28 agosto a Bassano: imbarazzati a scegliere

Altra giornata intensa per il calendario, fittissimo, di OperaEstate Veneto!

Cosa sarebbe da fare? Abbandonare Vicenza per qualche tempo e vivere a Bassano per assaporarne tutte le inizitive, liberi di scegliere!

Ben 5 appuntamenti, dal pomeriggio fino alla sera, vediamoli nel dettaglio, il primo appuntamento è per le 18.30 con I AM THE PASSENGER, 10 performer e 20 spettatori si incontrano per passeggiare ma per svolgere una performance collettiva. Attraverso la riappropriazione degli spazi urbani, attraverso un viaggio che va oltre quello fisico, ma che è anche materiale, intellettuale ed emozionale. Appuntamento in P.zza Libertà. Memoria e immaginazione diventano strumenti di una riappropriazione
sostenibile del territorio: gli spettatori sono camminatori e intraprendono una passeggiata, immaginando e vivendo scenari in cambiamento. “I am the passenger” si sviluppa dall’incontro tra la parola, testimonianza di chi racconta, e la forma visiva del paesaggio di chi ascolta. Un percorso attraverso ambienti e suggestioni, un racconto fatto anche di rumori, suoni e musiche:
paesaggio sonoro che sviluppa un movimento interiore straniante, separando e al contempo arricchendo quanto gli occhi vedono con ciò che l’udito recepisce. Un viaggio non solo fisico, ma anche mentale, intellettuale, emozionale. La performance nasce in seno al progetto “in your shoes” di Ailuros, in collaborazione con Color teatri e sostenuto dall’Unione Europea. Ailuros e Color teatri hanno coordinato l’incontro tra giovani e immigrati, focalizzando l’attenzione sul rapporto tra individuo e spazi urbani. La drammaturgia nasce dalla raccolta di testimonianze di alcuni stranieri che
vivono nel territorio, che raccontano il loro rapporto con la città di Bassano del Grappa, come vedono i luoghi in cui abitano e quale relazione li lega a spazi, architetture, persone e comunità locali. L’immigrazione diviene sguardo straniante, rivelamento dello stupore insito nel già noto. I luoghi attraversati durante il percorso divengono dei “nodi narrativi” attorno ai quali si compone la passeggiata. Un’esperienza collettiva di riappropriazione delle distanze e del senso degli spazi, di individuazione e ri-attivazione dei valori e delle risorse del territorio e della sua storia. Per partecipare alla performance sarà chiesto a ciascuno spettatore di portare un dono: un oggetto qualsiasi di uso comune, che racconti qualcosa di sé o che semplicemente sia stato utile almeno una volta. Per la regia di Barbara Riebolge con Ailuros e Color teatri, ricerca drammaturgica Federica Bonan Nicola Cecconi Mattia Pontarollo Elisa Geremia Barbara Riebolge, ambiente sonoro Jhon William Castano Montoya e grafica di Violetta Pouedras

Quindi 28 agosto alle ore 18.30 in Piazza Libertà a Bassano del Grappa, 5 euro.

Alle ore 21 si arriva invece al Teatro Remondini di Bassano del Grappa, per assistere allo spettacolo del vincitore del Premio Scenario 2012, dal titolo Mio figlio era come un padre per me, dei fratelli Marta e Diego Dalla Via. Si parla della nostra generazione, in uno spettacolo che si svolge nell’arco di 24 ore, passando i vari stadi dell’animo umano, dall’euforia alla depressione. Per costruire il nostro futuro, bisogna “vomitare” il nostro passato. Uno spettacolo complesso e da vivere vedendolo. Alle ore 21, prenotazione consigliata, ingresso 5 euro.

Ancora un nuovo momento di spettacolo questa volta con uno degli spettacoli finalisti del Premio Scenario 2013. Alle ore 21.20 al CSC garage Nardini Silvia Costa & Giacomo Garaffoni, dal titolo Quello che di più grande l’uomo ha realizzato sulla terra. Naturalmente a Bassano del Grappa e con prenotazione consigliata al costo di 5 euro. Scavando nelle parole e nei gesti, per afferrare i grandi compiti dell’esistenza.

UMMONTE, che ha ricevuto una menzione speciale al Premio Scenario 2013. Elisa Porciatti ci parla di UMMONTE di cose, dalla città gioiello in cui vive e un grande talento nel dettare le regole del sistema economico…mmm da vedere! Ore 22.30 CSC Nardini, prenotazione consigliata, ingresso 5,00.

Alle ore 23 ultimo appuntamento, sempre al CSC garage Nardini è la volta di un’altra finalista del Premio Scenario 2013, Alice Disambientata con Ilaria Dalle Donne. Quello che personalmente ricordo è l’ansia data dal coniglio col suo è tardi è tardi… ora troviamo un’Alice diversa, perchè la sua guida il Bianconiglio è morto e lei non sa dove andare, confusa è sul Ring per la lotta con la vita. Prenotazione consigliata, dal costo di 5 euro.

Puoi acquistare di persona alla Biglietteria del Festival, a Bassano in Via Vendramini 35 (accesso da Piazza Garibaldi), prenotazioni telefonando allo 0424 524214 nei seguenti orari: dal lunedì al sabato 9.30/12.30-15.30/18.30. Online su www.vivaticket.it. I biglietti sono acquistabili anche presso i botteghini dei rispettivi teatri la sera dello spettacolo a partire da un’ora prima l’inizio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...