Ukulele in salsa di Tramontana

Non vi rassegnate all’autunno? Volete riportare il sole nelle vostre vite? Dimenticati che siete a Vicenza e non a Honolulu?

Bè per un po’ di tempo potete trasformare la vostra città in un angolo di Hawaii con un corso per gli appassionati e i curiosi della pulce saltellante, a Caldogno ogni anno viene organizzato un Festival per celebrarlo e perchè non esercitarsi e magari calcare le scene il prossimo???

Alla Guest House – Casa La Tramontana di Altavilla Vicentina ecco L’introduzione all’Ukulele in sei lezioni. La Guest House è stata recentemente inserita in una delle rubriche dedicate ai posti da non perdere della rivista Elle di Ottobre!

Il primo previsto per il 19 ottobre un sabato dalle 15 alle 16,30; secondo per mercoledì 23 ottobre dalle 21 alle 22,30; la terza il 30 ottobre dalle 21 alle 22.30; il quarto mercoledì 13 novembre dalle 21 alle 22,30 e l’ultimo il 20 novembre dalle 21 alle 22.30!

Durante il corso sarà offerta una degustazione di the e tisane per rendere ancora più piacevole l’incontro; il costo di 6 lezione è 120 euro (un minimo di 5 persone e un massimo di 16), il prezzo comprende il blocco per appunti musicali e penne; lo strumento sarà messo a disposizione dall’insegnante.

Il corso è condotto da Mimmo Peruffo e le adesioni devono pervenire entro il 15 ottobre e sarà avviato al raggiungimento minimo, per iscriversi o per ulteriori informazioni, si può mandare un sms o chiamare al numero 3381744973 oppure al 0444370579.

Il 22 novembre a corso già concluso è prevista alle 19.30 alla Guest House una serata da menu portoghese e hawaiano che ripercorre i luoghi dell’ukulele

Annunci

Una stagione per ogni estetica

Siamo quasi al giro di boa, per una città che si è tuffata alla scoperta dell’architettura.

Venerdì 4 ottobre alle ore 15.30 si parla di Ogni stagione ha la sua estetica? L’incontro è a cura dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Vicenza. Chi è il responsabile nella costruzione delle città brutte? Un momento di riflessione per scoprire la buona architettura, anche se in pochi casi a dimostrazione che per raggiungere una qualità diffusa.

 

Leggere i tempi:Victor Kravchenko

Appuntamento con i protagonisti della Storia Contemporanea, per un nuovo appuntamento (doveva essere il primo), con i personaggi che hanno fatto la storia!

La vita analizzata nell’appuntamento di venerdì        alle ore 17 sarà quella di Victor Kravchenko (1905 – 1966). Ucraino, è famoso per essere stato un/il disertore dell’esercito sovietica e autore del libro Ho scelto la libertà. Ripercorriamo brevemente la sua storia.

Nel 1929 si unisce al partito comunista e durante la Seconda Guerra Mondiale è capitano dell’esercito sovietico. Nel 1944 fugge e chiede asilo agli Stati Uniti, le autorità sovietiche chiedono prontamente la sua estradizione, ma il governo Americano gli concede l’asilo e gli cambia l’identità. In America, ricomincia la sua vita, sposandosi con Cynthia dalla quale avrà due figli Anthony ed Andrew, ma in Unione Sovietica aveva lasciato il figlio Valentin, nato dal suo primo matrimonio. Il giovane Valentin riconosciuto come figlio di un traditore della patria, viene recluso in un gulag, le condizioni di vita estreme all’interno del gulag, spingeranno Valentin a tentare il suicidio. Victor intanto in America si dedica alla politica socilae, intervenendo spesso sulla situazione boliviane e peruviana. Infatti il suo libro è anche un tentativo di organizzare i contadini poveri in nuovi collettivi. Muore nel 1966, fu trovato nel suo appartamento di Manhattan, seduto alla sua scrivania con il segno del colpo di pistola che l’ha colpito alla testa. L’unica cosa esclusa è il suicidio. Il figlio Valentin riesce a raggiungere l’America e conoscere così il fratello Andrew, il quale ha prodotto nel 2008 un docufilm dedicato alla storia del padre e intitolato The defector..nonostante i miei sforzi non sono riuscita a trovare neanche un misero video! Peccato!

A parlare diffusamento del disertore sovietico, il Prof. Andrea Graziosi, dell’Università Federico II di Napoli. Il professore è specializzato in sovietologia, e oltre ad essere ordinario di storia contemporanea presso l’Università partenopea, dal 1995 è associato al Centre d’études du monde Russe di Parigi e a molti altri centri universitari specializzari nello studio della cultura Ucraina.

La voce recitante dei brani tratti da libri e da opere dei protagonisti saranno a cura di Adriano Marcolini