Candida architettura in fotografia

A pochi mesi di distanza della mia prima visita presso la Fondazione Bisazza eccomi tornata in occasione dell’attesissima mostra di Immagini di Architettura di Candida Höfer, la fotografa tedesca che ha nel giro di poche settimane ha inaugurato ben due esposizioni, presso Palazzo Te di Mantova e presso la prestigiosa fondazione vicentina!

Il giorno dell’inaugurazione naturalmente tanta gente conosciuta, ma noi siamo venuti per l’arte! Trenta fotografie in formato gigante, tanto per capirci 200×250, con più una chicca! Un video girato dalla stessa fotografa nel 1975 ma è presto per parlarne.

Nel contenitore creato dall’architetto Carlo Dal Bianco, il bianco è per l’appunto il non colore che domina ma la parte dedicata alla fotografa tedesca è calda ed incornicia le fotografie! Prima di trovarmici davanti una certa curiosità e ritrosia nel sapere cosa si prova a stare di fronte a immagini così immense.
Io direi immersione e un certo senso di onnipotenza, come già spiegato nel post che ha presentato la mostra in arrivo, la fotografa tedesca per realizzare i suoi scatti ha una metodologia, come l’utilizzo della luce naturale o meglio della massima luce che il luogo possiede già..nel caso di un Teatro dell’Opera è difficile trovare la luce che filtra dalle finestre, completamente assente l’uomo… del resto la sua presenza arriva a deturpare i luoghi certe volte! I soggetti presentati in questa occasione sono biblioteche, musei, abbazie, archivi, gallerie, teatri fondazioni, sale da concerti. Posti che hanno uno scopo, in particolare quando sono animati da musica o da persone che consultano i volumi o quando ammirano i quadri che fanno sfoggio della loro bellezza! L’edificio nasce per l’uomo e per sopperire a questi bisogni, alcuni non certamente non primari, ma se non ci fossero arte e musica, se non ci fossero volumi da sfogliare, miniature e manoscritti da riscoprire la nostra vita sarebbe probabilmente composta solo da incombenze tristi!

IMG_5525

Già da un giorno d’inaugurazione, naturalmente affollato, ponendoci di fronte alle immagini ci sentiamo privilegiati, per lo meno io ho sempre desiderato di trovarmi in un luogo simile a quello che ho potuto vedere, senza la mediazione di altri, entrare in un luogo tutto per te! Ma noi abbiamo la mediazione di Candida Höfer che per i comuni mortali, certe volte nemmeno così comuni…, lo fa per noi! In prevalenza immagini che catturano interni, particolari delle architetture, da prospettive che ci danno a volte la sensazione di entrare in una casa di bambola. Non c’è un’assoluta simmetria come accade invece nel regista del momento, Wes Anderson, ma viene scelta una particolare visione che rispecchia un intento della fotografa stessa. Ma quali luoghi sono?

La Casa de Musica a Porto, noi dalle fotografie non vediamo il contenitore ma il contenuto e seppur si tratti di un edificio assolutamente contemporaneo il legame con le manifatture tipicamente portoghese è strettissimo. La tradizione delle azulejo, la facciata rivestita che si lega alla grande tradizione del mediterraneo e in particolare a quella araba. Esternamente l’edificio si presenta come un poliedro irregolare di cemento armato ed è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Una struttura che di pone in rottura rispetto all’elitarismo delle sale di musica.

Casa Musica Porto
Casa Musica Porto
 Candida Höfer Casa Musica Porto
Candida Höfer Casa Musica Porto

La Biblioteca della Sorbona di Parigi, una delle più antiche università europee che conserva un patrimonio impressionante di materiale libraio.

Candida Höfer Bibliothèque de la Sorbonne Paris I
Candida Höfer Bibliothèque de la Sorbonne Paris I

Il Neues Musem di Weimar, ovvero il Nuovo Museo di Arte Contemporanea e internazionale. Ma che nelle decorazioni si avvicina ad uno stile ancora pomposo e classico.

Candida Höfer - Neues Museum Weimar
Candida Höfer – Neues Museum Weimar

L’Opernhaus Köln, ossia il Teatro lirico di Colonia. Fondata, con la prima compagnia permanente fondata nel 1822. La costruzione attuale è una realizzazione di Wilhem Riphahn ed è stato inaugurato nel maggio del 1951 con una capienza di 1.300 persone. La struttura presenta i palchi scalzato tra loro e una caratteristica forma avvolgente che carpisce e diffonde il suono ma che gli dona una caratteristica struttura da giostra!

Candida - Höfer - Opernhaus Köln
Candida – Höfer – Opernhaus Köln

Il Palacio da Bolsa a Porto, simile nella concezione alla Banca Commerciale Italiana di Milano…. deformazione professionale scusate…è un edificio costruito nel XIX secolo voluto dall’Associazione Commerciale in stile neoclassico con influenze palladiane e ispirato ad un edificio presente in città. Il primo architetto che cura il progetto è Joaquim da Costa Lima Junior, ma sono succeduti moltissimi tra architetti e decoratori. Proprio quest’ultima è stata completata nel 1901.

Candida Höfer - Palacio da Bolsa no Porto
Candida Höfer – Palacio da Bolsa no Porto
Candida Höfer - Palacio da Bolsa no Porto
Candida Höfer – Palacio da Bolsa no Porto

La Fondacao Bienal de São Paulo è stata fondata dall’industriale italo brasiliano Ciccillo Matarazzo, industriale italo brasiliano, nel 1951. L’edificio è considerato il luogo espositivo più importante del Brasile e del Sud America ispirandosi alla Biennale Veneziana. Come notiamo dalle fotografie gli spazi sono collegati tra loro attraverso scali elicoidali, modulato da più piani composti da linee ondulate che ricordano la decorazione dei marciapiedi che infondono  movimento dal ritmo di samba.

Candida Höfer - Fundacao Bienal de Sao Paulo
Candida Höfer – Fundacao Bienal de Sao Paulo
Candida Höfer - Fundacao Bienal de Sao Paulo
Candida Höfer – Fundacao Bienal de Sao Paulo
Candida Höfer - Fundacao Bienal de Sao Paulo
Candida Höfer – Fundacao Bienal de Sao Paulo

Galleria Giò Marconi, lo spazio nasce nel 1990 su iniziativa appunto di Giò Marconi che aveva in precedenza creato lo studio Marconi 17. Uno spazio ma anche laboratorio sperimentale per giovani artisti. La nuova galleria è diretta da Giò e dal padre Giorgio. Anche questa galleria presta attenzione alle proposte delle nuove generazioni. La ripresa interessante è costituta non da architettura nel senso pieno del termine ma da uno schedario, che generalmente non ha assolutamente nulla di affascinante e tantomeno lo si desidera immortalare in una fotografia! Ma anche i plichi hanno una loro poesia e questi parallelepipedi ha anche un’armonia e una scansione!

Candida  Höfer - Galleria Gio Marconi
Candida Höfer – Galleria Gio Marconi

Goethe – Nationalmuseum di Weimar. Il museo è appunto dedicato a Goethe è stato fondato nell’agosto del 1885 grazie al lascito dell’autore. Il palazzo è composto da due anime, una dedicata all’abitazione che l’autore ha vissuto insieme alla moglie Christiane e poi il museo vero e proprio in cui è conservata la raccolta di curiosità, di scienze naturali, libri e disegni realizzati da Goethe stesso. Nel pieno stile del classicismo di Weimar. Quello che vediamo mi sembra per l’appunto una delle zone della vera e propria abitazione in cui predominano arredi puliti essenziali ma certo non comune e caratterizzati dal gusto! Da notare la sequenza delle sale, che ci fa intuire i vari vani che compongono l’abitazione.

 Candida Höfer - Goethe - Nationalmuseum Weimar
Candida Höfer – Goethe – Nationalmuseum Weimar

Con il Palais Garnier approdiamo a Parigi ed è parte dell’Opéra National de Paris e un monumento che rappresenta pienamente l’architettura eclettica della seconda metà del XIX secolo, la costruzione fu sponsorizzata da Napoleone III, che tra l’altro subì anche un attentato, il quale scelse il Barone Haussmann come supervisore dei lavori dell’architetto Charles Garnier. Il Palais fu inaugurato nel 1875 un puro teatro in stile Secondo Impero. Invece che dedicare l’attenzione alla platea o ai palchi, la fotografa si dedicata alla scena, in realtà alla finta tenda che chiude alla vista il palco! Un effetto non spiacevole, molto ricco con una profusione di drappi sovrapposti e trine e un’ulteriore corda che dovrebbe coordinare il tutto, anch’essa rigorosamente dipinta! Ma niente è lasciato al caso e anche l’ombra è rappresentata!

Candida Höfer - Palais Garnier
Candida Höfer – Palais Garnier

Teatro Alla Scala di Milano. Non perché si tratta di un edificio italiano, ma non si può negare l’importanza del teatro più famoso al mondo. Costruito in conformità con il decreto dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria dopo che nel 1776 andò a fuoco il teatro di corte. Il progetto per il teatro fu affidato al Piermarini e venne inaugurato nel 1778. Naturalmente le decorazioni si sono evolute in conseguenza delle mode e con un’adeguata tecnologia! Qui a differenza di quello che accade per Parigi, il punto d’interesse di Candida Höfer è la zona dei palchetti, la migliore  zona in assoluto e che esaudisce uno degli altri desideri dell’uomo, poter dominare tutto e tutti dall’alto!

Candida Höfer - Teatro La Scala di Milano
Candida Höfer – Teatro La Scala di Milano

Biblioteca de Palácio e convento de Mafra, la ricca biblioteca è contenuta all’interno del monastero della città portoghese di Mafra, tutto realizzato in puro stile barocco e costruito sotto il regno di Giovanni V (1689 – 1750) a seguito di un voto fatto dal sovrano. Oltre che l’intero complesso, di notevole valore la biblioteca che contiene 40.000 volumi rari, la più importante biblioteca monastica del Portogallo che non ha avuto certo una calma esistenza! Tra i libri manoscritti, spiccano i canti liturgici composti dai maggiori compositori portoghesi e molti incunaboli. La foto testimonia la grandezza della sala che è infatti lunghi 8 metri, anche se la fotografa ci restituisce una visione isolata e intima io non riesco a non riempirla di persone, perlopiù visualizzo monaci che camminano avanti e indietro, oppure nei corridoi superiori per consultare qualche libro.

Biblioteca do Palacio e Convento de Mafra,Portugal
Biblioteca do Palacio e Convento de Mafra,Portugal

La mia ricognizione di una parte della mostra ospitata dalla Fondazione Bisazza si conclude con l’Archivo General de Indias a Sevilla, un deposito situato nelle vicinanze dell’antico mercato, la Casa Lonja de Mecaderes e contiene importanti documenti che illustrano l’Impero spagnolo delle Americhe e delle Filippine. Tra quelli più interessanti il diario di Cristoforo Colombo. A differenza della biblioteca di Mafra, l’ambiente appare più austero, per un edificio che vorrebbe riecheggiare un Rinascimento di cui certo la Spagna non è famosa! Ad alleggerire lo spazio il pavimento in bianco e nero, che vengono nuovamente appesantita da queste librerie/schedari austeri e pesanti.

Candida Höfer, Archivo General de Indias Sevilla
Candida Höfer, Archivo General de Indias Sevilla

Stavo per dimentica la chicca! Guai! Da buona artista Candida Höfer ai temi degli studi presso la Kunstakademie di Düsseldorf ha sperimentato con amici e compagni di studi in altri campi dell’arte, anzi i corsi dedicati alla fotografia non erano stati istituiti, pertanto si rivolge dapprima al cinema! Con Tony Morgan attore che possedeva una cinepresa 16 mm, girarono nel loro caffè italiano preferito una scena che si intitolava semplicemente prendere il cappuccino! 1975..quella semplice ripresa ha cambiato probabilmente la visione dell’artista.

Durante la serata di Bisazza l’artista era presente e conserva il suo iconico caschetto che probabilmente sbuca durante le pose di fotografia! La mostra in programma fino al 27 luglio 2014 avrà i seguenti orari: dal mercoledì alla domenica dalle 11 alle 18.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...