Goldin age #2

La seconda era goldiniana inizierà ufficialmente domani, Sabato 22 febbraio, quando la nostra città sarà interessata da una nuova ondata di arte tematica, oltre che dalla relativa ondata di turisti che subito dopo la visita alla sua mostra, vorrà ingerire il maggior numero di arte, correndo nei musei cittadini come dei partecipanti ad una corsa campestre.

La mostra intitolata Verso Monet – Storia del paesaggio dal Seicento al Novecento, in programma fino al 4 maggio 2014. Le modalità ricalca esattamente quella precedente, aperto 7 giorni su 7, dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 19 e dal venerdì alla domenica dalle 9 alle 20 con la chiusura della biglietteria un’ora prima. Con cinque sezioni che ripercorrono la pittura paesaggistica. Anche in questo caso le opere provengono da tutto il mondo, vediamo nel dettaglio le 5 sezioni!

1- Il Seicento. Il vero e il falso della natura.

Rappresenta il secolo in cui la natura si emancipa diventano un genere pienamente riconosciuto come soggetto autonomo. Si analizzeranno le visione Arcadiche di Poussin e Lorrain. Ma anche i pittori fiamminghi che hanno contribuito ad emanciparlo e renderlo come soggetto autonomo.

2 – Il Settecento. L’età della veduta

In mostra circa 15 dipinti che illustrano uno dei generi più in voga del secolo: la veduta. Naturalmente al centro di questa sezione troveremo prevalentemente i veneziani, Canaletto, Bellotto e Guardi.

3- Romanticismi e realismi

La sezione molto ampia si concentrerà sul decennio che dall’inizio dell’Ottocento andrà fino agli anni Sessanta dello stesso secolo. I paesaggi marini tormentati di Friedrich e gli inglesi Turner e Constable fino ad arrivare in Francia a scoprire Corot. Nelle 30 opere esposte ci saranno anche i rappresentanti del Nuovo Mondo con la Hudson River School e i paesaggi scandinavi.

4- L’espressionismo e il paesaggio

In questa sezione gli artisti attuano il paesaggio della visione. Attraverso le opere degli artisti che scelgono il Midi come le sue chiare atmosfere e la pittura en plein air.

5 – Monet e la natura nuova

L’ultima sezione rappresenta l’aspetto monografico della rassegna che arriva a Monet, quale rappresentante della modernità.

Come durante l’ultima mostra, sicuramente ci troveremo di fronte a veri capolavori della pittura di paesaggio, ma non credo ci andrò! Non voglio spendere veramente tanti soldi per poter sostare davanti ai quadri mezzo minuto e vedere teste e gruppi di persone e fare quindi in fretta! Buon Goldin Age #2

images

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...