Exra ordinario = extra urbano…il teatro in città

Le performance con l’inizio della primavera escono dalle mura dei teatri, e per gli ultimi appuntamenti della stagione il Teatro Astra avvicina le performance alla città e si mostra in PIAZZA!

Per la prima data, la compagnia de I sacchi di sabbia  presentano Il teatrino di San Ranieri – Ludo in piazza di Giovanni Guerrieri, con le scene di Giulia Gallo e Antonio Calandrino con marco Azzurrini, Gabriele Caroli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Illiano e Andrea Lancioni. Protagonista è San Ranieri, patrono di Pisa, secondo una leggenda apocrifa Ranieri guidò truffaldini, ladroni, pacifisti per raggiungere la Terra Santa, sperando che il mare si spalancasse davanti a loro, ma l’impresa non riuscì. Lo spettacolo propone questa migrazine portando il pubblico ad effettuare loro stessi uno spostamento.

Appuntamento per sabato 23 marzo ore 16 in Piazza dei Signori.

Annunci

E il sipario si chiude

La gara a colpi di battute teatrali ha fine e quello della scorsa settimana era l’ultima rappresentazione e sabato 23 marzo alle ore 21 la serata di gala si svolgerà con un programma musicale, Giovani Emozioni in Concerto a cura della giovane orchestra di Vicenza, con la direzione del M° Giuliano Fracasso. La serata prevede inoltre il momento della premiazione delle compagnie e dei vincitori.

23 marzo ore 21 Teatro San Marco di Vicenza,

biglietto intero 9,50, ridotto 8!

Le arti performative a teatro secondo appuntamento

Ancora il Teatro Bixio accoglie le arti performative. Nella serata del 23 marzo alle ore 21 ci saranno ad aspettarci sul palco dapprima il collettivo Jennifer Rosa con Interno 6 con il performer Vasco Manea e Monica Zucchetti. Il concept e la regia di Chiara Bortoli e Francesca Raineri. Questo primo momento ci mette a confronto con il tempo che passa all’interno di una stanza, che cambia attraverso piccoli ma significativi eventi.

Seguirà Swollen Terrorist con Giada Meggiolaro e Nereo Marulli. La coreografia e la danza a cura di Giada Meggiolaro, le immagini e le scene di Nereo Marulli e Andrea Cazzolato. Attraverso la proiezione di gesti e di alcune foto, avviene la pratica di ricostruzione  e messa in scena attraverso una rielaborazione fisica.

Dalle ore 21 Teatro Spazio Bixio, Via Mameli 4

Due…sacchi di sabbia

Con l’avanzare del clima primaverile il Teatro Astra cambia veste e propone, per gli ultimi appuntamenti della stagione propone momenti performativi, composti da due spettacoli nell’arco della stessa serata, dalla durata variabile.

Sabato 23 marzo ore 21, due spettacoli in uno!Alle 21 si inizia con L’invasione degli ultracorpi – A scienze fiction, da un testo di Giovanni Guerrieri. Libri di Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Illiano, Giulia Solano. Tecnica di Federico Polacci. Della durata di 50 minuti circa, ci racconta di una subdola invasione aliena, umanoidi, chiusi in bacelli che mancano di anima e umanità.

Nella seconda parte della serata, sarà invece proposto uno spettacolo di 30 minuti Abram e isac – sacra rappresentazione in cartoon. Liberamente tratto dalla rappresentazione di Abram e Isac, scritto nel 1940 da Giovanni Guerrieri. Libri sono stati realizzati da Giulia Gallo. Con Arianna Benvenuti, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri e Giulia Solano. Un racconto sacro in stile pop – up, con una “dimensione performativa sospesa e al tempo stesso ironica e sacra.”

La giornata vicentina di Salvatore Settis

Giornara sabato piena di iniziative, tra performance pubbliche, teatro e incontri culturali.

Tra le molte cose e occasioni anche un pomeriggio ad ascoltare Salvatore Settis, che nella mattinata sarà ospite dell’Istituto di Storia nel corso della prolusione che si terrà a Palazzo Leoni Montanari. Ma per partecipare bisognava essere invitati. Ma non vi preoccupate, il pomeriggio alle ore 17.30 all’Odeo del Teatro Olimpico un evento speciale., voluto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza e dall’Istituto per le ricerche di storia sociale e religiosa. Lo studioso sarà introdotto da Dino Piovan (archivista e collaboratore di Alias Domenica), tema dell’incontro la presentazione dell’ultimo libro dell’autore calabrese (Rosarno 1941), intitolato Azione popolare. Cittadini per il bene comune. 

Salvatore Settis, nasce a Rosarno (RC), nel giugno del 1941, laurea in Archeologia Classica, presso l’Università Normale di Pisa, diventando nel corso degli anni professore ordinario dello stesso Ateneo. Ha inoltre diretto il Getty Center for the History of Art and the Humanities di Los Angeles tra il 1994 e il 1999. È membro di numerosissimi istituti culturali in Europa . Per le dure critiche ai tagli perpetrati dal governo Berlusconi è stato costretto a dare le dimissioni dal Consiglio Superiore dei Beni Culturali. È stato sposato con Chiara Frugoni importante storica medievale…(la ammiro moltissimo!).