Il design in Basilica

Le mostre si susseguono in Basilica Palladiana e dopo la videoarte è il momento del design, ma con la D maiuscola! Apre il 6 settembre, con inaugurazione posticipata al 13, la mostra 1913/2013 Pier Giacomo 100 volte Castiglioni, la mostra monografica che racconta di una delle figure emblematiche dell’arte e del design made in Italy.

Ancora attualissime sono le opere create dal designer tra gli anni 1939 e 1968, quando muore. Il 1937 è l’anno della laurea in architettura al Politecnico di Milano e la decisione di cominciare con il fratello Livio e con Luigi Caccia Dominioni un percorso verso l’arte applicata a tutti i giorni, ovvero agli apparecchi radio della Phonolia. Nel 1944 apre invece con il fratello Achille lo studio d’architettura. La sua penna e il sguardo si sono presto posate su moltissimi oggetti spesso di uso quotidiano, in ordine cronologico il primo progetto risale al 1938, delle posate il cui designer principale è il già ricordato Luigi caccia Dominioni, per Alessi. Castiglioni revisionerà il progetto. Risale a undici anni più tardi il primo progetto per Flos, la lampada Tubino. Celebri e arrivati praticamente immutate fino ai nostri giorni veri cult, come l’Arco sempre di Flos, progettata con il fratello Achille, la serie di bicchiere e decanter per Alessi. Le sue opere sono inoltre conservate in molti musei anche e soprattutto stranieri.

La mostra aperta fino al 6 ottobre, ci porta nel mondo della Milano di quegli anni, tra fotografie, 100 immagini provenienti dal Centro Studio e Archivio della Comunicazione di Parma (CSAC), naturalmente anche gli oggetti prodotti tra il 1939 e il 1968, attraverso le video-interviste alla figlia Giorgina, il nipote Piero, Tobia Scarpa.

La mostra a cura di Piero Puggina, il catalogo curato da Silvia Cattiodoro, presenta otto sezioni, in cui si evidenzia la grossa eredità lasciata. Una mostra dall’impronta didattica per restituire il giusto rilievo al designer. Inoltre l’Isai all’interno della proposta espositiva ha curato con il designer e architetto Riccardo Blumer un progetto sul tema del servo muto.

La mostra aperta dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19, con un ingresso di 5 euro intero mentre ridotto di 3 euro.

Inaugurazione 13 settembre ore 16, a seguire convegno dal titolo 1913 – 2013. 100 parole per Pier Giacomo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...