Il mio cuore Pulsart a…

.. in provincia di Padova, no mi spiace non ho intenzione di andare via da Vicenza oppure parlare degli eventi fuori provincia…sarebbe la mia morte, ma è giusto essere completa almeno in questa occasione. Perché ritorna PULSART, il luogo d’elezione è sempre Schio, ma ci saranno delle occasioni anche fuori da lì, con degli appuntamenti in altre location. Prima di spiegarvi nel dettaglio l’intento e il tema di quest’anno vi rendo partecipe di questi eventi, questo è il primo in programma!

La prima si svolgerà da domani 14 giugno e fino al 22 giugno  presso il “Centro Sonika” in via Maso, a Villa del Conte (Pd). L’evento coinvolgerà musicisti e artisti. I visitatori saranno accolti in questo luogo, pensato come un luogo di incubazione e sperimentazione = [in] KUBO. Tutto questo collaborerà ogni sera per dare vita ad un evento nuovo.

Ecco l’elenco degli artisti che parteciperanno: Alessandro Trentin; Nunzio Paci; Ueia Lolta; Arianna Piazza; Daniele Cazzola; Lisa Castellani; Cristina Gori; Alessandro Cardinale, Andrea Maino, Andrea Pertile-Aeighenes, Maurizio L’Altrella, Matteo Vettorello, Alessandro Severin, Francesco Liggieri, Elisabetta Mastro, Decifra.

A presto con la seconda proposta…aspettando Schio!

I territori della mente

Il collettivo La Qasba, presenta venerdì 14 giugno alle ore 19.30 la mostra collettiva Territori della mente.

Esporranno i seguenti artisti: Alessio Guarda, Carlo Zulian, Giacomo Modolo; Gianluca Rossitto, Ilaria Trees Meridio, Lucia Apolloni, Mattia Bertolo, Nicolò Gemieri, Pier Giacomo Galuppo, Piero Barbieri, Riccardo Ceccato, Thomas Tosato, Triplavee.

Previsto anche il buffet.

Dalle 19.30 DJ SET DEEOHDEE

Alle ore 22.30 Live Show 16 Barre, con la presentazione del nuovo disco ST.Hope

Il C.S. Bocciodromo, Via Rossi, Vicenza!

Con Attilio

Ancora pochi giorni e le attività di San Silvestro cesseranno per dare spazio a nuovi progetti, almeno credo! Intanto il fotografo vicentino Attilio Pavin, che nei giorni passati aveva dato disponibilità per un workshop all’interno del complesso, venerdì 14 alle ore 20,30 incontra ancora il pubblico, un fotografo della sua esperienza sicuramente può dare grandi spunti anche professionali.

Anche questo appuntamento è a ingresso libero. Ore 20.30!

Leggere i tempi: Andrea Zanzotto

Ultimo appuntamento con l’ottavo ciclo di Leggere i tempi, che si conclude con un omaggio al poeta Andrea Zanzotto. Il convegno, ospitato nel Salone di Apollo di Palazzo Leoni Montanari, alle ore 17 sarà presenziato dal Prof. Luigi Beccaria dell’Università di Torino.

Andrea Zanzotto nasce nel 1921 a Piove di Soligno e quando inizia la scuola elementare (cinque/sei anni), è già in grado di leggere ed è così ammesso alla seconda classe. Negli anni della scuola è un bambino vivace e non troppo disciplinato. Già durante la scuola media pernsa di intraprendere gli studi presso la scuola magistrale, anche per aiutare la famiglia che si trova in precarie condizioni economiche. Durante gli studi superiori, Zanzotto è costretto a fare da pendolare e durante questi lughi tragitti si avvicina alla letteratura. Per consentirgli di continuare gli studi il parroco del paese gli dona dei soldi come debito d’onore. Da privatista ottiene anche la maturità classica. Nel 1939 si iscrive alla Facoltà di Lettere di Padova e i suoi insegnanti saranno Diego Valeri e Concetto Marchesi. Aderisce in quegli anni a numerosi gruppi associativi, scriverà per le riviste universitarie che aderiranno solo di facciata al regime. Nel 1943 frequenta ad Ascoli il corso AUC, dove si acuisco legati all’asma di cui soffre. Tra il ’43 e il ’44 aderisce alla Resistenza Veneta, occupandosi della stampa e della propaganda e nel contempo continua a frequentare i gruppi attivi a Padova legati al Partito Comunista. Tra i vari incarichi scolastici, quello svolto in Svizzera, a Losanna si unisce ai seguaci del medium Swedenberg e reperisce i suoi libri. Alla fine del 1947 ritorna in Italia e ottiene l’abilitazione per alcuni insegnamenti. Già durante gli anni trascorsi in Svizzera propone i suoi scritti per premi letterari. Nel 1959 sposa Marisa Micheli. Dagli inizi degli anni ’60 la sua presenza in qualità di critico si intensifica, scrive numerosi saggi critici su autori a lui contemporanei. Nella seconda metà degli anni ’70 inizia la sua collaborazione con Federico Fellini, partecipando alla stesura di Casanova realizzando alcuni dialoghi e parti di sceneggiatura de La città delle donne. Collabora con molti artisti in particolare con incisori per la realizzazione di cartelle: Vedova, Guidi e molti altri. Le sue crisi depressive ripresero e fu costretto a ricoverarsi, questo stesso periodo corrispose a una grande fortuna critica e la vincita di numerosi premi…..il poeta ci ha lasciato nel 2011.

Gian Luigi Beccaria, ordinario di Storia della Lingua Italiana all’Università di Torino, ha diretto la stesura del Dizionario di linguistica italiana e di filologia metrica, numerosi saggi e studi sull’argomento. Membro dell’Accademia della Crusca, l’Accademia di Scienze di Torino e dei Lincei. Collabora con numerosi periodici.

Ancora una volta sarà la voce di Adriano Marcolini, a narrarci e dar nuova voce agli scritti del poeta.

Appuntamento venerdì 14 giugno alle ore 17.

Libriamo, Libriamo…il 14 giugno

E con l’estate ritorna un o degli appuntamenti più interessanti per Vicenza, il suo festival letterario arrivato all’edizione 2013! In versione ridotta rispetto all’anno scorso, si svolgerà in tre giorni, da venerdì 14 a domenica 16!

Vediamo nel dettaglio il programma della serata:

Libriamo inaugura alle ore 21, ai Chiostri di Santa Corona con Lella Costa, presentata da Andrea Di Gregorio. Il libro in programma si intitola Come una specie di sorriso (Piemme, 2012).

Lella Costa non ha certo bisogno di presentazioni, attrice e non solo, in Veneto è conosciutissima e attivissima, risale a pochi mesi fa la sua partecipazione ad altri eventi della provincia!

L’amore crea famiglia!

Si parla al B55, alla vigilia della grande giornata del corteo che sfilerà per la città!

Alle ore 15, il tema sarà è l’amore che crea la famiglia. Intervengono Margherita Bottino (psicologa e ricercatrice), Ilaria Trivellato (referente per l’Emilia Romagna di Famiglie Arcobaleno) e Camilla Selbezzi (Presidente della Commissione cultura del Comune di Venezia).

La conferenza è a cura di Famiglie Arcobaleno, Rete Genitori Rainbow, AGEDO e Comitato Vicenza. Per ulteriori info fatriveneto@gmail.com

Alle 18 sempre al B55 il convegno dal titolo IL PROGETTO CRITICO.. LGBT & QUEER. Interverranno Elisa A.G Arfini, Beatrice Busi e Sara Garbagnoli, a cura di Comitato Vicenza Pride e Politesse (Centro di Ricerca sulle Politiche e Teorie della sessualità dell’Università di Verona).

Dopo un momento dance al Bar Borsa…ore 18.30!

La serata di chiude con le Sorelle Marinetti – non ce ne importa niente, di Giorgio Bozzo e con la regia di Max Croci. Ingresso 10 euro!