Col Blues si chiude l’anno

Pronti per dire addio al 2012? Io si…ho praticamente già lo spumante in mano. Avete già trovato il modo per festeggiare l’arrivo del nuovo anno? Se non siete da amici o da parenti e la prospettiva più divertente è accontentarsi di Barbara d’Urso e l’immancabile Conti sulle tv nazionali….uscite e scoprite la vostra anima Blues andando in Campo Marzio, in cui verrà allestita la struttura che dalle 21 del 31 dicembre in cui si alterneranno due gruppi che vi accompagneranno nel promettente (speriamo!) 2013!

Per primi i Mirrors Blues Band, quintetto rock – blues, composto da: Mauro Padoani (sax tenore), Stefano (Toto) Tosadori (voce e chitarra), Stefano Scalchi (chitarra), Micheole Ghizzetti (basso) e Nicola Padoani (batteria). Durante la serata riproporranno pezzi, tanto per citarne alcuni, di Hendrix, Mayall, Cream e molti altri.

Alle 23.30 l’ultimo scorcio di 2012 sarà con la voce e la chitarra di Matteo Sansonetto Blues Revue, conosciuto bluesman italiano.

Per i concerti l’ingresso è libero.

Buona fine e buon inizio a tutti quanti

Annunci

Schei

Schei, tera e memoria commedia in lingua veneta di Enrico Grandesso con Daniele Berardi, Matteo Zandonà, Christian Nicoluzzi, Luca Iseppi e Renato Poli, regia di Giovanni Florio, di Nautilis Cantiere Teatrale.

Lo spettacolo è liberamente ispirato dall’opera del poeta Ernesto Calvazara.

Ore 21, il 29 dicembre ore 21 Spazio Bixio

L’arte e cinema si incontrano a teatro

Eccomi, appena tornata dalla magnifica serata allo Spazio Bixio che ha aperto il suo spazio per ospitate la IV rassegna cinematografica. 

Protagonisti della serata magnifici interpreti dell’arte, del cinema d’autore e della danza, ma andiamo per ordine, il primo a mostrare il suo lavoro è Luigi Alberton, che propone due diversi corti:

La giostra: video del 2009, che è il primo lavoro di sperimentazione cinematografica che utilizza fotocamere reflex. Una storia di incontri e di sogni, che si svolge nella sempre magica Venezia. Protagonisti attori vicentini, che per la realizzazione di scene e la scelta dei costumi, fondamentali sono stati gli amici e i parenti del regista. Un corto ma in realtà 6, iniziato per un lungometraggio nel 2000 che però non ha visto la luce. Un corto con pochissimi elementi narrativi e che prevede un minuto di sonoro. Un incontro in una calle veneziana, tra un pittore e una sconosciuta donna che sembra ( e lo è) di un’altra epoca! In sogno la sensazione di smarrimento ma di riconoscimento si svela in un mondo in una vita passata ma non dimenticata.

Il secondo corto…anzi cortissimo presentato si intitola Agorà, nel nome stesso ci annuncia il progetto dell’autore un occhio, un pensiero al bene comune, un corto distillato in tre minuti. Realizzato con l’ausilio delle casette in ceramica creata da Vania Sartori, ceramista di Nove e dal paesaggio che come un giardino zen è stato realizzato in farina e sale, dalla sorella del regista, artista a sua volta! Abbandonatevi quindi alla leggerezza e alla gravità!

Tanto per dare un’informazione in più, Luigi Alberto, sta portando avanti l’iniziativa, L’arte per l’evoluzione. Se vi interessa l’iniziativa vi invito a visitare il sito www.immaginariosonoro.org e cercare la sezione relativa.

Altro video, altro autore. Tocca al collettivo Jennifer Rosa con il lavoro Francesche. Presenti Fiorenzo Zancan, il regista, Chiara Bortoli e Francesca Raineri, entrambe presenti nel video. 13 minuti con 4 performer dal nome Francesca, anche se l’eccezione è per Chiara. L’intento del video è estraniarsi dalla narrazione, niente attualità, ma una documentazione video che ha una sua indipendenza. Francesca Raineri, ha poi sottolineato l’intento di qualcosa dell’umano che guida lo spettatore, e in cui l’identità non è filtrata. Mentre Chiara Bortoli ha sottolineato l’ispirazione con The perfect Human being di Jorgen Leth realizzato nel 1967. Il corpo è il soggetto principale.

Al programma “ufficiale” è stato inserito anche una sezione giovani, dedicata al lavoro di Filippo Leoni che durante la serata presenta due lavori.

Food, un cortometraggio narrativo, che mi ha tolto la voglia di mangiare pesce per un po’….cavoli proprio in vista della Vigilia! Una vera e propria storia a tutti gli effetti con tanto di spacciatori, loschi trafficanti, imprenditori corrotti e matrimonio di interesse …. si nei confronti della propria vita….tratto dal libro dello scrittore padovano Massimo Carlotto, che con Francesco Abate ha scritto Mi fido di te.

Il secondo è il TEASER di un film di prossima uscita prodotto Zero – Budget e Zaro Profit, dal titolo Venezia Impossibile…tratto dal libro di  Marco Toso Borella. Il film…come del resto il libro parte dall’idea,…appunto impossibile ,che il Doge Ludovico Manin, nel lontano 1797, fosse riuscito a sconfiggere Napoleone e ancora, che la moderna Venezia fosse ancora una Repubblica autonoma e nonostante telefonini ecc… si andasse ancora in giro con maschere e trine! Nel teaser si sono viste anche scene scabrose….uh uh! Questi veneziani!

Ultimo ma non ultimo un corto definito vintage, del 1984….scusate IO sarei vintage! Eh no! Ma che posso fare! Chiudiamo la serata un tesoro riportato alla luce, l’autore Enrico Köller, vicentino e che ha avuto una formazione straordinaria, studiando presso il Centro Sperimentale d’Arte Cinematografica di Roma e  collaborando per svariati anni alla realizzazione di numerose trasmissioni tv! Il protagonista è però lo scultore e incisore vicentino Maurizio D’Agostini…..una vera pietra miliare per l’epoca anche per la tecnica utilizzata, dal titolo La visione del guerrieroPrima della visione un simpatico, quanto inatteso momento di cabaret con il regista ha animato la scena del teatro. Il video riprende l’artista durante la realizzazione delle sue opere e i suoi momenti di meditazione.

Prossimi appuntamenti, meno locali, ma altrettanto interessanti con l’anno nuovo…il 13 e il 20 gennaio!

Christmas with MODE

Dopo i precedenti appuntamenti al Teatro Busnelli di Dueville anche un evento natalizio. Ci si prepara alla notte più santa dell’anno con Goran Ghirovitz & The Tirana’s Big Band Orchestra. La band formata da dieci musicisti più altri musicisti delle band meno note della provincia di Tirana che interpreta i più celebri pezzi blues occidentale in chiave balcanica!

In apertura anche le esibizione live di tre one man band

Phill Raynolds, Wasted Pido e Sheriff Perkins.

Appuntamento per il 23 dicembre alle ore 22 ingresso 2 euro!

Ada for a special Christmas!

L’antivigilia di Natale che programmi avete? Come potete immaginare avete almeno una possibilità!

Questa possibilità ve la fornisce in particolare Ada Lab. La giornata comincia con l’antipranzo natalizio, naturalmente vegan. Alle ore 15, si prosegue in musica con il concerto di Les Manouches Bohémiens. E tutto il giorno mercatino di autoproduzioni, bevande calde e dolci.

L’indirizzo dovreste ormai conoscerlo: Via Btg. Framarin 42

Ho ricevuto DER RUF

Purtroppo il mio dizionario di tedesco è estremamente scarso…quindi ho scoperto grazie al mondo magnifico del web, cosa significa: LA CHIAMATA!…Lo spazio ha aperto da pochissimo, in Contrà Porta Padova n. 89 (ovvero all’interno di un cortile dietro il negozio di animali). L’associazione culturale ha aperto i battenti l’ottobre scorso e nel pomeriggio odierno, dopo aver  avuto la conferma che il clima di terrore creato da tv e dai giornali era una grossa bufala, si pensa come passare il venerdì sera.

Oggi, verso sera con la mia amica Petra, andiamo alla scoperta di questo nuovo centro della vita culturale cittadina alternativa! Presentano Galvanismo, la serata vedeva protagonisti, da un lato il gruppo strumentale Nova sui prati notturni, cercando le necessarie notizie sul gruppo, mi imbatto nell’intervista realizzata da Questa non è arte e quindi cliccate! Il gruppo formato da Federica Gonzato, Massimo Fontana, Giulio Pastorello e Gianfranco Trappolin hanno tutti alle spalle importanti esperienze musicali. In particolare Gianfranco Trappolin, collabora con il gruppo in qualità di performer teatrali a vari progetti artistici in questo caso, con Fabio Ferrando. Nel campo della produzione di video, proprio Ferrando realizza video sia a scopo commerciale che artistico, fonda la videoframe25.

Questa sera, nel raccolto spazio di Porta Padova, la musica di Nova sui prati notturni si è avvalsa delle proiezioni di Ferrando, che evidenziava i vari passaggi sonori del gruppo, certo realizzati con estrema energia! Il pubblico è accorso numeroso. Alle spalle dei musicisti le finestre sfondavano lo spazio verso paesaggi e figure di alberi. Dopo la prima, ecco anche la seconda replica! Nell’attesa di sentire e vedere nuove iniziative, grazie e benvenuto spazio DER RUF (l’ho inserito nel mio blogroll…quindi dateci un’occhio)!

IMG_8088 IMG_8099

Jennifer Gentle

Secondo appuntamento con MODE atto I (vedi notizie sul precedente appuntamento QUI). Il nuovo appuntamento è previsto per venerdì 14 dicembre alle 22 questa volta con Jennifer Gentle  con Alberto e Luca Ferrari dei Verdena.

I Jennifer Gentle è un gruppo rock psichedelico/acid, nato nel 1999 a Padova e molto attivo all’estero, tra gli altri è il primo gruppo europeo a cui è stato offerto un contratto dall’etichetta discografica Sub Pop di Seattle (hanno lanciato i Nirvana). I passi sono tanti e nel 2007 vengono invitati dal leader dei Pulp nella sua unica data italiana. Dal novembre 2009 si uniscono (Marco Fasolo e Liviano Mos….nel frattempo la formazione aveva subito svariate modifiche) per alcuni live dei Verdena….Alberto e Luca Ferrari.

In apertura i Panda Kid, cito letteralmente dalla biografia trovata sul sito http://www.rockit.it…. è una garage one man band, che trasmette una combinazioni di stili e sonorità. Calca numerosi palchi importanti sia a livello nazionale e internazionale.

Teatro Busnelli di Dueville ingresso 5 euro!

 

Cinema d’autore a teatro

A cavallo tra l’anno vecchio e il nuovo 2013, che come ogni anno nuovo che si rispetti è pieno i nuove speranze.

Teatro Spazio Bixio, ospita in data, domenica 23 dicembre alle ore 21 Cinema d’arte – Provincia di Vicenza IV rassegna cinematografica allo Spazio Bixio. Tutti gli eventi (ovvero le tre date previste) sono a ingresso libero ma su prenotazione.

Vediamo nel dettaglio il programma di domenica 23 dicembre … ricordo alle ore 21:

Questa giornata sarà dedicata alla sezione locale, vedrà in particolare protagonisti:                                         LA GIOSTRA e AGORA’ – Luigi Alberton – Immaginario Sonoro (sarà presente il regista)                              FRANCESCHE – Jennifer Rosa                                                                                                                                        LA VISIONE DEL GUERRIERO di Enrico Kötterl, documentario del 1984 sull’artista Maurizio D’agostini.

La sezioni corti d’arte è stata realizzata con l’ASOLO INTERNATIONAL ART FESTIVAL..

Prossimo appuntamento è per il 13 gennaio sempre ore 21.

importante! La serata è a ingresso libero su prenotazione, c’è la possibilità di prenotare fino alle ore 13 di venerdì ai numeri  0444 322525  oppure al numero di cell 345 7342025. 

I coordinatori di questa magnifica iniziativa sono : Piergiorgio Piccoli, Alessandro Bevilacqua e Aristide Genovese

Natale si avvicina nell’attesa andiamo a teatro

Aspettando il Natale ecco un appuntamento speciale di Theama Teatro con lo spettacolo In nome della madre di Erri De Luca con Anna Zago e Daniele Berardi con la regia di Piergiorgio Piccoli.

Sono due le date proposte venerdì 21 dicembre e sabato 22 alle ore 21.

Naturalmente diversi da Spazio Bixio

 

Prendiamoci un buon tè

Ultimo appuntamente culturale dell’anno per la Biblioteca Internazionale “La Vigna”, verrrà presentato mercoledì 19 dicembre alle ore 17.30, l’ultimo libro di Livio Zanini La via del tè: la Compagnia inglese delle Indie Orientali e la Cina, pubblicato dal Centro Studi M. Martini.

In questo libro, il docente di Lingua Cinese (Cà Foscari), ripercorre la storia millenaria del tè attraverso le tappe principali attraverso un viaggio nel mondo. A introdurre il Presidente Mario Bagnara e in chiusura sarà offerta una degustazione a  cura del negozio “Un po’ di tè” di Alte Ceccato.