Il start up fatto in fotografia

Siamo alla vigilia del festival giovane e per giovani, che tanto ci ha fatto trepidare per mesi, almeno per me,  all’accanita ricerca di informazioni! Ma la sorpresa è che Start Up, ha aperto una sera prima con una sorta di preview delle tre intense giornate. Per entrare nello spirito giovane eccoci al Cantiere Barche che per una manciata di giorni ospiterà la doppia personale di due fotografi di diversa provenienza e formazione! Ezio D’Agostino e Luigi Cecconi.

Nell’articolato, e umido, spazio della galleria i due fotografi si parlano e parlano a noi con linguaggi diversi!

Nelle sale al piano superiore l’occhio del calabro francese Ezio D’Agostino, si posa sul quartiere di Les Halle, quartiere già nato con una predisposizione allo scambio e al mercanteggiare, negli anni ’70 tale spazio è stato dotato di un innovativo centro commerciale sotterraneo. Recentemente dopo che il degrado ma soprattutto nuovi canoni estetici sono sopraggiunti, l’intero Forum è stato sventrato. Il fotografo ha immortalato il tempo che passa e che a poco a poco cancellerà anche gli ultimi resti di questo passato! Sono ventisei scatti che navigano sulle pareti di Cantiere Barche e che immortalano, la piscina, il fast food, ciotole di consumazioni finite, i parcheggi e la polvere che ricopre le macchine. La fragilità di un posto che ha poco più di trent’anni ed è già obsoleto…analogia con l’età del fotografo che ha trentaquattro anni, ma per una persona quella stessa età è considerata quella di un giovane uomo, invece per un oggetto o per un edificio è già sinonimo di passato!

Luigi Cecconi esprime invece la sua romanità attraverso i ponti sul Tevere, Il mio lavoro è l’elemosina, e le rive del fiume dimora di molta gente! Quello che vediamo sulle pareti, al piano inferiore di Cantiere Barche, sono fotografie che non riportano solo i volti dei veri abitanti di quei luoghi, come in una foto segnaletica, ma sono abbinati ad ogni volto alcuni oggetti, dai frugali pasti a qualche indizio che riporta al passato, in cui avevano magari una famiglia e una casa vera! Sul banco di prove, tutti questi elementi ci parlano di passioni e di necessità e queste persone che spesso percepiamo più come fantasmi, tornano a prendere corporeità.

Come dicevo prima ancora domani ci sarà la possibilità di vedere gli scatti, sempre che non siate troppo impegnati nello Start Uppeggiare in Basilica e dintorni…io per non sbagliare domani mi trasferisco in laguna a godermi l’aria internazionale della città lagunare! Qualche foto…

Cantiere Barche 14 Ezio D'Agostino

Ezio D'Agostino

e Petra Cason
e Petra Cason

Luigi Cecconi

Luigi Cecconi

Luigi Cecconi

Luigi Cecconi

 

Annunci

2 pensieri su “Il start up fatto in fotografia

  1. Hi there, I found your blog by means of Google while searching
    for a similar subject, your website came up, it seems good.
    I’ve bookmarked it in my google bookmarks.
    Hi there, just became aware of your weblog via Google, and located that it is truly informative. I am going to be careful for brussels. I will be grateful if you happen to proceed this in future. Lots of other people can be benefited from your writing. Cheers!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...