marmorizzazione, ovvero l’inchiostro sulla carta in un’opposizione fondamentale tra il bianco o il nero, ma anche tra più colori. Una fluttuazione legata al mondo dell’acqua e del segno che si dirige e l’abilità dell’artista che deve capire dove va la fluttuazione e stare al suo gioco, in cui il soggetto non c’è! Anche i testi sparsi in questo gabinetti, di Mirko Cremasco provocato,  ha rifatto in maniera inconsapevole una vecchia tecnica giapponese che sembrano degli haiku. Testi ricavati da scritti più lunghi,  l’haiku che deriva dal tanka. Mirko si è prestato al gioco e far andare i suoi psedo haiku, trasformandoli in una semplicità estrema. Ha abbandonato la scienza e si è fatto trasportare dalla parola! L’haiku è semplice e non descrittivo, in una semplicità per noi disarmante con dei vuoti che vengono coltivati. Usa tutti i livelli di poeticità che conosciamo e il carattere si trova a essere la parte più peculiare attraverso il gioco dei caratteri e nelle sue ricorrenze, lanciando al lettore delle profonde ambiguità. Ci troviamo così davanti ad un enigma! Elvezia Allari ha usato i testi di Mirko riproducendoli con il cucito, sarebbe stato ovvio se fossero state leggibili, l’idea è stata di farli vedere dall’altra parte, le parole sono abbordate al rovescio e arrivano a noi in un modo sconosciuto. Il testo viene posto non come interpretazione ma è un testo che sollecita un modo di tacere. Elvezia ha usato la carta, materia comune a tutti gli interventi, che diventa carta giardino, che trattiene i segni e colori che a loro volta trattegono sovrapposizioni e da cui nascono increspature floreali o frammenti di florealità. Le cose appese, il kakemono, oggetto interessante, qualcosa che si appende e quindi illustra, come per la cerimonia del te, può essere grafico e accompagnato dall’ikebana. Il kakemono è anche un ricettacolo di segni grafici come quelli in vetrina.  La casa giapponese è una cosa fluttuante che cambia come i kakemono che intervengono e quando non vengono usati vengono riposti arrotolati, come quelli esposti con all’interno dei testi di Mirko. Questo è il Giappone, l’Oriente che è venuto a trovarci perché è stato raccolto dalle artiste e da Mirko, cogliendo le sollecitazioni di Roland Barthes per lanciarsi in un’Oriente da cartolina e di rappresentazione ma è un’Oriente che proviene e attraverso e da cui ognuno si è messo in gioco per offrirlo a voi, proporvelo per ricordarvi che l’Oriente sta anche nel cuore della nostra vita quotidiana!

Un’inteso momento di racconto e di comprensioni di momenti di Oriente che possiamo vivere tra i nostri mobili immobili e creare, come spesso facevano scrittori del passato, un Oriente personale! Per immergervi anche voi nelle atmosfere dell’Impero dei Segni avete tempo fino al 31 maggio dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19.30, chiuso il lunedì mattina! 

Alcune foto per stuzzicarvi e farvi giungere presso Spazio60 Contrà Porta Santa Lucia 60! Ma sarebbe comodo mostrarvi solo quelle dell’inaugurazione quindi anche qualcuna dei giorni precedenti…

Allestimento

IMG_5879
Taccuini di Patrizia Peruffo Design
IMG_5880
Taccuini Patrizia Peruffo Design
IMG_5882
Abito scultura di Elvezia Allari con Versi fragili di Mirko Cremasco
IMG_5886
Lampada Abito di Elvezia Allari
IMG_5888
Segni che si disperdono sul foglio di Patrizia Peruffo
IMG_5909
Kimono di Elvezia Allari con Versi Fragili di Mirko Cremasco
IMG_5889
Il segno sfugge ma lascia traccia del suo passaggio – Patrizia Peruffo Design
IMG_5917
Taccuini a preghiera tibetana – Patrizia Peruffo Design
IMG_5918
Vasi fluttuanti – Patrizia Peruffo Design
IMG_5921
Abiti scultura di Elvezia Allari, sospesi con versi fragili di Mirko Cremasco
IMG_5928
La carta si impossessa di versi che sono nuovi e inaspettati
IMG_5936
Collane di Angela Simone realizzati con la tecnica del quilling
IMG_5948
Collane dal colore cangiante di Angela Simone realizzate con la tecnica del quilling
IMG_5955
Collana di Angela Simone realizzata con la tecnica del Suminagashi
IMG_5978
I materiali per le arti di Studio60 si uniscono alle artiste e al poeta alla ricerca di nuovi segni da creare sulla carta

IMG_5883 IMG_5920 IMG_5922 IMG_5923 IMG_5924 IMG_5925 IMG_5926 IMG_5927 IMG_5929 IMG_5930 IMG_5931 IMG_5933 IMG_5934 IMG_5935 IMG_5937 IMG_5938 IMG_5939 IMG_5940 IMG_5941 IMG_5947 IMG_5949 IMG_5950 IMG_5951 IMG_5952 IMG_5958 IMG_5959 IMG_5960 IMG_5966 IMG_5968 IMG_5970 IMG_5971 IMG_5972 IMG_5973 IMG_5979 IMG_5981 IMG_5985

 

Inaugurazione

IMG_6038
Noi eravamo pronti per accogliere gli ospiti che si sono lasciati sedurre dall’Impero dei segni
IMG_6025
Versi fragili di Mirko Cremasco
IMG_6026
Ultimi dettagli…
IMG_6027
In mood Japan
IMG_6037
In perfetta sintonia
IMG_6060
La presentazione di François Bruzzo
IMG_6072
Le collane di Angela Simone meritano carezze
IMG_6122
Autori e autrici, l’artista Elvezia Allari con il poeta Mirko Cremasco

IMG_6039 IMG_6040 IMG_6041 IMG_6042 IMG_6043 IMG_6044 IMG_6046 IMG_6052 IMG_6053 IMG_6054 IMG_6057 IMG_6058 IMG_6061 IMG_6062 IMG_6063 IMG_6067 IMG_6073 IMG_6074 IMG_6126 IMG_6115 IMG_6116 IMG_6117 IMG_6118 IMG_6119 IMG_6120

Tutti noi! Da sinistra Fabrizio e Doris Crivellari proprietari di Studio60, Elvezia Allari, io con la collana di Angela Simone, Mirko Cremasco, Patrizia Peruffo e Fraçois Bruzzo
Tutti noi! Da sinistra Fabrizio e Doris Crivellari proprietari di Studio60, Elvezia Allari, io con la collana di Angela Simone, Mirko Cremasco, Patrizia Peruffo e Fraçois Bruzzo

IMG_6123 IMG_6124 IMG_6125

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...